La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Passione di Laura

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2011
Eventi

..............................



La Passione di Laura

(La Passione di Laura)

Film del: 2011     Genere: Documentario
Durata: 54 minuti   



Trama:

Passione, carattere, talento: Laura Betti è stata interprete musicale, attrice di teatro e cabaret, padrona della scena nell’affabulazione mitologica pasoliniana come nella ricostruzione storica di Novecento di Bertolucci.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Passione di Laura

La solita questione annosa quando si parla di un documentario è se il suo valore sia più legato al personaggio trattato oppure alla bravura del regista di affascinarci, a prescindere da qualsiasi cosa si parli. I documentari veramente belli sono, ovviamente, quelli in cui le due cose si bilanciano e La Passione di Laura appartiene sicuramente a questa categoria.

Nonostante faccia parte della Storia del Cinema con la esse maiuscola, forse Laura Betti non è così “riconoscibile” da tutti come meriterebbe. Anzi di più: meriterebbe di essere conosciuta e non soltanto riconosciuta. Il documentario di Paolo Petrucci, di professione montatore, riesce benissimo nell’intento di svelare la personalità di questa grande artista, attrice, cantante e scrittrice. A partire dalla sua infanzia a Bologna, fino ad arrivare alla fulminazione pasoliniana, nel documentario c’è il resoconto di una vita in continuo movimento.

Le testimonianze celebri stanno lì sullo schermo a testimoniare ogni scelta della sua vita da quella più intima raccontata da Bertolucci a quella politica ricordata da Valentino Parlato, passando per i racconti di tanti altri amici che ci parlano ognuno delle tante sfaccettature di questa grande artista.

La narrazione è commovente, divertente e appassionata ma è ovvio che il frammento principale del film è tutto dedicato al rapporto con Pasolini e alla sua battaglia per la verità sull’assassinio del grande poeta e regista bolognese, verità che malgrado le ultime dichiarazioni del Pelosi è ancora lungi dall’essere scoperta. Quello che esce fuori è il ritratto di una donna coraggiosissima, pronta ad ogni sfida, da quella femminista, a quella artistica (dal cabaret a Brecht e poi al Cinema impegnato) a quella politica. Eppure ne esce fuori anche il ritratto di una donna che faceva fatica ad essere imbrigliata in qualsiasi generalizzazione o movimento, rimanendo uno spirito indipendente, fino all’ultimo.
Bravo Paolo Petrucci per averci regalato un magnifico ritratto di un personaggio ancora poco conosciuto, ma brava per sempre Laura Betti per averci regalato molto di più. Senza togliere niente a nessuno.

(Renato Massaccesi)



Cast

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Paolo Petrucci

Distribuzione:

 

non distribuito

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................