La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Racconto dei Racconti

Il Racconto dei Racconti

(Il racconto dei racconti - Tale of Tales)

Film del: 2015     Genere: Fantastico
Durata: 125 minuti   Uscito al cinema il: 14/05/2015   


Comunque una grande prova di coraggio, dove al posto degli effetti speciali ritroviamo la magia dell’ottimo lavoro artigianale


Trama:

La principessa Viola data in sposa a un orco da un padre che alleva una pulce gigante, il dissoluto e depravato re di Roccaforte ingannato dalla voce di una vecchia, la regina di Selvascura ossessionata dal desiderio di avere un figlio. E ancora, maghi e streghe, terribili mostri, cortigiani e vecchie lavandaie, sono questi alcuni dei personaggi liberamente tratti dalle celebri fiabe di Giambattista Basile.



Vota il film!

Voto medio: 5,67

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Racconto dei Racconti

C’era una volta un re… anzi tre, tre regni perduti nell’oblio delle fiabe dimenticate. Matteo Garrone rispolvera il vecchio baule delle favole, e allo stesso modo in cui il prestigiatore tira fuori dal cilindro un coniglio bianco, Garrone estrae dallo scrigno “La cerva fatata”, “La pulce”, “La vecchia scorticata”, racconti immaginari tratti da “Lo Cunto de li Cunti”, (opera letteraria barocca dello scrittore napoletano Giambattista Basile), e li trasforma in film.

Orchi, draghi marini, pulci giganti e pipistrelli horribilis, e poi ancora streghe, negromanti, giocolieri e funamboli, re e regine, principi e principesse che, come attraverso un caleidoscopio, si districano tra castelli, labirinti, boschi magici e grotte orrorifiche: questo è l’humus di Il Racconto dei Racconti. Un terreno nuovo e fertile da esplorare per un regista italiano, una sfida vinta a metà da Garrone. L’idea di girare un fantasy di matrice nostrana, anche se di respiro internazionale poiché in lingua inglese e con un cast hollywoodiano (Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones, John C.Reilly), non è operazione facile.

Una famiglia di saltimbanchi, con il loro carrozzone, raggiunge tre reami vicini e senza tempo. In questo modo si snodano e si rincorrono le storie dei protagonisti . Come nel dipinto di Gustav Klimt, “Tre età della donna”, le figure femminili rappresentano i personaggi clou del film. La fanciulla che scalpita per avere un uomo da sposare e infine viene data in moglie a un orco, la regina sterile che tramite un incantesimo riuscirà ad avere un figlio, e la vecchia lavandaia che con voce celestiale da bambina ingannerà il suo sovrano. Questa volta Garrone effettua una scelta iniziale inversa rispetto alle sue precedenti produzioni (L’Imbalsamatore, Primo Amore, Gomorra, Reality), infatti prendendo spunto da situazioni fiabesche arriva a mettere in scena alcuni temi propri della società moderna: il desiderio, che spinge i sentimenti umani fino all’estremo, e la ricerca dell’eterna giovinezza. L’impeccabile fotografia di Peter, i luminosi costumi e le splendide location italiane, talmente belle da sembrar finte, fanno si che la dimensione visiva spesso soverchi la costruzione narrativa. Inoltre, nonostante le coinvolgenti musiche di vago richiamo seicentesco di Alexandre Desplat, l’empatia emotiva purtroppo è debole, per colpa, forse, di alcune lungaggini sceniche e dell’affabulazione saltellante tra fiabe. Il Racconto dei Racconti rimane comunque una grande prova di coraggio, dove al posto degli effetti speciali di computer grafica, ormai abusati sul grande schermo, ritroviamo la magia dell’ottimo lavoro artigianale con qualche incursione nel pulp. Un film da vedere, un opera cinematografica (in concorso a Cannes) che ci consegna, contemporaneamente, un ritorno alle origini e un trampolino di lancio verso un genere poco sperimentato dal cinema italico, ma tanto amato e approfondito in America. Non sarà questo il caso, ma in fin dei conti anche il Western è stato appannaggio degli americani per lungo tempo, poi però arrivò un certo signore chiamato… Sergio Leone.

(Silvia Fabbri)



Cast

Salma Hayek   Salma Hayek
(49 anni circa in questo film)

... la Regina

Vincent Cassel   Vincent Cassel
(49 anni circa in questo film)

... Re di Strongcliff

Toby Jones   Toby Jones
(48 anni circa in questo film)

... Re di Highhills

John C. Reilly   John C. Reilly
(50 anni circa in questo film)

... Re di Longtrellis

Shirley Henderson   Shirley Henderson
(50 anni circa in questo film)

... Imma

Alba Rohrwacher   Alba Rohrwacher
(36 anni circa in questo film)

... proprietaria del circo

Massimo Ceccherini   Massimo Ceccherini
(50 anni circa in questo film)

... proprietrio del circo

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Francia / Regno Unito

Regia

 

Matteo Garrone

Sceneggiatura

 

Matteo Garrone / Edoardo Albinati / Ugo Chiti / Giambattista Basile / Massimo Gaudioso

Fotografia:

 

Peter Suschitzky

Colonna Sonora

 

Alexandre Desplat

Produzione:

 

Archimede / Le Pacte / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................