La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Lady

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2011
Eventi

..............................



The Lady

(The Lady)

Film del: 2011     Genere: Biografico / Drammatico
Durata: 145 minuti   Uscito al cinema il: 23/03/2012   


Tremendamente scolastico, un film che assume le fattezze di un'intensa camomilla


Trama:

La storia vera di Aung San Suu Kyi, Premio Nobel per la Pace nel 1991 e artefice della lotta per la democrazia in Birmania.



Vota il film!

Voto medio: 5,33

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Lady

A più di dieci anni da Giovanna d’Arco, Luc Besson fissa un nuovo appuntamento con la storia, stavolta con un prodotto meno aggressivo e spettacolare, ma più riflessivo anche se per certi versi più agghiacciante.
A metà strada tra un melò ed un biopic, il regista parigino ci presenta la sua Aung San Suu Kyi, la donna del riscatto democratico della Birmania, una lady da “fiori nei cannoni”, che risponde con il silenzio e la tenacia agli orrori e ai galloni di sangue, seguendo le orme di suo padre, il generale comunista Aung San, assassinato dai suoi rivali.

Il modo in cui tutto ciò viene messo in scena è però tremendamente scolastico, frutto di quella devozione alla linearità che si adatta come di consuetudine alla trasposizione cinematografica della Storia; ma la regia di Besson assume stavolta le fattezze di un’intensa camomilla, lasciando assuefare lo spettatore per poi stordirlo e per finire addormentarlo con musiche senza dubbio belle, ma altrettanto decisamente morbide e pertanto complici della lentezza generale.

Spendere parole su quanto possa essere encomiabile l’idea di portare sul grande schermo qualcosa di talmente forte, un tema così profondo, è fin troppo ovvio, ma la concezione di cinema racchiude una varietà di sfaccettature, per quantità e qualità assolutamente discostanti da The Lady.
Per far piangere e toccare i cuori della gente basta poco, e tutto sommato in tempi come questi dove la fretta è quasi una religione fa bene prendersi un paio d’ore per riflettere su argomenti che ci riguardano a dispetto dei tanti chilometri che ci separano dalla Birmania; tuttavia – come anticipato – l’analisi critica non può fermarsi a questo.
In The Lady si assiste al paradosso della costante sensazione che non succeda mai nulla, e più scorrono i minuti, più ci si addentra nella storia e maggiormente ci pervade questa percezione del vuoto.
Solamente l’angoscia di un finale amaro fa scaturire una carica emozionale diversa, e permette di distanziare definitivamente il film dagli sviluppi documentaristici, avvicinandolo a quelli del melodramma. Le difficoltà di un amore a distanza con tutte le sue complicazioni regalano un groppo in gola che però non è sufficiente a far alzare l’applausometro.

Una nota positiva viene dai protagonisti, dalla bella Michelle Yeoh perfettamente credibile nei panni della forte donna birmana, e dall’ottimo David Thewlis bravissimo a gestire in maniera realistica tutte le complicazioni del suo rapporto con la moglie, e soprattutto la carica inconsueta di “First Sir” (chiamiamola pure così).
Per il resto c’è ben poco da aggiungere, se non la triste constatazione che il regista di Leon appare soltanto un lontano parente di quello attuale.

(Tiziano Costantini)



Cast

Michelle Yeoh   Michelle Yeoh
(49 anni circa in questo film)

... Aung San Suu Kyi

David Thewlis   David Thewlis
(48 anni circa in questo film)

... Michael Aris

    William Hope

... James Baker

    Jonathan Woodhouse

... Alexander Aris

    Jonathan Raggett

... Kim Aris

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Regno Unito

Regia

 

Luc Besson

Sceneggiatura

 

Rebecca Frayn

Fotografia:

 

Thierry Arbogast

Produzione:

 

Europa Corp. / France 2 Cinéma / Left Bank Pictures

Distribuzione:

 

Good Films

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................