La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Aldo Fabrizi



Aldo Fabrizi

Nato il 01/11/1906 a Roma, Italia
Morto il 02/03/1990 a Roma, Italia



Biografia:

Nato a Roma nel 1906, Aldo Fabrizi fa la sua entrata nel mondo dello spettacolo all’età di 25 anni. Il luogo del debutto è il cinema Corso di Roma, dove interpreta due caricature di sua composizione: Bruneri o Cannella? e Nel duemila. Per tanti anni ancora porterà sul palcoscenico le straordinarie macchiette da lui inventate: il vetturino, lo scolaro, il pugile, il cameriere. Personaggi che poi riproporrà molti anni più tardi in varie trasmissioni televisive. Nel 1942, Fabrizi fa il suo esordio al cinema con Avanti c’è posto per la regia di Mario Bonnard, facendo già capire la natura dei suoi personaggi a venire: schietti e genuini. Nel 1943, altri due film (Campo de’ Fiori per la regia di Bonnard e L’ultima carrozzella di Mario Mattoli) che sembrano anticipare in toni leggeri il Neorealismo che diromperà due anni dopo con Rosselini ed il suo Roma città aperta, film del quale Aldo Fabrizi è, per l’appunto, interprete. Ed è proprio interpretando il prete partigiano don Morosini, che il grande attore romano esce dall’ambito dei confini cittadini per arrivare al successo internazionale. In questo periodo riescono a convivere bene gli impegni teatrali (Poveri noi e Tordinona scritte da lui stesso e Volemose bene con la collaborazione di Mario Mattoli e Marcello Marchesi), e quelli cinematografici. Ma è una convivenza che dura poco, perché a un certo punto il Nostro si getta a capofitto nel mondo della celluloide. Nel 1949 con il film Benvenuto reverendo! esordisce alla regia, ma il successo più grande dietro alla machina da presa lo ha con i tre film della famiglia Passaguai, in cui accanto ad una straordinaria Ave Ninchi e ad un giovanissimo Carlo Delle Piane, propone un umorismo surreale e spassosissimo che rendono queste pellicole quasi avanguardistiche. Tra il 1949 e il 1957, Aldo Fabrizi dirigerà ben 9 film, ma ne interpreterà molti di più, lavorando con i più grandi attori del tempo. Si concederà una pausa dal cinema solo per interpretare sulle tavole del palcoscenico, il suo ruolo più amato, Mastro Titta il boia di Roma, nella commedia musicale di Garinei e Giovannini, Rugantino. Dal 1965 in poi le sue apparizioni si fanno sempre più sporadiche. Se ne contano soltanto quattro fino al 1977, anno in cui gira il suo ultimo film, Il ginecologo della mutua per la regia di Joe D’Amato, alias Aristide Massaccesi. Da allora in poi si ritira a vita privata fino al 1990, anno della sua scomparsa.
Tutta l’arte di Aldo Fabrizi è contrassegnata da una “romanità” schietta e popolaresca. Dal teatro al cinema, i suoi personaggi sono sempre specchio di tante figure tipiche della nostra Capitale: a volte burbere ma pur sempre brava gente. Ed è per questo che quasi tutti i ruoli interpretati da questo grandissimo attore sono spesso personaggi positivi. Anche nell’incontro con Totò, l’attore romano rappresenta sempre la figura “ufficiale” che deve riportare sulla buona strada il suo antagonista. Eppure anche essendo personaggi apparentemente normali, questi mantengono un alone di malinconia che li rende poetici. Come se fossero spiazzati da un mondo che non esiste più. L’interesse di Fabrizi nei confronti di una Roma che stava scomparendo (celebre una scenetta televisiva con Rita Pavone in cui i due si scambiano i ruoli e Aldo Fabrizi si getta in un ballo ye-ye), lo si ritrova anche in alcuni libri di ricette da lui scritti in dialetto romanesco a mò di poesia. Oggi quella Roma che lui aveva paura scomparisse, forse è definitivamente scomparsa, però i suoi film restano a testimoniare quei personaggi, che se guardiamo bene, ci sono più vicini di quanto crediamo.
(rm)





... dalla base dati di FILMFILM:

Attore

Film

(1942)  Avanti c'è posto

(1943)  Campo de' fiori

Don Pietro Pellegrini

(1945)  Roma, Città Aperta

(1946)  Mio figlio professore

(1947)  Il Delitto di Giovanni Episcopo

(1947)  Tombolo, paradiso nero

(1947)  Vivere in pace

(1948)  Natale al campo 119

(1950)  Francesco, giullare di Dio

(1950)  Prima comunione

Nino Martoni

(1950)  Vita da Cani

commendatore Giovanni Marchetti

(1951)  Cameriera Bella Presenza Offresi...

(1951)  Guardie e ladri

Peppe Valenzi

(1951)  La Famiglia Passaguai

(1951)  La Famiglia Passaguai fa fortuna

Mister de Angelis

(1951)  Parigi è Sempre Parigi

(1951)  Tre passi a nord

(1952)  Cinque poveri in automobile

(1953)  Il Più comico spettacolo del mondo

(1953)  L'Età dell'amore

(1953)  Siamo tutti inquilini

(1953)  Una di quelle

(1954)  Questa è la vita

(1955)  Accadde al penitenziario

(1955)  Io piaccio

(1956)  Donatella

(1956)  Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo

(1956)  I Pappagalli

(1956)  Mi permette, babbo!

(1957)  Il Maestro

(1958)  I Prepotenti

(1959)  I Tartassati

(1959)  Prepotenti più di prima

(1959)  Un Militare e mezzo

(1960)  Ferdinando I. re di Napoli

(1960)  La Sposa bella

(1960)  Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi

(1961)  Fra' Manisco cerca guai

(1961)  Gerarchi si muore

(1961)  Le Meraviglie di Aladino

(1962)  I Quattro monaci

(1962)  Il Giorno più corto

(1963)  I Quattro tassisti

(1963)  Totò contro i 4

(1973)  La Tosca

(1974)  C'eravamo tanto amati

(1977)  Il Ginecologo della mutua

(1977)  Nerone

Regista Cinematografico

Film

(1951)  La Famiglia Passaguai

(1951)  La Famiglia Passaguai fa fortuna

(1953)  Una di quelle

(1954)  Questa è la vita

(1957)  Il Maestro

Sceneggiatore

Film

(1950)  Vita da Cani

(1951)  La Famiglia Passaguai