La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Mio Domani

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2011
Selezione ufficiale

..............................



Il Mio Domani

(Il mio domani)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 88 minuti   Uscito al cinema il: 04/11/2011   


Come un treno che viaggia costante cullando il suo passeggero con il monotono ritmo delle rotaie, lo porta a destinazione ma probabilmente avrà dormito per metà del viaggio


Trama:

Monica, donna manager, decide di mettere in discussione il precario equilibrio costruito intorno al lavoro e agli affetti, in una Milano antonioniana.
Ha una relazione con Vittorio, il presidente della società per cui lavora e dal quale avverte un distacco crescente, e un conflittuale rapporto
che la lega alla sorellastra Simona e al padre.
La donna è spinta, forse da un celato desiderio di riparazione, ad aiutare il nipote Roberto, uno schivo diciassettenne. Frequenta un seminario
sull’autoritratto fotografico dove conosce Lorenzo, con il quale vive una breve relazione, che non riesce tuttavia a distogliere Monica dalle sue inquietudini. A questo punto della sua vita, deve fare i conti con il passato.



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Mio Domani

Che Marina Spada abbia sempre un approccio “intimista” nelle sue opere è cosa ormai nota, il punto essenziale è che non si può restituire il disagio emozionale di una persona punendo tutta una platea e costringendola a sentirlo in maniera diretta.
Il film, che vede protagonista unica la Gerini, è il percorso di cambiamento e rinascita di una donna travolta dalla routine.
Due ore per arrivare a segnare un punto sono decisamente troppe soprattutto perché il percorso è già segnato e nulla accade in quel frattempo.

Saper percepire il polso dei tempi in cui si vive è una caratteristica essenziale per un cineasta, come anche rendere fruibile la propria opera a chi guarda. Metaforicamente si può dipingere per se stessi o si può dipingere per tutti dando parte di se stessi. Soprattutto nel cinema è la seconda via l’unica strada perché il cinema è soprattutto comunicazione e non solo di stati d’animo.
La storia della protagonista scorre lenta, ineluttabile senza che mai nulla cambi il ritmo della narrazione, è come un treno che viaggia costante cullando il suo passeggero con il monotono ritmo delle rotaie, lo porta a destinazione ma probabilmente avrà dormito per metà del viaggio.

In tutto questo restano l’ottima interpretazione della Gerini, che ancora una volta dimostra la sua incredibile versatilità –piuttosto rara nel panorama italiano- ed un incredibile Raffaele Pisu.

(Valerio Salvi)



Cast

Claudia Gerini   Claudia Gerini
(40 anni circa in questo film)

... Monica

    Raffaele Pisu

... padre di Monica

    Claudia Coli

... Simona

    Paolo Pierobon

... Vittorio

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Marina Spada

Sceneggiatura

 

Marina Spada / Daniele Maggioni / Maria Grazia Perria

Fotografia:

 

Sabina Bologna / Giorgio Carella

Colonna Sonora

 

Paolo Fresu / Bebo Ferra

Produzione:

 

Kairos Film / RAI Cinema

Distribuzione:

 

Iris Film

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................