La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Traduttore

Il Traduttore

(Il [traduttore])

Film del: 2016     Genere: Drammatico
Durata: 91 minuti   Uscito al cinema il: 26/05/2016   


La luce misteriosa e fumosa calza alla perfezione sulla narrazione fatta di angosciose ricerche


Trama:

Andrei è uno studente rumeno che grazie a una borsa di studio frequenta un corso di specializzazione in lingue straniere all'università. Dato che i soldi della borsa sono pochi, di sera lavora in una pizzeria e di giorno saltuariamente in questura, dove traduce gli interrogatori e le intercettazioni dei suoi connazionali. Andrei, che oltre al rumeno e all'italiano parla perfettamente diverse lingue tra cui il tedesco, viene messo in contatto dalla sua tutor con una sua amica gallerista, Anna Ritter, che vuole far tradurre il diario del marito tedesco, scomparso da poco in circostanze misteriose. Andrei viene catapultato in un mondo che fino a quel momento non aveva neppure osato sognare.



Vota il film!

Voto medio: 3,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Traduttore

Il regista del valido L'estate di Martino torna dietro la macchina da presa con il suo secondo lungometraggio, Il Traduttore. Un film insolito e a modo suo avvincente e intrigante, che esplora l'animo umano alle prese con desideri, dolori, frustrazioni e ambizioni. Colpito dalla sceneggiatura scritta da Marie Giaramidaro e Nikolaus Mutschlechner, Massimo Natale ha messo in scena una storia potenzialmente universale in cui una vedova addolorata scopre ben presto un terribile segreto riguardante il marito da poco scomparso e in cui un semplice studente che si fa in quattro per mantenere la fidanzata e portare avanti i suoi studi, viene a contatto con una realtà ben lontana dalla sua, inizialmente affascinante e travolgente ma senza basi solide su cui costruire un futuro.

Ambientato nella bellissima Trento, il film si avvale della splendida fotografia di Daniele Ciprì che ricorre spesso al chiaro scuro per incorniciare i volti dei protagonisti e catturarne le espressioni e gli stati d'animo. La luce misteriosa e fumosa calza alla perfezione sulla narrazione fatta di angosciose ricerche, terribili scoperte, torbidi incontri prese di coscienza e passioni travolgenti.

A poche settimane dalla deliziosa commedia Nemiche per la pelle, Claudia Gerini torna al cinema con un ruolo intenso e drammatico che affronta adeguatamente. Al suo esordio cinematografico invece l'attore polacco appena ventisettenne Kamil Kula – in realtà li compirà il prossimo 1° Giugno – che riflette bene l'immagine dello straniero dell'est visto con una certa ostilità dagli italiani, soprattutto nell'ambiente in cui saltuariamente lavora, cioè la questura, e in quello che frequenta, un locale di striptease. Un giovane che si arrabatta tra mille impieghi, che ha una ragazza lontana a cui ha promesso il permesso di soggiorno e che viene travolto dal mondo ricco e patinato di Anna, la donna per cui traduce un diario.
Tra colpi di scena, scatti d'ira e alcune intense scene di sesso, i due protagonisti compiono un percorso di crescita personale che li metterà di fronte a se stessi, alle proprie scelte, ai propri desideri per il futuro. Quella che li sorprende è una parentesi travolgente che farà capire ad entrambi come riprendere in mano la propria vita, non senza un certo prezzo da pagare.

La tensione iniziale, dovuta anche alla musica ad hoc, lascia ben presto il posto al divario tra due categorie e due generazioni di persone: la ricchezza di una, la fatica per la sopravvivenza dell'altro che si incontrano e si scontrano in un turbinio di emozioni inaspettate. Molto bella a questo proposito la sequenza nella galleria in cui la Gerini e Kula si lanciano in una danza sensuale fatta di sguardi, con le note seducenti della musica ad accompagnarli.
Qualche lacuna nella sceneggiatura c'è, ammettiamolo, ma il film funziona e incuriosisce, e rappresenta una realtà che potrebbe celarsi in ogni angolo della nostra penisola.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Claudia Gerini   Claudia Gerini
(45 anni circa in questo film)

... Anna

    Anna Safroncik

... ispettore Rizzo

Marcello Mazzarella   Marcello Mazzarella

... Giorgio

    Kamil Kula
(27 anni circa in questo film)

... Andrei

    Silvia Delfino

... Marta

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Polonia

Regia

 

Massimo Natale

Sceneggiatura

 

Marie Giaramidaro / Nikolaus Mutschlechner

Fotografia:

 

Daniele Ciprì

Colonna Sonora

 

Massimiliano Lazzaretti

Produzione:

 

Agresywna Banda / Inthelfilm / Kalitera Production / RAI Cinema

Distribuzione:

 

Europictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................