La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Ritorno a Cold mountain

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



Ritorno a Cold mountain

(Cold Mountain)

Film del: 2003     Genere: Drammatico / Guerra / Romantico
Durata: 155 minuti   


Per tutti, Cold Mountain sembra essere un luogo della mente, metafora di anelati sentimenti come pace, amore, serenità.


Trama:

Guerra di secessione. Inman stanco dei massacri decide di disertare per raggiungere a casa lasua amata Ada, che nel frattempo fatica a mandare avanti la fattoria.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Ritorno a Cold mountain

Cold Mountain è un paesino della Carolina del Nord da dove Inman parte per combattere per il vecchio Sud contro gli yankees del Nord. A Cold Mountain Inman aveva conosciuto Ada, figlia di un Pastore giunto lì per predicare. Per tornare a Cold Mountain Inman inizia un’odissea che lo porterà dall’ospedale militare dal quale fugge come disertore ad attraversare fiumi e monti, non prima però di aver preso coscienza dell’insensatezza della guerra e della sua tragica brutalità.
A Cold Mountain Ada attende il suo amato, con il quale aveva scambiato solo un bacio appassionato, aiutata da Ruby a mandare avanti la fattoria che la sua educazione cittadina non le consentiva di badare. Per tutti, Cold Mountain sembra essere un luogo della mente, metafora di anelati sentimenti come pace, amore, serenità.

Che Anthony Minghella fosse un mirabile affabulatore lo aveva già dimostrato con le sue precedenti produzioni. Basti ricordare l’ esemplare iperbole narrativa de Il Paziente Inglese per averne una conferma. Doti di prosatore che il best seller di Charles Frazier, da cui è stato tratto questo film, gli permette di dispiegare, volando alto sui sentimenti, sulle emozioni ed anche sugli ideali. Infatti, con Ritorno a Cold Mountain, il regista inglese di origine italiana, può raccontare una storia dai contenuti semplici e naturali come la genuina filosofia di Ruby (la Zellweger è davvero molto brava) o librarsi su valori come la pace e la fratellanza fra gli uomini.
Minghella lo fa adoperando tutti i mezzi che l’arte del cinema gli mette a disposizione. L’apocalittica scena iniziale dell’esplosione del campo sudista, le riprese dei corpi dopo la battaglia di Petersburg con colori ed ombre da bolgia dantesca, l’uso del flashback per illustrarci il prologo della storia, la voce fuori campo dei protagonisti che leggono lettere mai arrivate al destinatario, l’indugiare su particolari truculenti: tutti artifizi che Minghella impiega come fosse un prestigiatore e che indubbiamente colpiscono il pubblico di una sala cinematografica. Il tutto è poi ancor più sublimato se ci si può permettere di avvalersi di un cast di eccezione: oltre ai già nominati attori – anche se la Kidman appare un po’ sacrificata nel ruolo della verginella in attesa mentre Jude Law dà il meglio di sè nelle scene in cui appare sconvolto e allucinato - , ricordiamo la presenza di Philip Seymour Hoffman, Giovanni Ribisi, Natalie Portman e Brendan Gleeson. Se aggiungiamo le preziose scenografie di Dante Ferretti e l’appropriata musica composta da Gabriel Yared, è evidente che il prodotto è stato concepito per stupire e, naturalmente, come è giusto che sia, per fare cassetta.

Detto questo, però, non possiamo tacere che il film ricorda troppo, in alcune parti, il celeberrimo Via col Vento – mancano solo i negri che parlano con l’infinito – e che le figure dei due protagonisti sono tagliate con l’accetta. Lei, magnifico esempio di donna della frontiera, pronta a rimboccarsi le maniche per difendere la proprietà e, come Penelope, in eterna attesa del ritorno del suo uomo; lui, integro nello spirito, incorruttibilmente ferreo nel suo amore, coraggioso ed altruista come solo un vero americano sa essere: stereotipi già visti che, forse, qualche maggior pennellata di chiaroscuro avrebbe reso più umani e tutto sommato più simpatici. Ma tant’è, da un film con queste prerogative forse non è lecito aspettarsi nulla di diverso anche, se confesso, che gli occhi della Kidman che piangono sotto la neve valgono forse il prezzo del biglietto: ridotto.

(Daniele Sesti)



Cast

Nicole Kidman   Nicole Kidman
(36 anni circa in questo film)

... Ada Monroe

Renée Zellweger   Renée Zellweger
(34 anni circa in questo film)

... Ruby Thewes

Jude Law   Jude Law
(31 anni circa in questo film)

... Inman

Philip Seymour Hoffman   Philip Seymour Hoffman
(36 anni circa in questo film)

... Reverend Veasey

Natalie Portman   Natalie Portman
(22 anni circa in questo film)

... Sara

Donald Sutherland   Donald Sutherland
(68 anni circa in questo film)

... Reverend Monroe

Brendan Gleeson   Brendan Gleeson
(48 anni circa in questo film)

... Stobrod Thewes

    James Gammon
(63 anni circa in questo film)

... Esco Swanger

Ray Winstone   Ray Winstone
(46 anni circa in questo film)

... Teague

Kathy Baker   Kathy Baker
(53 anni circa in questo film)

... Sally Swanger

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Anthony Minghella

Sceneggiatura

 

Anthony Minghella / Charles Frazier

Fotografia:

 

John Seale

Colonna Sonora

 

Gabriel Yared

Produzione:

 

Miramax

Distribuzione:

 

Miramax

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................