La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Wilde Salome

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2011
Fuori Concorso

..............................



Wilde Salome

(Wilde Salome)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 95 minuti   



Trama:

Wilde Salome proietta il pubblico nella vita personale di Al Pacino come mai era successo prima, offrendo un ritratto intimo e profondo della più grande icona del cinema alle prese con il ruolo più impegnativo mai interpretato: se stesso e il re Erode. Traboccante di verità e candore, Wilde Salome conduce Pacino in giro per il mondo, a Londra Parigi, Dublino, New York, Los Angeles, e dentro il suo camerino; niente appare off limits mentre Pacino esplora le complessità del dramma di Wilde, nonché i processi e le tribolazioni che hanno segnato la vita dello scrittore, offrendo al tempo stesso uno sguardo senza precedenti anche sulle proprie. Toccante e divertente allo stesso tempo, quello di Pacino in Wilde Salome è un viaggio fatto di passione, determinazione e, soprattutto, di ossessione.



Vota il film!

Voto medio: 8,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Wilde Salome

Wilde Salomè, la Salomè di Oscar Wilde o la Salomè selvaggia se leviamo la vocale in fondo alla parola, la Salomè che incanta il suo patrigno e come ricompensa per la sua danza chiede la testa del Battista (Iokanaan) servita su un piatto di argento, la Salomè che ossessiona Al Pacino tanto da rendergli impossibile non realizzare sull’opera di Wilde un film triplicando i suoi sforzi, riprendendo la piece teatrale che da anni va recitando in America (un reading), un versione sul palcoscenico ed una riduzione cinematografica direttamente sui luoghi del “delitto”.

Film dunque su più piani che al centro ha come filo conduttore l’attore italoamericano che mai come con quest’opera si mette in gioco svelando esponendo al pubblico molto del proprio privato. Pacino, dunque, che vediamo discutere, anche animatamente, con la produzione circa i costi della parte cinematografica o altercare con la regista della realizzazione teatrale; Pacino che sentiamo recitare la parte di Erode con la semplicità e la naturalezza con cui un bimbo gioca con i propri balocchi; Pacino che ripercorre i luoghi fisici e letterari della vita di Oscar Wilde il quale, con l’incedere del film, si svela essere il centro del progetto paciniano rivelato attraverso la visitazione della sua Salomè.
Il film è a tutti gli effetti un riverito e commosso omaggio allo scrittore irlandese. Alternandosi con le scene della Salomè di Pacino, seguiamo il percorso della vita di Wilde fino al punto cruciale della sua incarcerazione. Pacino recita brani tratti dalle due opere scritte da Wilde in carcere, “La ballata del carcere di Reading” e “De Profundis” la lunghissima lettera scritta all’ex compagno dopo che questi lo aveva rinnegato, e sono momenti di elevatissima sensibilità artistica.
Così come la Salomè interpretata da Jessica Chastain (da Malick - The Tree of Life a Pacino, segno di grande considerazione) ci ha lasciati senza fiato inchiodati sulle poltrone ammirati da tanta sensualità e bravura. Quale Erode avrebbe mai potuto resisterle?

Ma, come detto, il film ha anche un taglio documentaristico (far convivere indagine e ispirazione artistica è un altro dei pregi dell’opera). Abbiamo modo così di sentire biografi ed esperti dell’arte di Wilde, ma anche noti estimatori come Andrea Bono e Gore Vidal che ci svelano i segreti non solo del Wilde drammaturgo e poeta ma anche del Wilde fine polemista ed esperto di politica (e proprio le sue idee socialiste sembrano essere state le vere ragioni della cruenta avversione nell’Inghilterra vittoriana). Pacino si reca a Dublino, va a Londra e visitare la casa di Wilde, cerca lo scrittore irlandese per poi ritrovare se stesso su un treno in movimento a declamarne alcuni dei versi più emblematici e tragici: “Ognuno uccide la cosa che ama, tutti lo devono sapere, c'è chi lo fa con uno sguardo, chi con le lusinghe, il codardo lo fa con un bacio, chi ha coraggio usa la spada”.

(Daniele Sesti)



Cast

Jessica Chastain   Jessica Chastain
(30 anni circa in questo film)

... Salom

Al Pacino   Al Pacino
(71 anni circa in questo film)

... Re Erode

    Kevin Anderson
(51 anni circa in questo film)

... se stesso / Giovanni Battista

    Roxanne Hart
(59 anni circa in questo film)

... moglie di Erode

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Al Pacino

Sceneggiatura

 

Al Pacino / Oscar Wilde

Fotografia:

 

Benoît Delhomme

Colonna Sonora

 

Jeff Beal

Produzione:

 

Salome Productions

Distribuzione:

 

non distribuito

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................