La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Teoria del Tutto

La Teoria del Tutto

(The Theory of Everything)

Film del: 2014     Genere: Biografico / Drammatico
Durata: 123 minuti   Uscito al cinema il: 15/01/2015   



Trama:

Nel 1963, da studente di cosmologia della leggendaria università inglese Cambridge, Stephen sta facendo grandi passi ed è determinato a trovare una “spiegazione semplice ed eloquente” per l’universo. Anche il suo mondo privato si schiude quando si innamora perdutamente di una studentessa di lettere della stessa Cambridge, Jane Wilde. Ma, all’età di 21 anni, questo giovane uomo sano e dinamico riceve una diagnosi che gli cambia la vita: la malattia del motoneurone attaccherà i suoi arti e le sue capacità, lasciandolo con una limitata capacità di linguaggio e di movimento e con circa due anni di vita da vivere.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Teoria del Tutto

Stephen Hawking non ha bisogno di presentazione. Le sue teorie, i suoi bestseller, la sua stessa vicenda umana ne hanno fatto una star, un’icona come e forse più di Albert Einstein.
La teoria del tutto di James Marsh ne racconta la vita dal punto di vista della moglie Jane, che con la sua autobiografia “Travelling to Infinity - My life with Stephen” ha ispirato il film. Infatti, più che sullo Stephen Hawking astrofisico, Marsh si concentra sullo Stephen Hawking uomo, marito e padre, sorretto per gran parte della sua vita da una donna forte come sua moglie Jane, protagonisti insieme di una grande storia d’amore, raccontata nei loro momenti più quotidiani come in quelli più speciali, dai giorni felici in cui la malattia era ancora sconosciuta a quelli più drammatici.
Della serie: dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna.

Come si dice in questi casi, Marsh ha realizzato un film convenzionale per una vita e una persona assolutamente eccezionale. La confezione, lussuosa e patinata, prodotta dalla britannica Working Title, contiene un biopic tradizionale che, pur scegliendo appunto di privilegiare la dimensione privata dello scienziato tramite il racconto della sua vita scritto e vissuto da sua moglie, non rinuncia ad alcun clichés, non azzarda nessuna soluzione innovativa nella narrazione o nella regia e gioca in casa lasciando fare tutto ai due protagonisti, Eddie Redmayne e Felicity Jones, sbracando poi nel finale.

Redmayne, lanciatissimo verso gli Oscar, è artefice di una performance mimetica che colpisce al cuore, capace com’è stato di rendere il declino fisico di Hawking dai primi sintomi della malattia fino ai giorni presenti, affidandosi per quasi tutta la seconda metà del film esclusivamente alla mimica e al movimento degli occhi. La sceneggiatura però scava poco a fondo nella psicologia di Hawking. Si esce dal film con la sensazione di sapere ancora molto poco di Stephen Hawking persona, che anzi sembra avere per tutto il tempo addosso l’etichetta “scienziato e santo”.
Più complesso e meglio tratteggiato è invece il personaggio della moglie Jane Wilde, piccola grande donna piena di difetti e qualità, che ha sostenuto per venticinque anni il suo uomo.

(Chiara Cecchini)



Cast

Eddie Redmayne   Eddie Redmayne
(32 anni circa in questo film)

... Stephen Hawking

Felicity Jones   Felicity Jones
(30 anni circa in questo film)

... Jane Hawking

Emily Watson   Emily Watson
(47 anni circa in questo film)

... Beryl Wilde

    Riccardo Pippa

... Brian

David Thewlis   David Thewlis
(51 anni circa in questo film)

... Dennis Sciama

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

James Marsh

Sceneggiatura

 

Graziano Sirressi

Fotografia:

 

Pierre Palmade

Colonna Sonora

 

Christophe Duthuron

Produzione:

 

Working Title Films

Distribuzione:

 

Universal Pictures

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................