La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Program

The Program

(The Program)

Film del: 2015     Genere: Drammatico / Sportivo
Durata: 103 minuti   Uscito al cinema il: 08/10/2015   


Il film di Frears, si impernia essenzialmente sulla dicotomia di un personaggio controverso come Lance Armstrong


Trama:

Il film ripercorre le tappe della vita del ciclista statunitense Lance Armstrong, dai successi sportivi alla lotta contro il cancro, fino all'ammissione di doping.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Program

“Vinci se hai cuore” , è la massima a cui si ispirava Lance Armstrong, il ciclista che vinse per sei anni consecutivi il Tour de France. Ed il cuore del ciclista americano, è il vero protagonista di questo film girato da Stephen Frears. Un cuore che gli consente di superare una malattia gravissima come un cancro ai testicoli pur di tornare a correre, un cuore che lo conduce a cercare qualsiasi soluzione pur di riuscire a vincere, anche la più illecita anche la più infamante.
Il film di Frears, ispirato al libro del giornalista sportivo David Walsh - Seven Deadly Sins – personalmente coinvolto nella vicenda – il suo giornale subirà un processo per diffamazione a causa delle accuse di doping nei confronti di Armstrong – si impernia essenzialmente sulla dicotomia di un personaggio controverso come Lance Armstrong – da una parte campione assoluto, poi smascherato – dall’altra filantropo donatore, impegnato nel sociale soprattutto nel campo della ricerca e dell’assistenza in favore dei malati di tumore. Lo fa raccontando l’ascesa del giovane ciclista, dagli inizi alla malattia, dalla guarigione ai molteplici trionfi sportivi, dagli incontri con il medico italiano esperto di doping alle connivenze con la federazione internazionale che occulta alcune delle prove ematiche di Armstrong. IL film è dunque anche uno sguardo su un mondo dove ipocrisia e profitto la fanno da padrone e dove i valori sportivi sono solo una copertura per un mondo di affari leciti e meno leciti, fino ad alcuni episodi davvero paradossali (Armstrong arriva addirittura a regalare alla Federazione Internazionale un macchinario per i rilevamenti antidoping…). E, paradigmaticamente, il potente castello costruito dal ciclista americano, inizia a crollare quando vengono lesi altri altrettanto importanti interessi economici come quelli di un’assicurazione che ha coperto i 5.000.000 mln. di dollari di bonus spettanti al ciclista per le sue vittorie. La convinzione dell’assicuratore (interpretato da un gattopardesco Dustin Hoffman) che dietro le vittorie del campione ci fosse qualcosa di losco è la prima crepa che condurrà dopo un’aspra battaglia l’ex campione, in un’intervista, ad ammettere di essersi dopato in ogni Tour che ha vinto.
Ben Foster interpreta il protagonista e Stephen Frears lo dirige, preoccupandosi soprattutto di mettere in risalto i risvolti umani ed esistenziali dei personaggi: dal campione , al giornalista antagonista, dai suoi compagni/complici/traditori, dalla pletora di collaboratori e fans, dai medici e dalle istituzioni conniventi quando non addirittura promotori di certi comportamenti. Il regista di The Queen, per certi versi torna ad alcune tematiche che gli sono state proprie come la solitudine data dall’eccezionalità di alcune persone e la loro incapacità/impossibilità di relazionarsi “normalmente” con il mondo che gli ruota intorno. Lo fa con li suo modo sapiente di rappresentare le storie, un romanzo levigato da chi è aduso a scrivere e raccontare. Così, scorrono le immagini inziali delle riprese che esaltano la velocità del mezzo e della sua pericolosità quando lanciato in discesa, alternate con immagini di repertorio, con il rumore del pavet battuto dai copertoni, fino alla ultime oniriche scene, un finale amaro, come una sconfitta all’ultimo metro.

(Daniele Sesti)



Cast

Ben Foster   Ben Foster
(35 anni circa in questo film)

... Lance Armstrong

Chris O'Dowd   Chris O'Dowd
(36 anni circa in questo film)

... David Walsh

Dustin Hoffman   Dustin Hoffman
(78 anni circa in questo film)

... Bob Hamman

Edward Hogg   Edward Hogg

... Frankie Andreu

Guillaume Canet   Guillaume Canet
(42 anni circa in questo film)

... Michele Ferrari

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / Francia

Regia

 

Stephen Frears

Sceneggiatura

 

John Hodge

Fotografia:

 

Danny Cohen

Colonna Sonora

 

Alex Heffes

Produzione:

 

StudioCanal - Working Title Films

Distribuzione:

 

Videa CDE

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................