La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Contagion

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2011
Fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/09/2011
Jennifer Ehle “contagiata” da Soderbergh: “E’ straordinario”


05/09/2011
Incontriamo un altro contagiato: Laurence Fishburne


07/09/2011
Gwyneth Paltrow: “contagiata” dalla famiglia

..............................

Contagion

(Contagion)

Film del: 2011     Genere: Catastrofico / Drammatico
Durata: 105 minuti   Uscito al cinema il: 09/09/2011   


“Non parlare con nessuno. Non toccare nessuno. Stai lontano dagli altri”.


Trama:

Un misterioso virus si propaga su tutto il globo e nessuno sembra avere una cura. L'epidemia è incontenibile ed uccide nell'arco di 48 ore...



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Contagion

La paura è un sintomo che riesce a stupirci ogni volta di più. Spesso non riusciamo a controllarla, ma soprattutto dimentichiamo (anche fortunatamente) le sue sembianze e così si manifesta in vesti differenti a seconda delle circostanze, impedendoci la giusta cura o prevenzione, agendo un po’ come un contagio.
E’ proprio sulla sottile e pericolosa analogia tra il contagio ed il terrore instillato nella gente che gioca Soderbergh, servendoci una pellicola catastrofica che nonostante il genere e il contenuto rilascia una scia, se non proprio un profumo, di novità.
Da un semplice contatto, o un leggero colpo di tosse il virus si espande a macchia sull’intero globo terrestre, assumendo ogni giorno di più i contorni e i dati di una tragedia apocalittica.

La paura quindi non è semplicemente un effetto collaterale, ma si comporta come un virus che a sua volta implica una catena di reazioni. La spia si accende quando si hanno i primi morti, e in questa fase viene messa in luce la fragilità umana di fronte a fenomeni che non si riescono a spiegare e dei quali non si conoscono le cause. Riuscire ad imboccare il sentiero giusto diventa allora non soltanto una necessità per la cura della malattia, ma anche l’unico metodo per attenuare le nostre paranoie.
L’altro aspetto, per certi versi anche più inquietante, è la reazione successiva della gente quando ci si rende conto che sostanzialmente si è soli, e la lotta alla sopravvivenza non passa dallo scontro con il nemico diretto, il virus, troppo forte per essere combattuto dalle persone comuni, bensì dalla battaglia uno contro l’altro. Il tuo vicino di casa diventa un pericolo, o una fonte quando iniziano a scarseggiare i beni di prima necessità: entrambi i motivi sono sufficienti per farlo fuori.

Il progetto di Soderbergh nasce sicuramente da un’idea intelligente e vincente in partenza, considerati anche gli ultimi casi a cui la popolazione mondiale è stata sottoposta, dall’aviaria all’H1N1, circostanze in cui la soglia di allarmismo ed il timore della gente si sono dimostrati immani quanto poi fondamentalmente ingiustificati.
Pensato come una sorta di noir, e messo in atto con il dovuto rispetto dei canoni del dramma catastrofico, Contagion ha le potenzialità per snodarsi in una serie di aspetti che preserva a strati come una cipolla, mostrandoci apertamente il nucleo e le lacrime, e lasciandoci solo annusare tutto il resto, forse per timore che lo sgradevole odore possa espandersi proprio come il virus stesso. Il riferimento è quello all’accusa troppo velata e mascherata, anzi perfino buonista contro le case farmaceutiche. Il marciume del sistema viene paragonato a quello di qualsiasi altro organismo di potere o scala gerarchica, senza indugiare sugli spunti interessanti che poteva garantire l’inizio del film relativamente al guadagno delle stesse.

Il prezioso lavoro di Soderbergh è ben confezionato da un cast d’eccezione, dove i molteplici attori si comportano perfettamente anche a discapito di uno scarso minutaggio pro capite, relazionato sia al numero di volti noti, sia agli obblighi di sceneggiatura.
Molto interessante anche la scelta compositiva del finale, che probabilmente dona un plus ad un’opera che convince in molti della sua buona fattura, ma di certo non la gente ad abbandonare le proprie psicosi.

(Tiziano Costantini)



Cast

Matt Damon   Matt Damon
(41 anni circa in questo film)

... Thomas Emhoff

Marion Cotillard   Marion Cotillard
(36 anni circa in questo film)

... Dr.sa Leonora Orantes

Laurence Fishburne   Laurence Fishburne
(50 anni circa in questo film)

... Dr. Ellis Cheever

Jennifer Ehle   Jennifer Ehle
(42 anni circa in questo film)

... Dr.sa Ally Hextall

Jude Law   Jude Law
(39 anni circa in questo film)

... Alan Krumwiede

Kate Winslet   Kate Winslet
(36 anni circa in questo film)

... Dr.sa Erin Mears

Gwyneth Paltrow   Gwyneth Paltrow
(39 anni circa in questo film)

... Beth Emhoff

Elliott Gould   Elliott Gould
(73 anni circa in questo film)

... Dr.

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Steven Soderbergh

Sceneggiatura

 

Scott Z. Burns

Colonna Sonora

 

Cliff Martinez

Produzione:

 

Double Feature Films / Warner Bros. Pictures / Regency Enterprises / Participant Media

Distribuzione:

 

Warner Bros

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................