La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Bread and Roses

Bread and Roses

(Bread and Roses)

Film del: 2000     Genere: Drammatico
Durata: 110 minuti   


Il “primo film americano” di Ken Loach racconta di una lotta dei poveri (tanti) contro i ricchi (pochi) , dei deboli contro i forti.

Vota il film!

Voto medio: 6,75

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Bread and Roses

“We want bread but roses too”
Le rose sono l’assistenza sanitaria, le ferie pagate, la pausa pranzo, i giorni di malattia.
Il “primo film americano di Ken Loach ” – così si legge sul manifesto – non parla di football americano né delle vite brillanti e patinate di qualche guru della finanza né di gangster o cowboys.

Il “primo film americano” di Ken Loach racconta di una lotta dei poveri (tanti) contro i ricchi (pochi) , dei deboli contro i forti. E, conoscendo la coerenza che anima il regista inglese, non c’è da meravigliarsi. Dove c’è un Davide che combatte un Golia c’è Ken. Sia il Davide un minatore inglese o un partigiano spagnolo o un impiegato di una ditta di pulizie (Janitors).
La trama tratta della vicenda realmente accaduta negli Stati Uniti della battaglia dei janitors contro le Imprese per ottenere il rispetto dei loro diritti sindacali.

Il film, girato con asciuttezza ma anche una misurata enfasi, si dipana sulla dialettica, mai troppo scontata, tra la necessità di agire e di farsi sentire per difendere i propri diritti e il timore di perdere il tanto sudato posto di lavoro. Il quesito si innerva sconvolgendo il rapporto tra due sorelle messicane: Rosa – giunta negli Stati Uniti in giovane età ed arrivata a farsi assumere nella ditta di pulizie dopo pesantissimi sacrifici – e Maya approdata nell’Eldorado americano molti anni dopo e non disposta a subire i soprusi del datore di lavoro. Alla fine avranno ragione entrambe in quanto ciascuna con il proprio personale vissuto giustifica le scelte fatte.
Sullo sfondo delle lotte dei janitors – tutti immigrati messicani, salvadoregni, guatemaltechi – vi è il sindacato con i suoi pregi e i suoi difetti. Se da una parte, difatti, costituisce l’elemento propulsore ed organizzatore dei lavoratori, dall’altra, a volte, sembra troppo superficialmente dimenticare i rischi a cui i lavoratori stessi vanno incontro.

Gli attori interpretano bene le proprie parti. Pilar Padilla – giovane attrice messicana - nella parte di Maya rende efficacemente il proprio personaggio al tempo stesso serio e spensierato. Brava ed intensa Elpidia Carrillo (Salvador, Il console Onorario) nel ruolo di Rosa, la sorella maggiore. Troppo istrionico – a nostro parere - Adrien Brody (Summer of Sam, La sottile linea rossa) – il sindacalista che irrompe nella vita delle due sorelle come una palla da bowling – che neanche la sobrietà di Ken Loach riesce a contenere del tutto.
Una chicca: tra gli ospiti di un party che si tiene nei locali del palazzo dove la ditta svolge le pulizie si intravedono, tra gli altri, Tim Roth e Tom Waits.

Consigliato agli amanti dei film di Loach. A chi finora non è piaciuto il suo cinema non sarà quest’ultima opera a fargli cambiare idea. E questa è una garanzia di qualità.

(Daniele Sesti)



Cast

Adrien Brody   Adrien Brody
(27 anni circa in questo film)

... Sam Shapiro

    Elpidia Carrillo

... Rosa

    Frankie Davila

... Luis

    Jack McGee

... Bert

    Mayron Payes

... Ben

    Melody Garrett

... Cynthia

    Lillian Hurst

... Anna

    Maria Orellana

... Berta

    Pilar Padilla

... Maya

    Monica Rivas

... Simona

Benicio Del Toro   Benicio Del Toro
(33 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Chris Penn   Chris Penn
(38 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Ron Perlman   Ron Perlman
(50 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Tim Roth   Tim Roth
(39 anni circa in questo film)

... se stesso al party

    Stephanie Zimbalist
(44 anni circa in questo film)

... se stessa al party

    Samuel West
(34 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Robin Tunney   Robin Tunney
(28 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Oded Fehr   Oded Fehr
(30 anni circa in questo film)

... se stesso al party

    William Atherton
(53 anni circa in questo film)

... se stesso al party

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / Francia / Germania / Spagna / Italia / Svizzera

Regia

 

Ken Loach

Sceneggiatura

 

Paul Laverty

Fotografia:

 

Barry Ackroyd

Colonna Sonora

 

George Fenton

Produzione:

 

Bac Films/BIM/British Screen Productions

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................