La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Amici Miei - Come tutto Ebbe Inizio

..............................
ARTICOLI CORRELATI




15/03/2011
Facebook boicotta il nuovo Amici Miei

..............................

Amici Miei - Come tutto Ebbe Inizio

(Amici miei - Come tutto ebbe inizio)

Film del: 2011     Genere: Commedia
Durata: 108 minuti   Uscito al cinema il: 16/03/2011   


E’ un film in cui si ride poco, e nonostante le zingarate e gli scherzi siano per lo più concettualmente efficaci, sembra che manchi sempre qualcosa


Trama:

Duccio, Cecco, Jacopo, Manfredo e Filippo sono protagonisti di scherzi e vicende vissute nell’intento di prolungare lo stato felice della giovinezza e fuggire dalle responsabilità della vita adulta.
Neanche la peste li fa desistere dalle loro “zingarate”. Anzi quella drammatica situazione pare la più fertile per agire liberi ed indisturbati e dare seguito ai loro scherzi.



Vota il film!

Voto medio: 3,75

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Amici Miei - Come tutto Ebbe Inizio

Da circa vent'anni il cassetto di Neri Parenti custodisce un sogno. Finalmente Aurelio De Laurentis si decide ad aprirlo, e consente al regista di realizzare il tanto desiderato film sulle origini della "zingarata".
Amici Miei - Come tutto Ebbe Inizio è un'immersione nella Firenze cinquecentesca, ma soprattutto un tuffo nella passata concezione di cinema, grazie al riutilizzo, seppur limitato agli esterni, del set di Cinecittà, opportunamente e sapientemente allestito con un doveroso rispetto delle ambientazioni dell’epoca rappresentata. L’elevato numero di costumi realizzati, e la loro minuziosa cura, ha contribuito a rendere la scenografia semplicemente perfetta.

Purtroppo però la pellicola del nuovo re del cinepanettone, nonostante cerchi di discostarsi da quel grigio filone, con esiti a tal riguardo positivi, non è in grado di imitare la brillantezza del capolavoro comico di Monicelli, e si perde all’interno di un labirintico costrutto narrativo.
Sia chiaro, la sceneggiatura seppur non impeccabile, non è certo da gettar via, nè si possono tacciare gli attori di inadempienza. Ciò che manca è la verve, quel brio che rendeva magiche le atmosfere del primo, vero, Amici miei e dei suoi successivi sequel.
E’ un film in cui si ride poco, e nonostante le zingarate e gli scherzi siano per lo più concettualmente efficaci, sembra che manchi sempre qualcosa.

I personaggi vengono ideati e strutturati sull’idea di una sorta di collegamento temporale con i loro "eredi" (è un bel paradosso) monicelliani, e così Ghini prova a riprendere la dignitosa e nobiliare miseria di Tognazzi/Mascetti; Panariello si impone come un oste predecessore del barista Necchi/Montagnani; Hendel interpreta a modo suo un cerusico discordante dalla figura del “Dottor” Celi, più vicino forse all'animo del Melandri/Moschin; e Placido ricorda più o meno (più meno che più) quel genio del Perozzi; per De Sica invece gli autori inventano un personaggio aristocratico e “poco” fiorentino, per l’interpretazione del quale l’attore romano cerca aiuto nella memoria paterna.
Sarebbe comunque ingeneroso incolpare il cast artistico dell’ovvia distanza con gli originali interpreti, e siamo certi che nessuno di loro azzarderebbe mai il paragone.

Mettendo da parte le critiche, condivisibili o meno, il film è frutto dell’amore di Neri Parenti per gli “Amici” di Monicelli, e la sua emulazione cerca di prenderne al contempo le distanze, fortunatamente, lasciando esclusivamente all’epilogo le devozionali citazioni del capolavoro del Maestro.
Il finale recita: “La supercazzola nacque così”. Nonostante le buone intenzioni del regista, possiamo rasserenarci nel prendere atto che tutto ciò è soltanto l'ennesima grande burla. Ah, non è così?

(Tiziano Costantini)



Cast

Michele Placido   Michele Placido
(65 anni circa in questo film)

... Duccio Villani di Masi

Giorgio Panariello   Giorgio Panariello
(51 anni circa in questo film)

... Cecco Alemari

Paolo Hendel   Paolo Hendel
(59 anni circa in questo film)

... Jacopo

Massimo Ghini   Massimo Ghini
(57 anni circa in questo film)

... Manfredo Alemanni

Christian De Sica   Christian De Sica
(60 anni circa in questo film)

... Filippo

Massimo Ceccherini   Massimo Ceccherini
(46 anni circa in questo film)

... Alderighi

Alessandro Benvenuti   Alessandro Benvenuti
(61 anni circa in questo film)

... Lorenzo il Magnifico

    Alessandra Acciai

... Madonna Isabetta

Barbara Enrichi   Barbara Enrichi
(50 anni circa in questo film)

... Margarita

Pamela Villoresi   Pamela Villoresi
(54 anni circa in questo film)

... Piccarda

Chiara Francini   Chiara Francini
(31 anni circa in questo film)

... Tessa

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Neri Parenti

Sceneggiatura

 

Neri Parenti / Piero De Bernardi / Leo Benvenuti / Tullio Pinelli / Fausto Brizzi / Marco Martani

Fotografia:

 

Luciano Tovoli

Colonna Sonora

 

Andrea Guerra

Produzione:

 

FilmAuro

Distribuzione:

 

FilmAuro

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................