La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Amore Carne

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2011
Orizzonti

..............................



Amore Carne

(Amore Carne)

Film del: 2013     Genere: Docudramma
Durata: 75 minuti   Uscito al cinema il: 27/06/2013   



Trama:

Nel corso dei viaggi, i mezzi leggeri del cinema di Pippo Delbono catturano momenti unici, incontri ordinari o straordinari.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Amore Carne

In Amore carne di Pippo Delbono si assiste a un processo artistico dedito alla pura contemplazione dello stream of consciousness di una realtà sensibile, quotidianamente intesa. Il sentimento di aggregazione tra eros e thanatos non è affatto una semplice visione fuggitiva, bensì il nucleo stesso su cui s’impernia Amore carne. Sono trascorsi ormai ventidue anni da quando l’autore ha iniziato a convivere giorno dopo giorno con un male oscuro, che risponde al nome di HIV. Da allora, il suo modo di guardare il mondo si è trasformato fino a divenire dolcemente e, allo stesso tempo, rabbiosamente visionario. Una speciale enfasi viene posta sulla volontà di sapere che contraddistingue la disamina voyeuristica di Delbono, che in alcune rarissime circostanze si trasforma in una reversibilità tra visibile e vedente.
In quest’opera, le figure umane non sono mai osservate solo e soltanto per superficiale compiacimento, sebbene la componente narcisistica serpeggi all’interno del testo filmico. Delbono utilizza una forma poetica che s’illumina di brevi allusioni ed echi sospesi dei versi di Rimbaud, Pasolini, T.S. Eliot. Si aggiunga poi, la bellezza emanata dalla multiforme colonna sonora, soprattutto laddove primeggia il suono acuto del violino di Alexander Balanescu.
All’interno di Amore carne scorrono come una raffica di vento volti più o meno conosciuti dell’entourage di Delbono: l’anziana madre Margherita, Irène Jacob, Marie-Agnès Gillot, Sophie Calle, Tilda Swinton, Marisa Berenson. In particolare, si riscontra la presenza dell’amico sordomuto Bobò che - da quando all’inizio degli anni ’90 è uscito da un manicomio nei pressi di Napoli - ha calcato varie volte le assi del palcoscenico diretto da Delbono. La profonda caoticità dell’insieme dona un particolare dinamismo al pulsare dei settantacinque minuti di Amore carne. A tratti, però, l’incantesimo si spezza, data l’inclinazione a scorgere vari sottofinali prima dell’epilogo vero e proprio.

Il gesto del regista è un eversivo rifiuto che comporta il blocco sul nascere della costituzione della sintassi cinematografica, come tradizionalmente la s’intende. Ciò lo si può vedere anche dalla scelta di utilizzare per la seconda volta nel corso della sua carriera un’apparecchiatura che non sia la macchina da presa, ma lo schermo di un cellulare di ultima generazione. Definire questa opera sperimentale un documentario è un po’ riduttivo, al pari della volontà di incasellare Amore carne all’interno di un genere cinematografico prestabilito.

(Maria Cristina Caponi)



Cast

Irène Jacob   Irène Jacob
(47 anni circa in questo film)

... se stessa

Marisa Berenson   Marisa Berenson
(67 anni circa in questo film)

... se stessa

    Sophie Calle

... se stessa

Pippo Delbono   Pippo Delbono

... se stesso

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Svizzera

Regia

 

Pippo Delbono

Sceneggiatura

 

Pippo Delbono

Produzione:

 

Compagnia Pippo del Bono / Cinematheque Suisse / Casa Azul

Distribuzione:

 

Tucker Film

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................