La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Pelle che Abito

..............................
ARTICOLI CORRELATI




21/09/2011
Almodovar a Roma per il suo nuovo film


22/09/2011
Il Banderas di Pedro

..............................

La Pelle che Abito

(La piel que habito)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 117 minuti   Uscito al cinema il: 23/09/2011   


Almodovar si spinge come al solito oltre e si incammina lungo il sentiero dei sogni senza la paura di concretizzare i suoi desideri


Trama:

Un chirurgo estetico inventa una speciale pelle sintetica in grado di resistere ad ogni sorta di trauma. La sua cavia è una misteriosa donna.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Pelle che Abito

Pedro Almodovar, sinonimo di passione, tragedia, eccesso, vita ai margini,capacità di stupire.
La pelle che abito sancisce il passare del tempo, l’abbraccio dei sessanta per il regista castellano, come anche dei cinquanta per il suo alter ego Banderas, ma benché sia la storia di un chirurgo plastico, nulla ha a che fare con il passare del tempo, combattere le rughe o lottare per restare quello che si è. Niente di così ovvio, non certo il “Nip ‘n’ Tuck” iberico.
Almodovar si spinge come al solito oltre e si incammina lungo il sentiero dei sogni, forse proprio in forza di questa sua maturità raggiunta non ha paura di concretizzare i suoi desideri, di esorcizzare i suoi demoni.
Quello che il chirurgo Ledgard fa è quello che Almodovar stesso forse avrebbe voluto fare. La follia di Ledgard, la sua vita segnata dai terribili traumi lo rendono una di quelle maschere in bilico sul filo tra grottesco e tragico.
Non capiamo mai se si tratti di uno psicopatico, di un Dr. Mengele o di una tragica figura vittima della sua tragedia interiore.
Questo può riuscire solo grazie ad una prova attoriale di Banderas da incorniciare. E’ incidibile come questo sia lo stesso interprete di Ballistic o altro ciarpame simile.

Un’opera quasi horror, ma soprattutto cronenbergheriana quindi, ma che allo stesso tempo pone grandi interrogativi etici e morali e soprattutto sull’“ego”.
Almodovar non è certo uno sceneggiatore che cavalca la facile onda del successo, ma cerca sempre di spostare il traguardo un capello in avanti ed è per questo che suscita sentimenti forti e viscerali: odio o amore, come i suoi personaggi che spesso contengono tutte e due le componenti; ed è per questo che gli perdoniamo anche un montaggio un po’ furbetto che ci porta a spasso nel tempo per preparare il sorprendente finale, anche perché nel frattempo ci regala incredibili sequenze che pochi al mondo hanno il gusto per poterle girare.

(Valerio Salvi)



Cast

Antonio Banderas   Antonio Banderas
(51 anni circa in questo film)

... Robert Ledgard

Elena Anaya   Elena Anaya
(36 anni circa in questo film)

... Vera

Marisa Paredes   Marisa Paredes
(65 anni circa in questo film)

... Marilla

Jan Cornet   Jan Cornet
(29 anni circa in questo film)

... Vincente

Roberto Álamo   Roberto Álamo
(41 anni circa in questo film)

... Zeca

Blanca Suárez   Blanca Suárez
(23 anni circa in questo film)

... Norma

Dati Tecnici

Nazione

 

Spagna

Regia

 

Pedro Almodóvar

Sceneggiatura

 

Pedro Almodóvar / Thierry Jonquet

Fotografia:

 

José Luis Alcaine

Colonna Sonora

 

Alberto Iglesias

Produzione:

 

El Deseo S.A.

Distribuzione:

 

Warner Bros

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................