La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Un Paese Quasi Perfetto

Un Paese Quasi Perfetto

(Un paese quasi perfetto)

Film del: 2016     Genere: Commedia
Durata: 92 minuti   Uscito al cinema il: 25/03/2016   


Un film destinato a qualche passaggio televisivo


Trama:

Pietramezzana, piccolo paese sperduto nelle Dolomiti lucane, rischia di scomparire. I giovani lo stanno abbandonando e i pochi abitanti rimasti, per lo più ex minatori, vivono con una cassa integrazione che minaccia di trasformarsi presto in disoccupazione permanente. Ci sarebbe di che scoraggiarsi. E invece no.



Vota il film!

Voto medio: 3,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Un Paese Quasi Perfetto

Ci sono i film brutti e poi ci sono i film brutti e inutili.
La differenza? I primi hanno qualcosa da dire, o quanto meno avevano un’idea di massima che poi si è sviluppata male, oppure hanno avuto delle problematiche per cui l’esito finale non è certo quello voluto, i secondi sono brutti ma per tutto il tempo ci si continua a chiedere… perché?
Perché lo hanno fatto?
Perché non si sono accorti che stava venendo una cosa terribile?
Perché lo hanno distribuito?
A quest’ultima domanda si può facilmente rispondere nel caso di specie… c’è Fabio Volo che fa sempre audience.
Fabio… perché lo hai fatto, tu quoque!

Un Paese Quasi Perfetto soffre di molti mali. Di linee narrative –seppur secondarie- che terminano nel nulla, di recitazione sciatta, di un’alchimia tra i protagonisti Volo / Leone del tutto assente e soprattutto di una storia banale e vuota.
La noia sembra essere l’unica vincitrice di questa battaglia. Ci domandiamo spesso: se già sappiamo dive porterà il sentiero sin dall’inizio, per quale motivo dovremmo percorrerlo? Per il viaggio, ovviamente, ma qui non c’è il viaggio filmico, ovvero un qualcosa in grado di affascinare.
Non c’è la battuta graffiante, non c’è la satira di costume (la poca presente è a dir poco banale), non c’è stupore, ce solo una sorta di sceneggiato televisivo trito e ritrito, un po’ come guardare dai finestrini di un treno che attraversa Milano 2.

Un film destinato a qualche passaggio televisivo (è pur sempre RAI) per riempire serate già destinate all’ascolto di altri competitors.

(Valerio Salvi)



Cast

Fabio Volo   Fabio Volo
(44 anni circa in questo film)

... Gianluca Terragni

Carlo Buccirosso   Carlo Buccirosso
(62 anni circa in questo film)

... Nicola

Silvio Orlando   Silvio Orlando
(59 anni circa in questo film)

... Domenico Buonocore

Miriam Leone   Miriam Leone
(31 anni circa in questo film)

... Anna

    Nando Paone

... Michele

    Francesco De Vito

... sindaco Cozzolino

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Massimo Gaudioso

Sceneggiatura

 

Massimo Gaudioso

Fotografia:

 

Gogò Bianchi

Colonna Sonora

 

Santi Pulvirenti

Produzione:

 

Cattleya / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................