La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Wuthering Heights

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2011
Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




07/09/2011
Venezia: Cime tempestose virate in nero

..............................

Wuthering Heights

(Wuthering Heights)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 128 minuti   


l’orizzonte formale di questa versione per il grande schermo riesce a fugare qualsiasi dubbio degli esegeti


Trama:

Tratto dall’unico romanzo di Emily Brontë, Cime Tempestose è il tetro racconto di un amore appassionato e contrastato, rivalità tra fratelli e vendette. Un contadino dello Yorkshire in visita a Liverpool incontra per la strada Heathcliff, un ragazzo senzatetto. Decide di accoglierlo in famiglia, portandolo con sé tra le sperdute colline dello Yorkshire, dove il ragazzo instaura una relazione ossessiva con Catherine, la figlia del contadino. Mentre i ragazzi crescono, i familiari e i vicini rimangono invischiati negli spietati giochi di famiglia, alimentati da orgoglio e presunzione. Pur essendo chiaramente un dramma d’epoca, la storia affronta temi attuali, come il razzismo e la dipendenza, ed eterni, come la gelosia, l’odio verso l’altro, l’amore e la famiglia. Il film è ambientato nelle aspre campagne dello Yorkshire, che di questa storia crudele e appassionata sono lo sfondo ideale e al tempo stesso uno dei protagonisti.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Wuthering Heights

In Wuthering Heights, la regista Andrea Arnold non ha da offrire alcuna garanzia che la struttura interna di Cime tempestose sia rispettata integralmente; anzi. Portata già cinque volte al cinema - nel 1939 pure da William Wyler con il titolo La voce nella tempesta - la storia amorosa tra Heathcliff e Catherine è stata piuttosto sforbiciata. Un po’ per questioni di durata e un po’ per via dei soldi, quindi, l’ennesima trasposizione cinematografica del libro diverge abbastanza dal manoscritto consegnato alle stampe nel 1847. Eppure, l’orizzonte formale di questa versione per il grande schermo riesce a fugare qualsiasi dubbio degli esegeti, pure quelli dei più ferventi assertori della Brontë. La regista Premio della Giuria a Cannes nel 2009 per Fish Tank affida il ruolo da protagonista all’attore di colore James Howson, intendendo onorare così l’elemento etnico da sempre occultato negli altri adattamenti cinematografici. E questa, sin da subito, si segnala come una piccola rivoluzione, facendo intuire i desideri di uno sguardo femminile e maschile irresistibilmente attratto nei confronti dell’Altro. Entrambi i protagonisti vengono inquadrati dalla macchina a mano alla stregua di paesaggi fisici, che si amalgamo - fino a confondersi - con l’ambiente naturale circostante.

L’autrice inglese realizza una partitura visiva interiore del testo letterario della Brontë, facendo emergere una condotta morbosa e malata del sentimento amoroso. Presto o tardi, tutti i personaggi di una delle opere più celebri della letteratura inglese del IX secolo capiscono loro malgrado quanto «la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia». Esattamente come le cariche elettriche presenti nel cosmo, all’interno del film è possibile vedere come s’intrecciano spirito e materia, corpo e istinto nel quadro del mondo fisico abitato dall’essere umano. Evitando ogni repressione delle potenzialità latenti contenute nel romanzo, la Arnold mette persino in scena una possibile fantasia necrofila di Heathcliff - con tanto di orgasmo finale - sul cadavere della povera Cathy.

Qualora si volesse ipotizzare un paragone fra Wuthering Heights della Arnold e un prodotto filmico simile per stile e contenuto, si potrebbe farlo con Bright Star di Jane Campion. Sebbene nel film in concorso a Venezia 68 sia il fattore tattile di una comunicazione non verbale a farla da padrone, tanto nel caso della Arnold quanto in quello della Campion si riscontra una massima pendenza verso una maturità estetica da lasciare senza fiato. Del resto, come direbbe John Keats, «a thing of beauty is a joy for even».

(Maria Cristina Caponi)



Cast

Kaya Scodelario   Kaya Scodelario
(19 anni circa in questo film)

... Catherine Earnshaw

James Howson   James Howson

... Heathcliff

Nichola Burley   Nichola Burley

... Isabella Linton

    Steve Evets

... Joseph

    Oliver Milburn
(38 anni circa in questo film)

... Mr. Linton

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Andrea Arnold

Sceneggiatura

 

Olivia Hetreed

Fotografia:

 

Robbie Ryan

Produzione:

 

Ecosse Films / Film4 / Free Range Films

Distribuzione:

 

ElleU





..............................

scrivi la tua opinione

..............................