La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Triplo Gioco

Triplo Gioco

(The Good Thief)

Film del: 2002     Genere: Costume / Drammatico
Durata: 108 minuti   


Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Triplo Gioco

Molto liberamente ispirato a Bob le Flambeur film di Jean-Pierre Melville del 1956, il nuovo lavoro di Neil Jordan è veramente sorprendente.
All’inizio sembra una tragedia, con un giocatore eroinomane che sembra non abbia alcuna via d’uscita, e invece piano piano il film prende la forma quasi di commedia rivelandoci le due facce di Bob Montagnet (interpretato da uno strepitoso Nick Nolte).
Per fare chiarezza: Bob sembra ormai giunto al capolinea, intrappolato in una Nizza (città in cui si svolge il racconto) scura e sotterranea, finché un giorno gli capita un colpo eccezionale (Bob, prima del “decadimento” era stato un grande ladro): una rapina ad un caveau di un casinò, contenente opere d’arte dei più grandi artisti contemporanei.

Anche se nel film passano moltissimi personaggi, il vero fulcro del film è ovviamente Bob, che sembra quasi un personaggio mitologico. Amante dell’arte (dice di aver scommesso persino con Pablo Picasso), difensore delle ragazze la cui unica prospettiva è la strada, ladro leggendario, il personaggio interpretato da Nick Nolte (ripeto, assolutamente strepitoso!) ha davvero dei tratti da eroe greco, tant’è che ad un certo punto si fa persino incatenare e deve resistere al canto delle sirene (ovviamente, su un altro piano non è proprio così: le manette attaccate al letto servono a superare una crisi di astinenza dall’eroina). Vicino a lui altri “caratteri” straordinari: il poliziotto (l’eccezionale Tcheky Karyo) che deve mettere alle corde Bob ma che ha con lo stesso uno strano rapporto d’affetto; il mercante d’arte (Ralph Fiennes), che compra quel Picasso che Bob ha vinto ad una corrida scommettendo sul toro (Pablo aveva scommesso sul torero); Vladimir (un gigioneggiante Emil Kusturica) l’esperto di sistemi di sicurezza che cita Jimi Hendrix con la sua chitarra elettrica; Anna (Nutsa Kukhianidz) ormai disillusa da tutto; e infine la banda, che sembra abbastanza scalcagnata da non lasciare presagire buone cose (c’è da ricordare almeno Philippa - Sarah Bridges, uno strano personaggio che ha cambiato sesso e ha una estrema paura dei ragni).

Forse mi sono dilungato un po’ sulle descrizioni (e ci sono tantissimi altri personaggi altrettanto validi), ma bisognava almeno fare un accenno a qualche tassello di questo fantastico mosaico. Certo il film vuole essere anche un omaggio a tutto quel filone giallo-rosa di cui anche in Italia eravamo maestri, ma anche senza nessun riferimento il film ha una valenza che è solo sua. E se proprio Neil Jordan ha preso un po’ dal cinema precedente ha fatto esattamente come Picasso, che, lo dice Bob Montagnet, è il più grande ladro che sia mai vissuto (glielo ha confessato Pablo stesso!).
Tutto ciò che Bob vive, dal brutto al bello, sembra assumere una forma d’arte, ed è per questo che forse la fortuna, che sembra venire e andare, è invece sempre lì che guarda, proprio come succedeva con gli eroi dell’epica antica.
Assolutamente da vedere!

(Renato Massaccesi)



Cast

Emir Kusturica   Emir Kusturica
(48 anni circa in questo film)

... Vladimir

    Gérard Darmon
(54 anni circa in questo film)

... Raoul

    Julien Maurel

... Philippe

    Marc Lavoine
(40 anni circa in questo film)

... Remi

Nick Nolte   Nick Nolte
(61 anni circa in questo film)

... Bob Montagnet

    Nutsa Kukhianidze
(19 anni circa in questo film)

... Anne

    Ouassini Embarek

... Said

    Patricia Kell

... Yvonne

Saïd Taghmaoui   Saïd Taghmaoui
(29 anni circa in questo film)

... Paulo

Tchéky Karyo   Tchéky Karyo
(49 anni circa in questo film)

... Roger

Dati Tecnici

Nazione

 

Canada / Francia / Irlanda / Regno Unito

Regia

 

Neil Jordan

Sceneggiatura

 

Neil Jordan / Jean-Pierre Melville / Auguste Le Breton

Fotografia:

 

Chris Menges

Colonna Sonora

 

Elliot Goldenthal

Produzione:

 

Alliance Atlantis Communications / Double Down Productions / Metropolitan Films

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................