La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà Utile

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2011
Alice nella citt

..............................



Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà Utile

(Someday This Pain Will Be Useful to You)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 98 minuti   Uscito al cinema il: 24/02/2012   


Si parla di amore, di amicizia, di solitudine. E si ritrae un’America autentica, in cui la gente corre da una parte all’altra, si esalta per la prima gita a Washington, si sposa per non stare sola


Trama:

Un nuovo, malinconico, irrequieto e decisamente più attuale giovane Holden, durante una caldissima estate newyorkese.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà Utile

Sull’onda del film di Sorrentino, girato negli USA con un cast interamente americano, Roberto Faenza torna al cinema con un racconto profondo, intelligente e sensibile, come il giovane protagonista. Un giorno questo dolore ti sarà utile, tratto dall’omonimo romanzo di Peter Cameron - ampiamente apprezzato in Europa e oltreoceano - parla di tante cose.

In primis di un giovane che tutti ritengono anormale mentre è solo uno che non vuole uniformarsi e non vuole compiere gli errori della generazione precedente. Un po’ il predecessore degli Indignados, come lo ha definito il regista in conferenza stampa.
James, decisamente il più normale della sua famiglia, ha una madre eccentrica giunta al terzo matrimonio, durato solo 48 ore. Il padre è un businessman vanesio appena uscito da un intervento di blefaroplastica. La sorella sta con un polacco sposato molto più grande di lei e progetta di scrivere le sue memorie a soli 23 anni. Non vuole diventare uomo d’affari né avvocato ma gli piacerebbe fare l’artigiano, imparare un mestiere. In lui c’è chiaramente qualcosa che non va e, su insistenza della madre, incontra una life coach, ovvero una psicoterapeuta che, tra una corsa e l’altra a Central Park, porta il ragazzo a confidarsi e a capire che “il passato non può controllare il futuro”.

Nella galleria d’arte in cui lavora James, vengono spacciati per opere d’arte contemporanea alcuni bidoni da cui escono fumo e suoni, venduti per la bellezza di 16 mila dollari l’uno: caustico riferimento a quella che viene definita arte mentre è una mera presa in giro. Ben diversa dal dipinto di Munch o da quello secentesco che rapisce James.

Nel film di Faenza si parla di amore, di amicizia, di solitudine. E si ritrae un’America autentica, in cui la gente corre da una parte all’altra, si esalta per la prima gita a Washington, si sposa per non stare sola. James si allontana da tutto questo: sorta di moderno Holden, il protagonista cerca di trovare un suo ritmo e una sua posizione nella società e cerca una soluzione ai suoi problemi irrisolti. Consigliato dalla saggia nonna, una vivace Ellen Burstyn, le cui parole danno il titolo al film, James impara che alla fine della propria vita bisogna porsi solo due domande: “Ho vissuto pienamente? Ho saputo amare?”

Il cast comprende una bravissima Marcia Gay Harden nel ruolo della madre eccentrica e sola, Deborah Ann Woll, star di True Blood, Peter Gallagher, Lucy Liu e Stephen Lang, che abbandona la giungla di Terra Nova per calarsi nei panni di marito pentito.
Diretti con grande maestria dal regista nostrano, gli attori danno vita a un film corale, in cui personalità disparate si relazionano tra loro, offrendo un ritratto vivido della condizione odierna. Patinato dal punto di vista stilistico, Un giorno questo dolore ti sarà utile colpisce per la sua intensità ed il suo realismo. E per aver affrontato con estrema delicatezza il tema dell’eterna lotta tra mondo degli adulti, ancorato al passato, e mondo dei giovani, proiettato verso il futuro.

Scritto a quattro mani da Roberto Faenza e dalla sceneggiatrice Dahlia Heyman, il film è una storia sull’essere se stessi. Autentico e commovente, punta tutto sul giovane Toby Regbo, che qui regala un’interpretazione penetrante e che con ingenuità e al tempo stesso inquietudine si chiede: “cos’ha di speciale la normalità?”. In uscita a fine febbraio, il film vanta una bellissima colonna sonora scritta da Andrea Guerra e interpretata da Elisa.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Ellen Burstyn   Ellen Burstyn
(79 anni circa in questo film)

Lucy Liu   Lucy Liu
(43 anni circa in questo film)

Marcia Gay Harden   Marcia Gay Harden
(52 anni circa in questo film)

Stephen Lang   Stephen Lang
(59 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Regia

 

Roberto Faenza

Sceneggiatura

 

Roberto Faenza

Produzione:

 

The 7th Floor / Four of a Kind Productions / Jean Vigo Italia / MiBac / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................