La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Famiglia Passaguai

..............................
ARTICOLI CORRELATI




07/09/2007
La Famiglia Passaguai

..............................

La Famiglia Passaguai

(La famiglia passaguai)

Film del: 1951     Genere: Comico / Commedia
Durata: 90 minuti   


Più film comico che commedia, ma che ridere!


Trama:

Il cavaliere Peppe Valenzi, impiegato in un’azienda ortofrutticola, decide di trascorrere a Fiumicino, al mare, la domenica. Ovviamente con tutta la famiglia.



Vota il film!

Voto medio: 8,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Famiglia Passaguai

Se il Cinema dei telefoni bianchi (l’altra faccia della propaganda del ventennio fascista) è importante più in termini “storici” che per effettivi meriti artistici, è pur vero che una parte del Cinema a lui posteriore ha ripreso degli elementi di questo (oltre che degli interpreti), reinterpretandoli in maniera perlomeno interessante.

Se si tiene conto anche del fatto che, dopo la guerra, tutto ciò che veniva pensato per i nostri schermi risentiva, giustamente, dell’influenza del Neorealismo, allora possiamo farci un idea sull’atmosfera che regnava in un modesto numero di commedie che dalla meta degli anni quaranta in poi, per almeno un decennio, imperversarono nei “cinematografi” del nostro Paese.

Aldo Fabrizi che aveva attraversato indenne il periodo dei “telefoni” e ci aveva regalato una delle più commoventi e profonde istantanee del Neorealismo con il Don Morosini del capolavoro rosselliniano Roma Città Aperta, aveva già dato segnali della sua arte dietro la macchina da presa con Emigrantes nel 1948, ma se vogliamo parlare di comicità pura e strabordante è tre anni dopo, alla sua terza regia, che il grande attore romano ci da una prova eccezionale della sua arte.

La Famiglia Passaguai è una delle commedie più divertenti e originali della storia del nostro Cinema, anche se per molti elementi sconfina più nella categoria del Cinema comico che in quello della Commedia vera e propria. Pieno zeppo di gag e battute eccezionali, questo film ha una particolarità difficile da trovare: fa ridere dall’inizio alla fine.

Merito più grande va sicuramente dato al cast che comprende oltre ad uno scoppiettante Aldo Fabrizi, un’Ave Ninchi odiosa ma adorabile come sempre, un Peppino De Filippo che non ha bisogno di parole, un Carlo Delle Piane ragazzino ma già straordinario (è in questo film che, tra l’altro verrà battezzato “Pecorino”, soprannome con il quale verrà ricordato per tanto tempo a seguire, e forse suo malgrado). E insieme a loro grandi caratteristi che speriamo non cadano mai nel dimenticatoio: Tino Scotti, immenso nel suo ruolo “classico” di milanese schizzato o Luigi Pavese, spalla storica di Totò ma eccezionale anche senza il supporto del Principe.

E se loro, insieme ad una giovanissima Giovanna Ralli, ad un altrettanto giovane Pietro De Vico e altri caratteristi straordinari, fanno la loro stupenda parte è pur vero che la regia di Aldo Fabrizi dà una mano essenziale alla riuscita del film. A metà strada tra quella leggera avanguardia che aveva contagiato persino qualche “filmetto” del ventennio, e quel neorealismo “popolaresco” che poi verrà ripreso in tanti film degli anni cinquanta, La Famiglia Passaguai ha il gran pregio di rendere i personaggi delle macchiette esagerate ma vive e reali, quasi facenti parte della nostra quotidianità.

Non per niente Anton Germano Rossi che scrisse Cabina 27 da cui il film è tratto, fu accanto ad Achille Campanile e a Pitigrilli, straordinario umorista sulle pagine del Marc’Aurelio, rivista che lasciò tracce importanti sulla formazione di Federico Fellini, e che diede una resa caricaturale ma realistica dell’attualità del tempo. I volti, le mosse, l’atmosfera che riempiono il film ci possono ricordare un qualcosa della nostra infanzia (tutti avrebbero dovuto provare il piacevole “strazio” della fettina panata con la sabbia che si confonde col pan grattato), oppure affascinarci soltanto come elementi “strani”. Ma di comune accordo non si può che affermare che questo film è un capolavoro. Per far ridere cosi deve esserlo per forza!

(Renato Massaccesi)



Cast

Aldo Fabrizi   Aldo Fabrizi
(45 anni circa in questo film)

... Peppe Valenzi

Peppino De Filippo   Peppino De Filippo
(48 anni circa in questo film)

... Cavalier Massa

Ave Ninchi   Ave Ninchi
(36 anni circa in questo film)

... Margherita

    Nyta Dover
(24 anni circa in questo film)

... Marisa

Luigi Pavese   Luigi Pavese
(54 anni circa in questo film)

... L'Uomo del Cocomero

    Enrico Luzi
(32 anni circa in questo film)

... Il Seccatore

Tino Scotti   Tino Scotti
(46 anni circa in questo film)

... Commendator Billetti

Carlo Delle Piane   Carlo Delle Piane
(15 anni circa in questo film)

... Pecorino

Giovanna Ralli   Giovanna Ralli
(16 anni circa in questo film)

... Marcella

    Pietro De Vico
(40 anni circa in questo film)

... Il Fidanzato di Marcella

    Giovanni Grasso
(63 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Aldo Fabrizi

Sceneggiatura

 

Aldo Fabrizi / Ruggero Maccari / Mario Amendola

Fotografia:

 

Mario Bava

Colonna Sonora

 

Rino Simeone

Produzione:

 

Alfa Film





..............................

scrivi la tua opinione

..............................