La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Noah

Noah

(Noah)

Film del: 2014     Genere: Biografico / Drammatico / Fantastico
Durata: 132 minuti   Uscito al cinema il: 10/04/2014   


Leggere la Bibbia come l’ha letta Darren Aronofsky, è un po’ come eseguire un notturno di Chopin con una sega da tagliaboschi.


Trama:

Rivisitazione della leggenda di Noè.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Noah

Leggere la Bibbia come l’ha letta Darren Aronofsky, è un po’ come eseguire un notturno di Chopin con una sega da tagliaboschi. Tutto è sbagliato, tutto è inadeguato, tutto da rifare….

Insomma, passi per Noah, anzi Noè, che combatte come uno X-Men, e passi l’abbigliamento da figlio dei fiori in consesso a Woodstock, jeans e gileino alla Jimi Hendrix, e passino pure le sue paturnie di vegano ante litteram, ma sopportare di vedere un clandestino sull’arca o subirsi le – giustificate, per carità – proteste dei figli circa il fatto che sull’arca non c’erano donne con le quali dar luogo al proseguimento della specie… è davvero troppo.

Per carità, il Noah (pardon, Noè) , in 3D, fa pure il suo effetto: belli e suggestivi gli stormi di volatili che si recano nell’arca , così come le mandrie di quieti e mansueti quadrupedi (anche se su i rettili la moglie ha qualcosa da ridire quando chiede al marito: ma devono venire anche i serpenti?), o le albe ante diluvio colorate come cartoline, ma l’idea creativa sulla creazione di Aronofsky lascia perplessi se non contrariati. Così come l’impronta stilistica non ci convince. Il taglio fantasy ormai predominante, ha la meglio anche tra le pagine del libro dei libri. Ecco comparire mostri mitologici, plebi smisurate, fuochi magici ed anche qualche stregoneria. Matusalemme – fa l’occhietto come solo Antony Hopkins sa fare - somiglia a Merlino, Noah, cioè Noè, è un ascetico dal pugno di ferro come la sua ottusità, la moglie sforna preziosi oli ed erbe medicinali.

E’ il mondo e l’universo di Aronofsky che non riesce ad astenersi dal mostrarci mele (proibite) palpitanti o fiori che spuntano grazie a piogge magiche. La sua lettura personale non può prescindere dal romanticismo new age venato da influenze gotiche, facciamocene una ragione. E non ci sorprende apprendere che un primo script del film era già stato realizzato durante la lavorazione di L’albero della vita.

Detto questo, nonostante Russel Crowe patriarca, fa la sua figura, il consiglio è quello di dirottare le vostre arche verso altri più interessanti approdi.

(Daniele Sesti)



Cast

Anthony Hopkins   Anthony Hopkins
(77 anni circa in questo film)

... Matusalemme

    Douglas Booth

... SEM

Emma Watson   Emma Watson
(24 anni circa in questo film)

... Ila

Jennifer Connelly   Jennifer Connelly
(44 anni circa in questo film)

... Naamah

Logan Lerman   Logan Lerman
(22 anni circa in questo film)

... Cam

Ray Winstone   Ray Winstone
(57 anni circa in questo film)

... Tubal-cain

Russell Crowe   Russell Crowe
(50 anni circa in questo film)

... No

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Darren Aronofsky

Sceneggiatura

 

Darren Aronofsky

Fotografia:

 

Matthew Libatique

Colonna Sonora

 

Clint Mansell

Distribuzione:

 

Universal Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................