La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Motel Life

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2012
Concorso

..............................



The Motel Life

(The Motel Life)

Film del: 2012     Genere: Drammatico


Impeccabile dal punto di vista tecnico, il film vanta una bellissima colonna sonora e un altrettanto valida fotografia


Trama:

Diventati orfani prematuramente, Frank e Jerry Lee sono cresciuti affidandosi a un grande sogno: abbandonare i problemi della loro vita precaria a Reno. Quando uno dei due fratelli è la causa di un incidente mortale, devono scegliere se scappare o guardare in faccia la realtà. Una storia di redenzione che celebra il potere di sentirsi fratelli, della condivisione dei desideri e della speranza.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Motel Life

In concorso alla settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, The Motel Life è una gran bella sorpresa e gli applausi scroscianti ricevuti alla fine dell’anteprima stampa, ne fanno uno dei papabili vincitori.

Tratto dall’omonimo romanzo del cantante country Willy Vautlin, quello di Gabriel e Alan Polsky è un film di grande intensità, coinvolgente e commovente. E’ la storia di due fratelli e del fortissimo legame che li porta, sempre uniti, ad affrontare traversie innumerevoli.

Emile Hirsh, ancora una volta alle prese con un personaggio introverso e solitario, dà prova di essere un ottimo attore, decisamente uno dei giovani volti più talentuosi nel panorama hollywoodiano. La sua performance colpisce e commuove e il ventisettenne americano si cala perfettamente nel ruolo di Frank: un giovane cresciuto troppo in fretta, dedito all’alcool e al fratello. Un’anima solitaria ferita dalla precoce scomparsa della madre e da una storia d’amore finita male.

Stephen Dorff, altrettanto valido, interpreta Jerry Lee: disegnatore incallito, innamorato della donna da lui stesso creata, cui ha dato il nome di Marge. Un pessimista senza una gamba, pieno di rimorsi dopo aver investito e ucciso un ragazzino. Lo stesso Kris Kristofferson funziona nel ruolo di datore di lavoro di Frank e figura paterna che gli si affeziona e lo redarguisce: “Non sei un perdente, non prendere decisioni da perdente ma da grande uomo”.

Bastano questi elementi per capire che The Motel Life è un film duro da digerire: un pugno nello stomaco in cui però la speranza fa capolino a più riprese, fino alla sequenza finale, in cui i timidi sorrisi di Dakota Fanning e Emile Hirsh sembrano alludere ad un futuro felice.

Originale e certamente interessante l’idea delle storie che Frank racconta a Jerry: storie per sognare, per sperare, per lasciarsi alle spalle un’esistenza difficile e dolorosa. Storie che di volta in volta prendono vita sullo schermo come disegni animati, per altro molto belli e con un affascinante tocco manga: brevi racconti i cui personaggi sono in parte reali e in parte immaginari. E ogni volta, la meraviglia si dipinge sul volto di Jerry, mentre il suo sguardo sognante assorbe ogni parola.

Impeccabile dal punto di vista tecnico, il film vanta una bellissima colonna sonora e un altrettanto valida fotografia: se i paesaggi innevati del Nevada e i frequenti primi piani del protagonista portano alla mente Into the Wild, le luci soffuse e i chiaroscuri, infondono altresì un’aura di angoscia alla narrazione. I flashback dell’infanzia e della storia d’amore con Annie affliggono Frank e mostrano al pubblico il suo passato e i motivi del suo tormento interiore.

Giovani produttori indipendenti, i fratelli Polsky hanno realizzato una brillante opera prima on the road che porta i fratelli Flannigan in giro per il Nevada, da Reno a Elko, da un motel all’altro. Piccole stanze li accolgono con il loro dolore e la loro solitudine e sul muro, ogni volta, Frank attacca i bellissimi disegni di Jerry per farlo sentire a casa.

Finalmente un bel film, di quelli che lasciano il segno. E la speranza.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Emile Hirsch   Emile Hirsch
(27 anni circa in questo film)

Stephen Dorff   Stephen Dorff
(39 anni circa in questo film)

Dakota Fanning   Dakota Fanning
(18 anni circa in questo film)

Kris Kristofferson   Kris Kristofferson
(76 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Gabe Polsky / Alan Polsky

Produzione:

 

Polsky Films

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................