La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Qualcosa di Straordinario

Qualcosa di Straordinario

(Big Miracle)

Film del: 2012     Genere: Drammatico / Famiglia
Durata: 107 minuti   Uscito al cinema il: 24/02/2012   


Dà sempre fastidio guardare un prodotto per bambini truccato da film da grandi


Trama:

Un reporter in Alaska decide di imbarcarsi nell'impresa di salvare una famiglia di balene grigie intrappolate nel ghiaccio.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Qualcosa di Straordinario

In tempi come i nostri in cui il riscaldamento globale, la tutela degli animali a rischio estinzione, l'attenzione per le forme di energia alternativa ci hanno fatto diventare tutti un po' più “ecologicamente corretti”, un film come Qualcosa di Straordinario potrebbe commuoverci allo spasimo così come potrebbe vanificare totalmente decenni di attività serissima.

La storia è vera e, pare, abbia suscitato più interesse delle varie guerre che vedono coinvolti gli americani in una buona parte del mondo. Tre balene che rimangono intrappolate in un specchio d'acqua per il raffreddamento repentino della loro via di fuga al mare, è un argomento che intenerirebbe perfino il più cinico dei cinici ma, bisogna dire che nel film di Ken Kwapis, il tutto risulta fin troppo stucchevole.

C'è l'attivista ambientalista che rischia di diventare ridicola per il suo attaccamento alla natura e la totale inconsapevolezza delle cose “umane”; c'è il giornalista relegato in un paesino sperduto dell'Alaska che rischia quasi di diventare un premio Pulitzer; c'è la giornalista arrivista ma bona che fa quasi perdere la testa al quasi Pulitzer di cui sopra; c'è il vecchio eschimese cacciatore di balene che diventa il più strenuo difensore delle balene stesse; c'è il petroliere che sembra uscito direttamente dalla fiction “anche i petrolieri hanno un cuore” e, infine, ci sono le tre balene che sono sicuramente la cosa più “umana” del film.

Visto il resoconto, va da sé, che il film è assolutamente didascalico e che i personaggi attraversano con molta disinvoltura il “sottile” filo che divide un personaggio da una macchietta. Se a questo aggiungete che, evidentemente in preda a qualche acido, “l'autore” inserisce nel film una telefonata delirante in cui Reagan chiama al telefono Gorbaciov dicendo (testuali parole!) “Ciao Gorby, sono Ronnie”, allora quel “sottile filo” che dicevamo, raggiunge limiti grotteschi che davvero non ci aspettavamo.

Probabilmente, avessi avuto quarant'anni di meno, il film non mi sarebbe neanche dispiaciuto, ma visto che non ce li ho, devo dire che dà sempre fastidio guardare un prodotto per bambini truccato da film da grandi perché si rischia continuamente di non cogliere neanche le motivazioni ecologiche. Sempre ammesso ci siano!

(Renato Massaccesi)



Cast

Drew Barrymore   Drew Barrymore
(37 anni circa in questo film)

Dermot Mulroney   Dermot Mulroney
(49 anni circa in questo film)

John Krasinski   John Krasinski
(33 anni circa in questo film)

Kristen Bell   Kristen Bell
(32 anni circa in questo film)

Ted Danson   Ted Danson
(65 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Ken Kwapis

Sceneggiatura

 

Michael Begler / Jack Amiel / Thomas Rose

Fotografia:

 

John Bailey

Colonna Sonora

 

Cliff Eidelman

Produzione:

 

Universal Pictures / Anonymous Content / Working Title

Distribuzione:

 

Universal Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................