La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Way Back

The Way Back

(The Way Back)

Film del: 2010     Genere: Drammatico
Durata: 119 minuti   Uscito al cinema il: 06/07/2012   


Weir dipinge da par suo questi momenti più interiori dove l’asprezza della fuga cede il passo all’intimità


Trama:

La storia di alcuni uomini che nel 1941 realizzarono un’impresa epica, raggiungendo l’India dopo essere scappati da un gulag siberiano e dopo aver percorso a piedi, senza alcun sostegno, ben 6.500 chilometri, in condizioni assolutamente estreme.



Vota il film!

Voto medio: 6,67

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Way Back

Esce solo in questi giorni, nelle nostre sale - l’ultima opera di Peter Weir – realizzata nel 2010 – che racconta la vicenda vera – anche se romanzata tratta dal libro di Slavomir Rawicz “Tra noi e la libertà” – di un gruppo di internati in un Gulag sovietico che tentano, nel pieno della seconda guerra mondiale, la fuga che dalla Siberia li porterà fino in India.

Un film appassionante che dà la possibilità al regista australiano di esprimere a pieno tutta la sua poetica ed anche e soprattutto sciorinare tutto il repertorio della propria estetica. L’opera infatti, per quasi tutta la sua totalità è il racconto di una fuga in mezzo ad una natura ostile e senza pietà. Dalle bufere di neve della Siberia, alle tempeste di sabbia del deserto mongolo, dalle sanguinarie zanzare del lago Baikal, ai feroci lupi di boschi oscuri, Weir riprende quel discorso mai interrotto ed iniziato più di trent’anni fa con quel piccolo capolavoro che è stato Picnic ad Hanging Rock, dell’insanabile conflitto tra uomo e natura dove di quest’ultima continua a mostrarci l’ineluttabile terribile mistero. Ed è per questo che il film si colora di una colonna sonora solo verso la fine; durante la sua narrazione l’unica musica che ascoltiamo è quella ora suadente ora terrificante della natura che circonda il manipolo di fuggitivi. A volte un rombo, altre volte un ululato, o lo scroscio di un ruscello nascosto o lo stridere di un uccello notturno; ascoltiamo con i protagonisti il suono della natura che non smette mai di battere il suo ritmo inesorabile. Ci ritroviamo, dunque, completamente immersi nel selvaggio paesaggio di un territorio dove l’uomo sembra a tutti gli effetti un intruso e dove il senso dello spazio e del tempo perdono del tutto le coordinate alle quali siamo abituati. Sensazione acuita dalla scansione del tempo narrativo i cui unici riferimenti sono albe ghiacciate o tramonti stampati su una duna uguale a mille altre.

La fuga, come in ogni fuga raccontata dal cinema che si rispetti, non è però solo il superamento di montagne invalicabili o di deserti arroventati; è anche il luogo per conoscere il tuo compagno ma soprattutto per ritrovare te stesso. Weir dipinge da par suo questi momenti più interiori dove l’asprezza della fuga cede il passo all’intimità di un colloquio dietro un debole fuoco o all’ombra di una sparuta palma nel bel mezzo del nulla. Ed è in questi momenti che il nutrito stuolo di attori che partecipano al film danno del loro meglio a partire da Ed Harris per finire al protagonista Jim Sturgess ed alla brava e lunare Saoirse Ronan. Tra di loro, spicca però il ghigno da assassino di Colin Farrel in un ruolo tagliato al millimetro per l’attore irlandese. Lui e il suo coltello, Woolf, indimenticabili.

(Daniele sesti)



Cast

Colin Farrell   Colin Farrell
(34 anni circa in questo film)

... Valka

Mark Strong   Mark Strong
(47 anni circa in questo film)

... Khabarov

Saoirse Ronan   Saoirse Ronan
(16 anni circa in questo film)

... Irena

Ed Harris   Ed Harris
(60 anni circa in questo film)

... Mr. Smith

Jim Sturgess   Jim Sturgess
(29 anni circa in questo film)

... Janusz

    Gustaf Skarsgård

... Voss

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Emirati Arabi Uniti / Polonia

Regia

 

Peter Weir

Sceneggiatura

 

Peter Weir / Keith R. Clarke / Slavomir Rawicz

Fotografia:

 

Russell Boyd

Colonna Sonora

 

Burkhard von Dallwitz

Produzione:

 

ImageNation Abu Dhabi / National Geographic Films / Monolith Films / Polish Film Institute

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................