La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Laureato

..............................
ARTICOLI CORRELATI


21/08/2007
I 40 anni de Il Laureato


14/07/2009
I 15 film che innamorarono il mondo

..............................

Il Laureato

(The Graduate)

Film del: 1967     Genere: Drammatico / Romantico
Durata: 105 minuti   


Tutto il racconto si impernia su un giovanissimo attore, diventato poi una star di livello mondiale. Il suo nome è Dustin Hoffman.


Trama:

Benjamin, appena laureato, torna a casa dove inizierà nua torbida storia con una donna più anziana di lui. Tutto fila liscio finchè non conosce la figlia della sua amante...



Vota il film!

Voto medio: 7,23

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Laureato

Prima di tutto bisogna dire che Mike Nichols ci aveva già ben impressionato con il suo primo film Chi ha paura di Virginia Woolf del 1966, film che parlava di rapporti interpersonali abbastanza problematici. Ma se lì il palcoscenico era riservato a due stelle del firmamento hollywoodiano come Richard Burton ed Elizabeth Taylor, qui tutto il racconto si impernia su un giovanissimo attore, diventato poi una star di livello mondiale. Il suo nome è Dustin Hoffman, capace di spadroneggiare in maniera assolutamente straordinaria, proponendo una recitazione realistica e allo stesso tempo straniante.

Accanto a lui una strepitosa e molto versatile, se pensate che era già stata premio Oscar nei panni di Anna dei miracoli (Arthur Penn, USA 1962), Anne Bancroft, e poi una bellissima Katharine Ross, oltre ai soliti bravi caratteristi.

La storia è quella di Benjamin, novello laureato, che torna a casa dei suoi per un meritato riposo. In una condizione di spiazzamento provocata dall’incertezza sul suo futuro, il ragazzo si lascia coinvolgere in una storia da “camera d’albergo” con la signora Robinson, amica di famiglia che potrebbe essere sua madre. Tutto scorre abbastanza liscio finché non torna a casa la figlia dei Robinson.

Ai più bigotti il film, quando uscì, risultò fastidioso per la tematica sessuale che riprendeva a modo suo elementi edipici, e invece se si aprono di più gli occhi (e ovviamente la testa) si riesce a vedere che l’opera non vuole soffermarsi, con l’intento di stupire, sul rapporto erotico tra il ragazzo e la signora, ma vuole andare ben al di là facendoci capire che il tema vero del film è lo spiazzamento del ragazzo nei confronti di tutto quello che succede. Per gran parte dell’inizio del racconto, Benjamin ripete più volte che deve riflettere sul suo futuro, e forse è proprio qui la chiave di lettura di questo film diventato poi un cult per diverse generazioni di cinefili.

Il laureato, anche se non parla di guerra, e come se lo facesse. D’altra parte penso che ogni film in tempo di guerra è un film, a modo suo, sulla guerra (Qui ovviamente si parla della guerra del Vietnam). Anche il finale che sembra chiuso su sé stesso a mo’ di happy ending è invece apertissimo ad ogni soluzione anche negativa. E’ assolutamente agghiacciante l’incertezza del domani deciso da persone che non sanno niente né del tuo ieri né del tuo oggi.

Ad accentuare tutto questo abbiamo una regia magistrale, con piani sequenza lunghissimi ed emozionanti con la macchina da presa che passa davanti ai personaggi, gli corre intorno, ce li nasconde come se l’intento fosse quello di attraversarli, ma il tutto è vanificato dalla materialità delle cose (che qui hanno un ruolo di primo piano) e da quei valori imposti che si fa fatica a far crollare.

Ultimo ma non meno importante, c’è il commento sonoro di una bellezza strabiliante. Tutto il film è percorso dalle note di Simon e Garfunkel, ragazzi del Greenwich Village con alle spalle, allora, già tre bellissimi dischi , che hanno costruito una colonna sonora emozionale che veste a perfezione il racconto.

E forse il modo migliore per significare tutto questo non capire, si può riassumere proprio con le loro parole con cui si apre e si chiude il film: “Hello darkness, my old friend”.

(Renato Massaccesi)



Cast

Anne Bancroft   Anne Bancroft
(36 anni circa in questo film)

... Mrs. Robinson

    Brian Avery

... Carl Smith

    Buck Henry
(37 anni circa in questo film)

... Hotel desk clerk

Dustin Hoffman   Dustin Hoffman
(30 anni circa in questo film)

... Benjamin Braddock

    Elizabeth Wilson
(46 anni circa in questo film)

... Mrs. Braddock

Katharine Ross   Katharine Ross
(27 anni circa in questo film)

... Elaine Robinson

    Murray Hamilton
(44 anni circa in questo film)

... Mr. Robinson

    Norman Fell
(43 anni circa in questo film)

... Mr. McCleery

    Walter Brooke
(53 anni circa in questo film)

... Mr. McGuire

    William Daniels
(40 anni circa in questo film)

... Mr. Braddock

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Mike Nichols

Sceneggiatura

 

Buck Henry / Robert Surtees

Fotografia:

 

Calder Willingham

Colonna Sonora

 

Paul Simon / Dave Grusin

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................