La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Contraband

Contraband

(Contraband)

Film del: 2012     Genere: Poliziesco / Thriller
Durata: 110 minuti   Uscito al cinema il: 25/07/2012   


Se proprio vogliamo dirla tutta, l’opera soffre di “americanite” galoppante, ovvero un certo buonismo di fondo che impedisce allo sceneggiatore di affondare la lama


Trama:

Johnny Bryce si è ritirato dal mondo delcontrabbando, ma gli eventi lo costringono a fare un ultimo "viaggio" per pareggiare un debito del cognato.
Remake del film Reykjavik-Rotterdam.



Vota il film!

Voto medio: 8,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Contraband

Mark Wahlberg è nato per impugnare una pistola. E’ una sorta di John Wayne del nuovo millennio, un buon attore che non è mai completamente credibile quando si cala in parti poco consone alla sua natura, che so E venne il giorno per esempio o il terribile I poliziotti di riserva, dove la pistola ce l’aveva per sport.
La storia sottostante a Contraband non è certo la più innovativa che si sia mai vista: sono un ex criminale uscito dal giro e mi sono rifatto una vita. Un parente imbecille si mette in una situazione difficile e devo rientrare nel giro. Le cose non vanno lisce perché il parente è troppo imbecille… e via dicendo. Ah, è anche un remake in realtà. Di un film islandese Rekjavik – Rotterdam.
La cosa divertente è che Giovanni Ribisi è il criminale che incastra il buon Whalberg, ma a sua volta in Fuori in 60 secondi era stato il fratello di Nicolas Cage che lo aveva costretto a rientrare nel giro dei furti d’auto.

Tralasciando i ricordi, il film di Kormakur, nonostante, come detto, non brilli per innovazione, riesce a fare egregiamente il suo lavoro. Tiene alta la tensione, dosa bene azione e trama e soprattutto, facendo leva sull’innata simpatia che riscuote il truffatore medio –soprattutto sul suolo italico- fa si che tutto il tifo sia per i nostri allegri contrabbandieri, in fondo non uccidono, non rubano e –giusto per dargli quel leggero alone di santità- non trafficano in droga. Come non amrli?
Ovviamente per rendere più credibile il tutto, è necessario che la trama si attorcigli su se stessa e viva dei colpi di genio del protagonista, perché tutti vogliamo vedere come se la cava in situazioni impossibili.

Se proprio vogliamo dirla tutta, l’opera soffre di “americanite” galoppante, ovvero un certo buonismo di fondo che impedisce allo sceneggiatore di affondare la lama e dare la sterzata finale che ci vorrebbe, insomma non “Sons of Anarchy” o “The Shield”, ma Wahlberg ha la sua pistola, i cattivi hanno i tatuaggi e la Beckinsale ancora una volta ribadisce la sua totale inutilità come attrice e Ben Foster cancella l’ultimo barlume di Studio Disney che poteva offuscare la sua stella.

(Valerio Salvi)



Cast

Mark Wahlberg   Mark Wahlberg
(41 anni circa in questo film)

... Chris Farraday

Kate Beckinsale   Kate Beckinsale
(39 anni circa in questo film)

... Kate Farraday

Ben Foster   Ben Foster
(32 anni circa in questo film)

... Sebastian Abney

Giovanni Ribisi   Giovanni Ribisi
(38 anni circa in questo film)

... Tim Briggs

Caleb Landry Jones   Caleb Landry Jones
(23 anni circa in questo film)

... Andy

J.K. Simmons   J.K. Simmons
(57 anni circa in questo film)

... capitano Camp

Lukas Haas   Lukas Haas
(36 anni circa in questo film)

... Danny Raymer

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / USA

Regia

 

Baltasar Kormákur

Sceneggiatura

 

Aaron Guzikowski / Óskar Jónasson / Arnaldur Indriðason

Fotografia:

 

Barry Ackroyd

Colonna Sonora

 

Clinton Shorter

Produzione:

 

Universal Pictures / Relativity Media / Working Title / Leverage / Farraday Films

Distribuzione:

 

Universal Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................