La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Philomena

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2013
Concorso Venezia 70

..............................



Philomena

(Philomena)

Film del: 2013    
Durata: 94 minuti   Uscito al cinema il: 19/12/2013   


Il film è assolutamente da vedere anche per il modo in cui tratta un argomento assolutamente tragico con un filo di ironia


Trama:

Irlanda, 1952. Rimasta incinta da adolescente, Philomena viene mandata nel convento di Roscrea, luogo in cui vengono rinchiuse le "ragazze perdute". Ancora molto piccolo, il bambino le viene portato via dalle suore per essere dato in adozione nella lontana America.
50 anni dopo, Philomena non ha ancora smesso di cercare suo figlio.
Quando incontra Martin Sixsmith, un giornalista intrigato dalla sua storia, inizierà un viaggio straordinario per l'America che rivelerà una storia incredibile ed emozionante.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Philomena

Giusto a conferma che gran parte del cinema inglese è assolutamente “politico”, il nuovo film di Stephen Frears sta a ricordarci del coraggio di certe dichiarazioni. D'altra parte già agli esordi, il nostro aveva fatto piccoli passi nel “sociale” con quel piccolo gioiellino che è My Beautiful Laundrette ma, dopo qualche trasferta americana e tanti altri film (tutti di altissimo livello), di questo impegno si era spesso persa la traccia.

Oggi torna sugli schermi con un film che tratta di un argomento che deve stare molto a cuore sia a inglesi che a irlandesi perché se ne è parlato già in altri film. Un argomento agghiacciante di cui noi sappiamo poco e niente.

Se già Magdalene di Peter Mullan aveva sdoganato una certa insofferenza verso istituzioni religiose che di religioso avevano solo il nome, in questo Philomena ritroviamo una storia di violenze che sa molto di seconda guerra mondiale quando i nazisti strappavano i figli alle madri per portarli a morte. Le uniche differenze sono che qui i figli venivano portati verso vite migliori e che la guerra era finita da un pezzo. Ma il dolore, spesso, era lo stesso.

Supportato da due calibri da novanta quali la straordinaria Judi Dench e il gigionissimo Steve Coogan, il regista ci accompagna in un viaggio che sembra quasi di formazione, nonostante i protagonisti siano già in là con gli anni e che ci fa capire quanto la vita sia sempre piena di “imprevisti”. Un viaggio dove l'importante è il traguardo ma dove, più si va avanti, più importante è il viaggio stesso.

Va da sé che il film è assolutamente da vedere anche per il modo in cui tratta un argomento assolutamente tragico con un filo di ironia, rendendo il tutto molto meno pesante. Dispiace solo pensare che, alla fine, noi italiani che la Chiesa ce l'abbiamo in tutte le venature, politiche e non, un film così, con un argomento diverso, non lo potremo mai realizzare perché, da che mondo è mondo, siamo incapaci di azzardare tanto. Meno male che ci sono gli inglesi!

(Renato Massaccesi)



Cast

Judi Dench   Judi Dench
(79 anni circa in questo film)

... Philomena

Steve Coogan   Steve Coogan
(48 anni circa in questo film)

... Martin Sixsmith

    Sophie Kennedy Clark

... Philomena giovane

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Regno Unito / USA

Regia

 

Stephen Frears

Sceneggiatura

 

Steve Coogan / Jeff Pope / Martin Sixsmith

Fotografia:

 

Robbie Ryan

Colonna Sonora

 

Alexandre Desplat

Produzione:

 

BBC Films / Baby Cow Productions / BFI / Magnolia Mae Films / Pathé

Distribuzione:

 

Lucky Red

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................