La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Gente Che Sta Bene

La Gente Che Sta Bene

(La gente che sta bene)

Film del: 2014     Genere: Commedia / Drammatico
Durata: 105 minuti   Uscito al cinema il: 30/01/2014   


Un film strano, innovativo nel suo presentare una commedia così poco commedia


Trama:

Umberto Maria Dorloni è un avvocato in una società spietata, è felice del suo status sociale e fa di tutto per non perderlo.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Gente Che Sta Bene

Claudio Bisio, sempre al centro dello schermo per 105 minuti, è Umberto Mario Dorloni, un ruolo difficile dovendo essere odiato dalla maggior parte del pubblico. Il tema è l’ambizione e l’egoismo del protagonista: uno di quelli che parla più forte per non farsi interrompere o che sbeffeggia chi sta licenziando parlandogli di “opportunità”. È fiero del suo curriculum, dei suoi titoli e dei suoi inviti eleganti, che continua a sbattere in faccia a chi ha intorno, si ritiene bravo in tutto ed il suo ego è spropositato. È un vile, non prova vergogna e si riscopre innamorato più della sua fama che del sua famiglia, vive al di sopra delle proprie possibilità e quando queste possibilità si riducono, il personaggio, che a fatica si è costruito, crolla emotivamente. Si risveglierà dal derivante torpore con una diversa consapevolezza, forse giusta, forse peggiore di quella precedente.


La storia racconta uno spaccato della società italiana contemporanea, senza pretendere di essere credibile, intelligente, interessante o divertente. È una storia fine a se stessa che non lascia più di quello che trova nello spettatore, puro intrattenimento per altro non gradevolissimo. Delude le aspettative di chi vuole farsi una risata spensierata e delude le aspettative di chi vuole farsi un sano pianto costruttivo. Il suo genere è in un limbo tra la tragedia e la commedia senza essere tragicomico. Incredibile vero? Eppure si può fare, e non sorprende che il regista Francesco Patierno citi Billy Wilder parlando, nell’intervista, di voler “alternare una lacrima ad un sorriso”.

Il film non pretende di essere una soggettiva dell’italiano medio, ma il risultato ammicca allo spettatore sottintendendo che questo modo di essere, per quanto sbagliato e deprecabile, è l’unico modo per sopravvivere nel mondo del lavoro nel periodo di crisi che la penisola sta attraversando.

Un film strano, innovativo nel suo presentare una commedia così poco commedia, ma si perde strada facendo e giunge dove, forse, né il regista né gli sceneggiatori pensavano di giungere.

(Riccardo Cenci)



Cast

Claudio Bisio   Claudio Bisio
(57 anni circa in questo film)

... Umberto Ilario Dorloni

Margherita Buy   Margherita Buy
(52 anni circa in questo film)

... Carla

Diego Abatantuono   Diego Abatantuono
(59 anni circa in questo film)

... Patrizio Azzesi

Carlo Buccirosso   Carlo Buccirosso
(60 anni circa in questo film)

... maresciallo Carabinieri

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Francesco Patierno

Sceneggiatura

 

Francesco Patierno / Federico Baccomo / Marco Pettenello / Federico Favot

Fotografia:

 

Maurizio Calvesi

Colonna Sonora

 

Santi Pulvirenti

Produzione:

 

Colorado Film / RAI Cinema / Madeleine

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................