La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

I Cavalieri dello Zodiaco - La Leggenda del Grande Tempio

I Cavalieri dello Zodiaco - La Leggenda del Grande Tempio

(Seinto Seiya: Legend of Sanctuary)

Film del: 2014     Genere: 3D / Animazione / Anime / Fantascienza
Durata: 95 minuti   Uscito al cinema il: 08/01/2015   


Persino l’animazione non convince, al di là di un nuovo design dei personaggi


Trama:

La sedicenne Isabel scopre di essere la reincarnazione della dea Atena, protetta da quattro Cavalieri di ronzo. Con loro si recherà al Grande Tempio per affrontare il Gran Sacerdote, usurpatore che trama per conquistare l’universo. In una disperata corsa contro il tempo, i quattro cavalieri Pegasus, Sirio, Crystal e Andromeda affronterà i dodici Cavalieri d’oro, fedeli al Gran Sacerdote, attraversando le dodici Case.



Vota il film!

Voto medio: 3,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: I Cavalieri dello Zodiaco - La Leggenda del Grande Tempio

E non poteva mancare il reboot dei Cavalieri dello Zodiaco. Il mitico anime, ispirato all’ancor più mitico manga, è un vero cult per la generazione dei trentenni di oggi, a cominciare da Zerocalcare, che cita spesso Pegasus e i suoi nelle sue strisce, con Sirio il Dragone come nume tutelare.
In Italia l’anime arrivò nei primi anni Novanta, complice una poderosa operazione di marketing e un merchandising capillare, insieme a un adattamento dallo stile epico che non poco ha contribuito al suo successo e al suo radicamento nella memoria di chi all’epoca si apprestava ad entrare nell’adolescenza. E giocoforza sono proprio loro, oggi, adulti ma non troppo, i destinatari di questa operazione nostalgie, insieme a un pubblico nuovo di ragazzini che probabilmente non hanno mai goduto delle repliche dell’anime.
Ma il film in CGI della Toei Animation è un passo falso che rischia di non risultare coinvolgente per i nuovi spettatori e scontenterà i fan storici della saga.

Condensare in un’ora e mezza una trama che si dipana in ben 28 volumi e centoquattordici episodi è un’impresa più che impossibile, è folle e presuntuosa. Personaggi che entrano in scena all’improvviso, senza alcuna preparazione, aggiornamenti che non convincono e poco aggiungono alla versione originale, un background nebuloso che i dialoghi scarni rendono ancora più difficile da capire, una caratterizzazione inesistente che “privilegia” - ma è solo un modo di dire - Isabel e Pegasus ma lascia completamente sullo sfondo personaggi come Sirio, Crystal, Phoenix e lo stesso Gran Sacerdote/Gemini.
Persino l’animazione non convince. Al di là di un nuovo design dei personaggi e delle armature, la qualità generale non lascia certo a bocca aperta. L’espressività dei personaggi risulta molto penalizzata, e alla lunga i pirotecnici combattimenti stancano e non coinvolgono. Difficile che uno spettatore di oggi, digiuno sia del manga sia dell’anime, possa appassionarsi a un prodotto con una sceneggiatura talmente sfilacciata, inconsistente, confusionaria e sciatta. Come definire altrimenti la corsa tra le dodici Case, risolta in maniera involontariamente comica (e non solo per il siparietto da musical con cui Cancer si presenta ai cavalieri di bronzo), con alcuni cavalieri d’oro che magicamente non compaiono nemmeno o quando lo fanno vengono liquidati in tutta fretta. Non aiuta l’adattamento italiano, che da un lato richiama in servizio i doppiatori “storici” per prestare la propria voce a Isabel, Pegasus e compagnia (con esiti tragicomici, visto che le quelle voci, pur ottime e sicuramente un gradino superiore rispetto alla media dei doppiaggi di oggi, erano già “adulte” a suo tempo e ora risultano irrimediabilmente agé per personaggi dichiaratamente adolescenti) e dall’altro non riesce (o non può) sopperire alle mancanze dello script, riportando in vita quel mix di epica e drammaticità che resero unica la versione italiana dell’anime e che tutt’ora risuonano nell’orecchio dello spettatore appassionato.

Come operazione, I Cavalieri dello Zodiaco - La Leggenda del Grande Tempio avrebbe potuto essere un punto di partenza per un nuovo ciclo di film avesse cercato di raccontare nuove avventure, anziché cercare di condensare qualcosa che non poteva essere ridotto senza perdere inevitabilmente di qualità. Così com’è, è destinato a scontentare tutti.

(Chiara Cecchini)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Giappone

Regia

 

Paola Dusio

Sceneggiatura

 

Gerardo Buzzanca / Giuliana Lojodice

Produzione:

 

Toei Animation Company

Distribuzione:

 

Lucky Red

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................