La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Master

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2012
Film in Concorso

..............................



The Master

(The Master)

Film del: 2012     Genere: Drammatico
Durata: 137 minuti   Uscito al cinema il: 03/01/2013   


Prima di tutto e di tutti c'è Joaquin Phoenix.


Trama:

Un ritratto acuto di vagabondi e arrivisti nell’America dopo la seconda guerra mondiale, The Master di Paul Thomas Anderson racconta il viaggio di un reduce della Marina che torna a casa turbato e con un futuro incerto fino a quando non resta affascinato dalla Causa e dal suo leader carismatico.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Master

Prima di tutto e di tutti c'è Joaquin Phoenix. Prima di un regista che dopo anni riutilizza un pellicola 65 mm. (in sfregio alla volgare imperante imposizione dell'odierno 3D,) dimostrando ancora una volta di essere uno dei più originali e fertili autori del cinema contemporaneo; prima di una sceneggiatura solida e simbolica che sembra uscita dalle pagine di Steimbeck o di Salinger; prima di una fotografia realistica e lirica nello stesso momento; prima di una colonna sonora che ossessivamente scandisce i tempi del film con inesorabile bellezza; prima, anche, del suo contraltare artistico rappresentato dal collega Philip Seymour Hoffman (peraltro entrambi premiati a Venezia): perché se è difficile rappresentare la soluzione del problema ancor più difficoltoso, e doloroso, è rappresentare il problema stesso. Phoenix è il dolore di una cognizione tempestosa e dilaniante, uscita lacerata dall'esperienza della seconda guerra mondiale che si riversa in un Paese in cui l'ottimismo era la parola d'ordine alla quale Freddie non vuole o non riesce a sottomettersi. E lo fa assumendo una postura grottesca quasi fosse il personaggio di un fumetto, vestendosi con alti pantaloni che gli cingono i magri fianchi sfumandogli larghe rozze camicie, riducendo il proprio corpo ad anima vessata e sofferente. La faccia è quella ottusa di chi non conosce che cieca adorazione o orba violenza; le sue smorfie, i suoi gesti, la sua voce strascicata riempiono la scena incastonando un personaggio dalla rara quanto preponderante forza drammatica.

Il personaggio perfetto per raccontare la già raccontata storia di un ritorno post-bellico, le difficoltà di condividere l' ottimismo e la speranza, l'ostilità alla ridanciana folla che ti circonda e la ricerca di qualcosa che giustifichi il calpestare quelle strade che prima sembravano così caldamente familiari. Ed allora c'è la Causa, un ventre di vacca dove cercare le risposte che se non trovi potrai chiedere al Maestro, pronto ad accoglierti nel suo caloroso abbraccio di orso buono. E come per ogni cucciolo sperduto che si aggrega ad un branco non suo, il bisogno di accettazione supera le regole del vivere civile e lo spirito di autoconservazione domina tutte le passioni. Anche quella che neanche troppo nascostamente il Maestro rivolge a Freddie, emblema del figlio che avrebbe voluto avere. Contraddizioni che si risolvono per poi moltiplicarsi e riesplodere nonostante i puerili tentativi di sedute ipnotiche o lunghe sessioni di esercizi para psicologiche.

Il cinema di Paul Thomas Anderson è questo. Personaggi densi e ricchi, dall'altissimo peso specifico, sempre alla ricerca di un dato esistenziale che vada oltre la limitata tangibile sensibilità umana; un cinema fotografato meravigliosamente ad incastonare corpi e rumori, facce contorte segnate dalla luce innaturale di una spiaggia fredda e solitaria o ghigni impenetrabili celati dalle volute di fumo di una sigaretta accesa in penombre di angusti interni; il tutto accompagnato da una musica straniante, ansiogena, per nulla conciliante. Abituato a lavorare sempre con grandissimi interpreti, Anderson, anche in questo caso, ci regala dei personaggi che costituiscono nuovi mattoncini della storia del cinema.

(Daniele Sesti)



Cast

Philip Seymour Hoffman   Philip Seymour Hoffman
(45 anni circa in questo film)

... Lancaster Dodd

Joaquin Phoenix   Joaquin Phoenix
(38 anni circa in questo film)

... Freddie Quell

Amy Adams   Amy Adams
(38 anni circa in questo film)

... Mary Sue Dodd

Laura Dern   Laura Dern
(45 anni circa in questo film)

... Helen

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Paul Thomas Anderson

Sceneggiatura

 

Paul Thomas Anderson

Fotografia:

 

Mihai Malaimare Jr.

Colonna Sonora

 

Jonny Greenwood

Produzione:

 

Ghoulardi Film Company / Annapurna Pictures

Distribuzione:

 

Lucky Red

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................