La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Wolf of Wall Street

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



The Wolf of Wall Street

(The Wolf of Wall Street)

Film del: 2013     Genere: Drammatico
Durata: 165 minuti   Uscito al cinema il: 23/01/2014   


Scorsese dimostra di saper trasformare in oro anche, l'apparente, immondizia.


Trama:

Anni '80 e '90, l'era degli yuppies! Il film racconta la storia di un brocker finanziario, che dopo aver fondato la sua società e portato a termine diverse frodi, sarà arrestato..



Vota il film!

Voto medio: 6,25

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Wolf of Wall Street

“Era legale?”, è la domanda (retorica) che ricorre più volte nel film. Era legale truffare migliaia di inesperti investitori, vendendo loro carta straccia spacciandola per titoli azionari sicuri e dall'alto rendimento? Era legale eludere tutte le norme federali che regolano la compravendita dei titoli? La domanda è retorica, come detto, e la risposta è scontata. Non era legale, ma, tutte queste azioni sono giustificate se nel giro di pochi anni ti portano a guadagnare qualcosa come 49 milioni di dollari.

Jordan Belfort – realmente esistito ed autore del libro da cui è stato tratto il film – ci è riuscito. A 26 anni e dopo aver fatto un uso indiscriminato e senza limiti di droghe di tutti i tipi (“I consume enough drugs to sedate Manhattan, Long Island, and Queens for a month.”, è il prologo che lo introduce). Per farlo ha truffato, ingannato, corrotto e si è concesso ogni possibile ed immaginabile eccesso. Perché, in fondo, quello che sembra voglia dirci il redento (?) Jordan nel suo libro è che tutto ciò non sarebbe stato possibile senza una vita sempre condotta all'estremo, senza eccessi, senza vivere col cuore sempre pompato a mille da sostanze sintetiche assunte come acqua fresca, senza copulare nevroticamente con qualsiasi appartenente al genere femminile, nonostante abbia una moglie bellissima, da togliere il fiato (Margot Robbie). E nel descrivere (e celebrare) questi eccessi l'ormai ultrasettantenne Scorsese mostra una tempra ed una verve da giovane regista alle prime armi che scalpita per stupire e mettersi in vetrina. Il regista italo americano non si adagia sui fasti passati, rivisita il suo cinema, lo mastica, lo metabolizza e lo risputa fuori rinnovato da nuova e vigorosa linfa vitale. Fa sue alcune lezioni di alcuni cineasti della generazione successiva (penso a Baz Luhrmann di cui reinventa con lo sguardo del cattivo ragazzo le mirabolanti scene di festa) rimanendo però sempre ancorato ad alcuni suoi principi inderogabili: ritmo e attenzione alla costruzione della storia. Qui è alle prese con la vita di uno spregiudicato broker (come era alle prese con la vita di un gangster in Quei Bravi ragazzi) e come nel film del 1990 ne eviscera tutte le più intime caratteristiche. Entra nel suo privato, spesso causa e a volte effetto della componente pubblica, e ne mette a nudo le contraddizioni piccole e grandi che disegnano l'uomo ( anzi, quella tipologia di uomo). Per farlo, realizza un film lungo (ma mai noioso) che attraversa tutta la storia di Jordan, dalla sua ascesa alla sua rapida caduta, alla sua rinascita. Nel mezzo della narrazione, inserisce almeno tre sequenze da antologia, che da sole avrebbero meritato il prezzo del biglietto: ll dialogo tra Jordan e il suo primo mentore (Matthew McConaughey che si batte il petto mentre si esibisce in canti di guerra in un elegante ristorante di Manhattan); il colloquio con l'agente dell'FBI (Kyle Chandler); la sequenza della cucina con il socio d'affari ( Jonah Hill, sembra nato per quel ruolo). In tutte, come ovvio, c'è Leonardo Di Caprio (al quarto film con Scorsese) il quale si merita in effetti tutti gli elogi già ricevuti. Soprattutto, per la lunga, esilarante e strampalata sequenza di quando abusa del Quaaludes, la droga più amata e strapagata. In quei momenti, il film quasi si trasforma in una commedia giovanilistica da teenager sballati, ed è proprio in quelle sequenze che Scorsese dimostra di saper trasformare in oro anche, l'apparente, immondizia.

Consigliatissimo!

(Daniele Sesti)



Cast

Jean Dujardin   Jean Dujardin
(41 anni circa in questo film)

... Jean-Jacques Saurel

    Joanna Lumley
(67 anni circa in questo film)

... Zia Emma

Jon Bernthal   Jon Bernthal
(36 anni circa in questo film)

... Brad

Jon Favreau   Jon Favreau
(47 anni circa in questo film)

... Manny Riskin

Jonah Hill   Jonah Hill
(30 anni circa in questo film)

... Donnie Azoff

Kyle Chandler   Kyle Chandler
(48 anni circa in questo film)

... Patrick Denham

Leonardo DiCaprio   Leonardo DiCaprio
(39 anni circa in questo film)

... Jordan Belfort

Margot Robbie   Margot Robbie
(23 anni circa in questo film)

... Naomi Lapaglia

Matthew McConaughey   Matthew McConaughey
(44 anni circa in questo film)

... Mark Hanna

Rob Reiner   Rob Reiner
(66 anni circa in questo film)

... Max Belfort

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Martin Scorsese

Sceneggiatura

 

Terence Winter

Fotografia:

 

Rodrigo Prieto

Colonna Sonora

 

Howard Shore

Produzione:

 

Appian Way, EMJAG Productions, Red Granite Pictures, Sikelia Productions

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................