La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

...E Ora Parliamo di Kevin

...E Ora Parliamo di Kevin

(We Need to Talk About Kevin)

Film del: 2011     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 112 minuti   Uscito al cinema il: 17/02/2012   


Un film che ci racconta di come un’errata educazione dei propri figli possa portare a vere e proprie tragedie


Trama:

Eva mette da parte ambizioni e carriera per dare alla luce Kevin. La relazione tra madre e figlio è però molto difficile sin dai primissimi anni. A quindici anni Kevin compie un gesto irrazionale ed imperdonabile agli occhi dell’intera società. Eva lotta contro una profonda amarezza e atroci sensi di colpa. Ha mai amato suo figlio? E’ in parte colpevole di ciò che ha fatto Kevin?



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: ...E Ora Parliamo di Kevin

Ci sono horror che spaventano a morte ma quando la protagonista è la realtà più cruda e assurda, l’angoscia attanaglia più di qualsiasi mostro o demone. E’ quanto accade guardando …E ora parliamo di Kevin, della regista Lynne Ramsay. Un film che parla di come un’errata educazione dei propri figli possa portare a vere e proprie tragedie.

La storia è quella di una madre, Eva, che si sente scoraggiata e limitata dopo la nascita del primo figlio. Il piccolo non fa altro che piangere e lei si consola con il rumore di un martello pneumatico che copre i suoi strilli: fa di tutto per calmarlo ed insegnarli giochi e parole ma invano. Il bambino è intelligente e percepisce la frustrazione della madre che, se da un lato lo ha fortemente voluto, ora non sa affrontarlo e si sente repressa. Non ci sono mai le classiche liti tra genitori e figli che danno sfogo al nervosismo. Tutto resta dentro a Kevin e a Eva: e alla fine tensione e rabbia esplodono in un evento drammatico che purtroppo è all’ordine del giorno negli Stati Uniti.

Il tormento di Eva, che si chiede se il comportamento deviato di Kevin non sia colpa sua, si evince dalla splendida interpretazione di Tilda Swinton, ancora una volta alle prese con un ruolo più che complesso che le è valso una candidatura ai Golden Globes e il premio come Migliore Attrice agli European Movie Awards. Suo marito Franklin, interpretato brillantemente da John C. Reilly, sdrammatizza tutto, difende il figlio in ogni circostanza e annienta ogni tentativo di risolvere i conflitti familiari che si fanno ogni giorno più aspri.

Il film si snoda su tre assi temporali: il presente di Eva, che vive da sola nella sua piccola casa e deve affrontare l’odio dei vicini. La crescita di Kevin con tutti i disagi e le difficoltà ad essa legati e la vecchia vita di Eva e Franklin, quando erano soli e si baciavano spensierati sotto la pioggia. Sprazzi di felicità prima che tutto cambiasse.

Ottima la regia della Ramsey che mantiene alta la tensione mediante il continuo ricorso a flashback che svelano a poco a poco la tragedia.: la tenda bianca che compare all’inizio del film, rivela solo alla fine cosa si nasconde dietro di essa. La fotografia di Seamus McGarvey cattura il tormento e la solitudine della protagonista e il disprezzo di Kevin. Perfetto il montaggio, che sostiene l’ansia della narrazione. Eccellente anche la performance di Ezra Miller, che dà vita con grande maestria ad un giovane decisamente inquietante.

Detto questo, il film è spinto agli eccessi. Perché quando un bambino di otto anni porta ancora il pannolino e compie evidenti gesti di rivalsa e dispetti nei confronti della madre, e quando un adolescente acceca la sorellina con l’acido e le ammazza la cavia, c’è decisamente bisogno di un aiuto esterno. Un aiuto cui i genitori non ricorrono perché si sentono all’altezza della situazione ma che - si spera - chiunque non esiterebbe a chiamare.

Tratto dal romanzo di Lionel Shriver, …e ora parliamo di Kevin parla del senso di colpa di una madre che si sente inadeguata e responsabile della crescita del figlio e di come egli è diventato ma non regge, almeno non del tutto, e lascia molti interrogativi. Fermo restando che è un film profondo, angosciante, inquietante e che mette a nudo una realtà più comune di quanto non si pensi.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Tilda Swinton   Tilda Swinton
(51 anni circa in questo film)

... Eva Khatchadourian

John C. Reilly   John C. Reilly
(46 anni circa in questo film)

... Franklin

    Rock Duer

... Kevin, infante

    Jasper Newell

... Kevin, 6-8 anni

    Ezra Miller

... Kevin, teenager

    Ashley Gerasimovich
(7 anni circa in questo film)

... Celia

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Lynne Ramsay

Sceneggiatura

 

Lynne Ramsay / Rory Kinnear / Lionel Shriver

Fotografia:

 

Seamus McGarvey

Colonna Sonora

 

Jonny Greenwood

Produzione:

 

BBC Films / UK Film Council / Independent / Artina Films / Footprint Investments / Rockinghorse Film

Distribuzione:

 

Bolero Film

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................