La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Jane Eyre

Jane Eyre

(Jane Eyre)

Film del: 2011     Genere: Costume / Drammatico
Durata: 120 minuti   Uscito al cinema il: 07/10/2011   


Ennesimo omaggio ad uno dei romanzi più amati di sempre, è da vedere assolutamente


Trama:

Una donna fragile e forte, un’eroina senza tempo, appassionata e oscura, percorre prati, corridoi e castelli dell’Inghilterra del XIX secolo. Amore, passione, dolore, sogni e paure in un film che seduce, sorprende e commuove. Jane, dopo un’infanzia di crudeltà, è determinata a vivere la propria vita senza paura, intensamente. L’incontro con Rochester le spalancherà le porte di un amore travolgente, segnato però, da incomprensibili lampi di tenebra e inquietudine. Un folle segreto la terrà lontana dalla felicità e la porterà a reinventarsi ancora una volta, salvo poi capire, finalmente, di poter esistere solo nell’amore, ad ogni costo.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Jane Eyre

Impossibile non fare paragoni con il film del 1996 diretto da Franco Zeffirelli.
Scene simili, addirittura inquadrature identiche e lo stesso, intramontabile, romanzo di Charlotte Brönte che rivive a distanza di quindici anni. Jane Eyre di Cary Fukunaga ha di diverso i protagonisti, due attori giovani e affermatisi di recente: Michael Fassbender, visto in X-Men: l’inizio e premiato a Venezia per Shame, e Mia Wasikowska, l’Alice di Tim Burton ed anche la figlia di Julianne Moore e Annette Benning in I ragazzi stanno bene.
Decisamente più belli dei loro predecessori - un appesantito William Hurt e una Charlotte Gainsbourg non proprio piacente – i due attori emergenti hanno saputo rendere con il giusto spessore il cupo Rochester e l’indomabile Jane Eyre.

L’altra grande differenza rispetto al film di Zeffirelli? Quest’ultima versione cinematografica del capolavoro della Brönte è notevolmente più gotica.
Il buio, il castello avvolto dalla bruma, gli scricchiolii nella notte, la voce che risuona nelle orecchie di Jane, i colpi di scena improvvisi. A rischiarare gli ambienti sono solo le fiamme delle candele e il fuoco flebile del caminetto. Maestosa la messa in scena di Zeffirelli, altrettanto affascinante quella del regista californiano e della sua troupe. La splendida fotografia cattura le emozioni dei personaggi, illuminati unicamente dalla luce delle candele, ed esalta la bellezza dei paesaggi, in primis della brughiera spazzata dalla pioggia e dal vento. La prima immagine è una porta che si apre sull’esterno, proprio come l’incipit di Sentieri Selvaggi: Fukunaga fa iniziare la vicenda di Jane quando fugge da Thornfield. Nel mezzo, il racconto della “triste storia” di una giovane governante: dalla zia che la umiliava all’istituto in cui era confinata sul piedistallo dell’infamia, un po’ come la scatola della vergogna di Cattivissimo me. Segno che, forse, orfanotrofi e istituti femminili non sono proprio dei bei posticini.

Quando Jane fugge dalla dimora di Rochester, suo mancato marito, viene accolta da un insolito Jamie Bell in veste di pastore: ben diverso dallo schiavo di The Eagle o dal ballerino provetto di Billy Elliott, che lo lanciò undici anni or sono.
Il cast è brillante e si fa forte della presenza di una signora del cinema inglese quale Judi Dench, nelle vesti della governante Mrs. Fairfax.
La ricostruzione di costumi e ambienti è minuziosa e curata: dai vaporosi abiti dell’epoca al badminton in giardino, dalle caraffe sulla toeletta alle complicate acconciature, tutto rimanda alla metà dell’800. C’è un momento invece, quando Jane entra nella casa offertale dal pastore, in cui l’attrice, con i capelli raccolti, è pressoché identica alla Dama con l’ermellino di Leonardo.
Per gli amanti della letteratura inglese, del capolavoro di Charlotte Brönte e in generale dei film in costume, Jane Eyre è da vedere assolutamente. Ennesimo omaggio ad uno dei romanzi più amati di sempre. Emozionante e dotato di un incrollabile romanticismo.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Mia Wasikowska   Mia Wasikowska
(22 anni circa in questo film)

... Jane Eyre

Michael Fassbender   Michael Fassbender
(34 anni circa in questo film)

... Rochester

Jamie Bell   Jamie Bell
(25 anni circa in questo film)

... St. John Rivers

Judi Dench   Judi Dench
(77 anni circa in questo film)

... Mrs. Fairfax

Sally Hawkins   Sally Hawkins
(35 anni circa in questo film)

... Mrs. Reed

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / USA

Regia

 

Cary Fukunaga

Sceneggiatura

 

Charlotte Brontë / Moira Buffini

Fotografia:

 

Adriano Goldman

Colonna Sonora

 

Dario Marianelli

Produzione:

 

Focus Features / BBC Films / Ruby Films

Distribuzione:

 

Videa CDE

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................