La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Conspirator

The Conspirator

(The Conspirator)

Film del: 2010     Genere: Drammatico
Durata: 122 minuti   Uscito al cinema il: 22/06/2011   


Un dramma giudiziario ambientato nel XIX secolo parla dei giorni nostri. C'è l'immaginazione necessaria per fare spiccare il volo a questo film di stampo civile?


Trama:

Il processo per l'assassinio di Abarmo Licoln.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Conspirator

La storia degli Stati Uniti ha molte ferite, e da decenni il cinema d'oltreoceano cerca di esaminarle tutte, una ad una. Il desiderio nemmeno troppo nascosto è quello di curare il presente attraverso l'analisi del passato, perché come diceva il filosofo George Santayana “coloro che non ricordano il proprio passato sono condannati a ripeterlo”.

Il centro focale del film è l'assassinio di Lincoln, ucciso al Ford's Theatre da un simpatizzante sudista il 15 aprile del 1865. I cannoni che avevano sparato durante la guerra civile erano ancora caldi e si scatenò immediatamente una caccia all'uomo nei confronti di chi aveva preso parte alla cospirazione. Fra i sospetti fu catturata Mary Suratt, il cui coinvolgimento nella cospirazione è giudicato dubbio. Il processo fu affidato a un tribunale militare, e il film di Redford è girato dal punto di vista dell'avvocato che difese la Suratt, che si dovette scontrare con la fretta di chi voleva sistemare la vicenda processuale in tempi rapidissimi, per ottenere una giustizia esemplare.

Gli americani amano molto una frase di Cicerone che è alla base di The Conspirator: “inter arma enim silent leges” e cioè in tempi di guerra le leggi restano in silenzio. Quello che collega questa pellicola alla storia recente non è tanto un altro assassinio presidenziale, e cioè l'uccisione di Kennedy, ma l'11 settembre e le leggi speciali attuate in tutto il mondo per curare la ferita dell'attacco sul suolo americano. L'approccio di Robert Redford è palesemente ideologico e questo non sarebbe un difetto di per sé, il problema è il frequente abbandono alla retorica. Una retorica che spesso trova sfogo nel kitsch dei prati verdi e delle impiccagioni al rallentatore, il tutto condito da una direzione della fotografia così sovraesposta da conferire ai vari personaggi delle fattezze che si avvicinano all'angelico. La catarsi così è forzata e il recupero della fede nel sistema giudiziario è imposto. La ricerca di una presunta verità fa abbandonare le armi al regista, che quesi rinuncia a dirigere per affidarsi a uno stile piano, senza particolari concessioni all'immaginazione. A volte non basta la semplice forza di fatti ritenuti veri per comunicare un pensiero. Quanto meno, abdicare alle proprie possibilità artistiche non è la soluzione.

(Mauro Corso)



Cast

James McAvoy   James McAvoy
(31 anni circa in questo film)

... Frederick Aiken

Robin Wright   Robin Wright
(44 anni circa in questo film)

... Mary Surratt

Kevin Kline   Kevin Kline
(63 anni circa in questo film)

... Edwin Stanton

Tom Wilkinson   Tom Wilkinson
(62 anni circa in questo film)

... Reverdy Johnson

Evan Rachel Wood   Evan Rachel Wood
(23 anni circa in questo film)

... Anna Surratt

Justin Long   Justin Long
(32 anni circa in questo film)

... Nicholas Baker

Colm Meaney   Colm Meaney
(57 anni circa in questo film)

... David Hunter

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Robert Redford

Produzione:

 

Wildwood Enterprises / The American Film Company

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................