La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Meteora

..............................
FESTIVAL

Festival di Berlino 2012
Film in concorso

..............................



Meteora

(Meteora)

Film del: 2012     Genere: Drammatico


Un amore impossibile, due cuori sospesi tra inferno e paradiso, due monasteri


Trama:

Meteora è il celebre monastero greco posto su alti speroni di roccia. Sospesi fra spiritualità ascetica e la vita terrena di chi vive a valle, il monaco Theo e la suora Urania devono fare una scelta.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Meteora

Il monastero delle Meteore in Grecia è famoso per la sua posizione del tutto particolare, arroccato su uno spuntone di roccia che si può raggiungere solo salendo in una rete che viene tirata su dall'alto. La routine della contemplazione viene interrotta solo dalla visita al villaggio vicino per acquistare il necessario per la vita monastica. La metafora fra la vita nei cieli alti e la dimensione terrena con tutte le sue esigenze mondane e corporali è fin troppo evidente. E' proprio in questa condizione che un giovane monaco e una giovane suora di incontrano, si conoscono, coltivano a lungo pensieri di tentazione l'uno verso l'altro.

Vicende di attrazioni proibite fanno parte della storia dell'umanità fin dalle prime tradizioni orali, e non è sorprendente che ancora oggi siano in grado di affascinare e di incuriosire. La storia di Meteora è portata avanti in una prospettiva senza tempo, in un periodo che potrebbe essere il nostro o potrebbe essere di cento o duecento anni fa. L'amore di questi due giovani dimentichi dell'abito che indossano è descritto da un'animazione che ricorda in maniera molto vivida le icone della tradizione bizantina, una narrazione per immagini che racconta le fasi della loro attrazione irresistibile. 

Il cinema di Stathouloupoulos si affida molto poco ai dialoghi e quasi completamente alle immagini, al gioco di sguardi e gesti, alla comunicazione corporea. Anche il numero dei personaggi è ridotto all'osso: oltre ai due protagonisti c'è solo un eremita e un pastore. Entrambi si trovano al centro della valle, nell'ideale punto di incontro dei due monasteri. Nessuno dei due fornisce risposte o chiarimenti ai dubbi del monaco, come pure la suora non trova conforto alcuno nei visi severi delle consorelle. Saranno loro stessi a doversi interrogare e a fornire a se stessi le risposte che cercano. Come là fuori. Come nella vita.

(Mauro Corso)



Cast

Dati Tecnici

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................