La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Double

The Double

(The Double)

Film del: 2011     Genere: Drammatico / Mistero / Poliziesco
Durata: 98 minuti   Uscito al cinema il: 09/03/2012   


Scavare nell’intimo dei personaggi, nelle loro motivazioni è un’ottima cosa se bilanciata con il procedere dell’azione, che però ristagna


Trama:

L’ossessione di una carriera. L’agente della CIA, Paul Shepherdson, è andato in pensione senza essere riuscito ad inchiodare un misterioso e imprendibile killer sovietico. Ora viene richiamato in servizio perché l’omicidio di un senatore sembra portare la firma del suo storico avversario. Una caccia voluta dal suo ex superiore Tom Highland che lo vede collaborare con il giovane agente dell’FBI, Ben Geary. La coppia analizza i crimini del passato, ricostruisce la personalità dell’assassino e scopre che la realtà è molto diversa da quello che si pensava.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Double

Per chi è figlio come del cinema anni ottanta non ci si può approcciare a questo film senza pensare all’ottimo Senza via di scampo di Roger Donaldson. Allora c’erano un Kevin Kostner all’apice e un’irresistibile Sean Young, insieme al superlativo Gene Hackman, a tirare le fila di una spy story che pochi anni dopo non avrebbe avuto più ragione di esistere.
Oggi Michael Brandt (al suo esordio registico) ci ripropone un’ossatura classica per una versione attualizzata del conflitto, rigorosamente freddo, tra America e Russia.
Il suo cast non è così brillante come quello di Donaldson, Topher Grace non è la star che era Kostner e Richard Gere, a cui vogliamo molto bene, non è Gene Hackman, ma questo non il vero problema del film.

Se l’idea di tornare ad un clima dove l’Aquila e il grande Orso si fronteggiano ancora, a dispetto del Medio Oriente, è ottima, se la voglia di vedere un bel film di spionaggio, dove non siano coinvolte multinazionali e banche, è da applaudire, quello che non fa decollare il tutto è una parte centrale lenta e farraginosa.
Scavare nell’intimo dei personaggi, nelle loro motivazioni è un’ottima cosa se bilanciata con il procedere dell’azione, che però ristagna.
Peccato perché su questo fronte Brandt non sembrava avere assolutamente problemi considerati i suoi precedenti Wanted e Quel Treno per Yuma (che in verità aveva adattato da precedenti lavori).
Al di la di questo è sempre un piacere vedere Topher Grace in azione, un attore che centellina le sue presenze sullo schermo e che forse è qui solo per il piacere di lavorare con Richard Gere e Martin Sheen, curiosamente i due protagonisti dei primi film di Mallick.

Alla fine dopo che abbiamo scoperto il primo velo che ci mostra l’inattesa verità, è ovvio che ci sarà dell’altro, perché siamo solo al 20° e la partita è ancora tutta da giocare. Ma il gol arriva dopo il fischio finale quando stiamo già uscendo dallo stadio.

(Valerio Salvi)



Cast

Richard Gere   Richard Gere
(62 anni circa in questo film)

... Paul Shepherdson

Topher Grace   Topher Grace
(33 anni circa in questo film)

... Ben Geary

Martin Sheen   Martin Sheen
(71 anni circa in questo film)

... Tom Highland

Stana Katic   Stana Katic
(33 anni circa in questo film)

... Amber

Chris Marquette   Chris Marquette
(27 anni circa in questo film)

... Oliver

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Michael Brandt

Sceneggiatura

 

Michael Brandt / Derek Haas

Fotografia:

 

Jeffrey L. Kimball

Colonna Sonora

 

John Debney

Produzione:

 

Hyde Park Entertainment / Agent Two / Brandt/Haas Productions / Industry Entertainment

Distribuzione:

 

Eagle Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................