La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Finestra di Fronte

La Finestra di Fronte

(La finestra di fronte)

Film del: 2003     Genere: Drammatico / Romantico
Durata: 106 minuti   


Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Finestra di Fronte

Dopo il grande successo de “Le fate ignoranti” di due anni fa, Ozpetek ci riprova con un film ambientato in due città parallele: Roma oggi e Roma del ’43.
La storia è quella di Giovanna (Giovanna Mezzogiorno) e Filippo (Filippo Nigro) che tirano avanti una relazione che sembra un po’ stanca. Un giorno incontrano Davide, un anziano che non si ricorda neanche più come si chiama (Massimo Girotti). Nell’intento di portare il vecchietto al commissariato, i due finiscono col prenderselo in casa. La vita nascosta di Davide finirà per influenzare la vita di Giovanna più di quanto lei avesse creduto (o voluto).

Il film si snoda tra vari livelli di realtà. Una vita immaginata, come vista da una finestra, ed una vita più dura che vuole fuggire dalle convenzioni rimanendone tuttavia intrappolata. Nella sua ultima interpretazione Massimo Girotti (un attore che ha attraversato gran parte della storia del cinema italiano) offre un personaggio che è pieno di chiaroscuri, mentre gli altri sembrano meccanicamente intrappolati nei propri ruoli. E forse è proprio questo il limite del film: una specie di meccanicità che rende il tutto fin troppo pulito.

Il dolore che dovrebbe scaturire da una storia del genere, non si avverte mai. Sembra che tutti i personaggi siano stanchi più per dovere che per “sentire”. E’ tutto trattato con una sorta di estetismo, che alla fine risulta un po’ stucchevole. Con ciò non voglio dire che il film sia brutto, anzi è piuttosto gradevole. Ma la cosa che più dispiace, e che penso stia diventando una tendenza di parte del cinema giovane italiano, è questo sbrodolarsi in una forma intimista che poi così sincera non è. Il riavvicinarsi ad una sorta di melodrammaticità per rappresentare i dubbi di una generazione borghese (Giovanna Mezzogiorno, che è brava, interpreta i panni di un’operaia, che in un ambiente come quello rappresentato è poco credibile), è cosa che può andar bene in televisione.

Non dico che al cinema bisogna per forza identificarsi con i personaggi, ma almeno tifare per loro. Qui non ci si riesce. Sembra che tutto sia ovattato. La guerra, la deportazione, l’omosessualità nascosta, il rapporto con la persona con cui vivi, gli amori clandestini: tutto questo trattato in modo più terreno avrebbe assunto un altro significato.
Alla fine l’unica cosa veramente priva di orpelli è la dedica con cui il film inizia: A Massimo.

(Renato Massaccesi)



Cast

Giovanna Mezzogiorno   Giovanna Mezzogiorno
(29 anni circa in questo film)

... Giovanna

Raoul Bova   Raoul Bova
(32 anni circa in questo film)

... Lorenzo

Massimo Girotti   Massimo Girotti
(85 anni circa in questo film)

... Simone / Davide Veroli

Filippo Nigro   Filippo Nigro
(33 anni circa in questo film)

... Filippo

    Serra Yilmaz

... Emin

    Maria Grazia Bon

... Sara

Massimo Poggio   Massimo Poggio
(33 anni circa in questo film)

... Davide giovane

Ivan Bacchi   Ivan Bacchi

... Simone

Olimpia Carlisi   Olimpia Carlisi

... cliente negozio

    Rosaria De Cicco

... barista

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Regno Unito / Turchia / Portogallo

Regia

 

Ferzan Ozpetek

Sceneggiatura

 

Ferzan Ozpetek / Gianni Romoli

Fotografia:

 

Gianfilippo Corticelli

Colonna Sonora

 

Andrea Guerra

Produzione:

 

AFS Films / Clap Filmes / Redwave Films / R&C Produzioni

Distribuzione:

 

01 Distribution

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................