La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Confusi e Felici

Confusi e Felici

(Confusi e felici)

Film del: 2014     Genere: Commedia
Durata: 105 minuti   Uscito al cinema il: 30/10/2014   


Il classico film da vedere per farsi due grasse risate senza troppe pretese


Trama:

Anche gli psicanalisti possono cadere in depressione! Lo sa bene Marcello, psicanalista cialtrone e cinico, che un giorno decide di chiudersi in casa e mollare tutto. Questo gesto “estremo” non viene accolto bene da Silvia, segretaria di Marcello, che decide di radunare i suoi pazienti per cercare, tutti insieme, di farlo uscire dalla crisi. Un’idea bellissima se non fosse che, ad aiutare Silvia, ci saranno uno spacciatore affetto da attacchi di panico, Nazareno, un quarantenne mammome cronico, Pasquale, una ninfomane decisamente invadente, Vitaliana, una coppia in crisi sessuale, Enrico e Betta e Michelangelo, telecronista in crisi per il tradimento della moglie.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Confusi e Felici

C’era Carmen Consoli che cantava confusa e felice quasi 20 anni fa. Oggi Massimiliano Bruno, qui in veste di demiurgo visto che sceneggia, dirige e recita pure, pluralizza il tutto in Confusi e Felici.
Uno psicologo in crisi è il blocco di partenza per questa commedia molto classica incentrata su battute e recitazione tenuti insieme da un'esile trama fine allo scopo.

Bisio diventa quindi il sole intorno a cui ruotano e interagiscono i vari personaggi a partire dalla sua segretaria (la Foglietta) fino alla spacciatore con le crisi di panico (un Giallini ispirato ai “Soprano’s” e a Terapia e Pallottole) passando per l’uomo dall’eccesso di rabbia Papaleo (Terapia d’urto), la ninfomane Minaccioni (Come ammazzare il capo e vivere felici), il mammone Bruno (Immaturi) e la coppia in crisi Guzzanti – Sermonti (Il matrimonio che vorrei).
La comicità del tutto si affida non solo alle dote dei singoli, ma anche al contrasto tra la “milanesità” di Bisio e la “romanità” del resto del cast.
Questo è il tempo della psicologia, dopo Tutta colpa di Freud -dove peraltro Giallini era lo psicologo- qui si guarda ai pazienti (Ma che colpa abbiamo noi) come gruppo umano capace di muovere le cose e si strizza anche un po’ l’occhio, nel personaggio dello psicologo, ad un altro grande classico come Caruso Pascosky.
Tra psicologi che assistono e psicologi che curano (sempre un milanese Gioele Dix) e qualche facile simbologia come il calcio di rigore, si porta a casa almeno un po’ di buon umore a dispetto di un paio di scene decisamente di troppo.

Il classico film da vedere per farsi due grasse risate senza troppe pretese e… per il cameo di tre grandi della musica italiana Daniele Silvestri, Max Gazzé e Niccolò Fabi (I Tre Amigos! per restare in tema di citazioni).

(Valerio Salvi)



Cast

Claudio Bisio   Claudio Bisio
(57 anni circa in questo film)

... Marcello

Anna Foglietta   Anna Foglietta
(35 anni circa in questo film)

... Silvia

Marco Giallini   Marco Giallini
(51 anni circa in questo film)

... Nazareno

    Paola Minaccioni

... Vitaliana

Caterina Guzzanti   Caterina Guzzanti
(38 anni circa in questo film)

... Betta

Massimiliano Bruno   Massimiliano Bruno
(44 anni circa in questo film)

... Pasquale

Pietro Sermonti   Pietro Sermonti
(43 anni circa in questo film)

... Enrico

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Massimiliano Bruno

Sceneggiatura

 

Massimiliano Bruno

Fotografia:

 

Alessandro Pesci

Produzione:

 

IIF / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................