La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

I Want to Be a Soldier

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Alice nella citt

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




12/10/2011
Valeria Marini produce un film contro la violenza

..............................

I Want to Be a Soldier

(I Want to Be a Soldier)

Film del: 2011     Genere: Drammatico
Durata: 88 minuti   Uscito al cinema il: 14/10/2011   


La regia non solo è molto curata, ma davvero raffinata


Trama:

Alex (Fergus Riordan) ha otto anni e, come molti altri bambini della sua età, ha un amico immaginario, l'astronauta Capitano Harry (Ben Temple). Quando sua madre (Jo Kelly) partorisce due gemelli, Alex sentendosi solo, ora che i genitori sono prodighi di attenzioni verso i più piccoli, è incapace di gestire la situazione. Di colpo, la comunicazione con i genitori e con gli altri bambini.



Vota il film!

Voto medio: 8,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: I Want to Be a Soldier

Strano ma vero, nella sua categoria Valeria Marini è un’attrice migliore di Monica Bellucci. Lo so, neanche io lo credevo possibile, ma è così. Vi chiedo uno sforzo, me ne rendo conto, ma se riguardaste Matrix Reloaded, e lo comparaste a I want to be a soldier, in versione originale, capirete di che parlo.
Valeria Marini non sospira, parla. Valeria Marini non ha grande mobilità facciale per via di Mr. Botulino e della sua allegra famiglia, ma vi è un accenno di espressione. Valeria Marini ha un forte accento italiano, ma almeno parla qualcosa di simile all’inglese. Mi ha colpito, non posso dire altrimenti.

Non solo per averla schierata fra gli interpreti (sorvoliamo sul fatto che ne sia produttrice) il film è coraggioso.

Una storia delicata, di violenza, a tratti anche d’odio, di dipendenza, d’invisibilità. Parliamo di un bambino, un bel bambino, Alex. Delicato, mansueto, sognatore e studioso, che complice un edulcorato Sergente Hartman (parto della sua fantasia e “merito” di un’incombente televisione, simbolo della mala-educazione) si trasforma nel mignon di un naziskin.
Le immagini di guerra e di torture che la TV trasmette senza limiti scorrono sui suoi primi piani, proiettategli addosso e riflesse in tutta la sua stanza, dove si chiude a chiave, consapevole della sua disobbedienza. Graffiano quelle pareti di gomma che bendano gli occhi dei suoi genitori.
Il tracollo è immediato, e l’impotenza delle istituzioni, tutte, è denunciata senza mezzi termini, fino a costringermi ad ancorarmi alla sedia del cinema per non scattare fin dentro allo schermo e urlare contro questa madre distratta, questo padre naive e questa scuola impotente, prendere un bastone e colpire quel trasmettitore di fango e infamità fino a farlo esplodere con dovizia di scintille.

La regia non solo è molto curata, ma davvero raffinata, nei piani sequenza che ci costringono inermi di fronte alla cruda realtà e negli articolati balletti di macchina e attori, dialoghi che si accavallano su più piani scenografici, colori, angolazioni e luci interessantemente espressive.

Sottile e acuta, ma soprattutto molto funzionale, la figura dell’amico immaginario del nostro piccolo Hitler. Quando lo conosciamo è un astronauta, candido consigliere che lo aiuta con i compiti, a cena lo persuade dell’importanza di mangiare verdure per diventare grandi uomini, d’età, di statura e di mente, e gli racconta le meraviglie del cosmo, giocherellando con una leggera pochette da taschino bianca. Con il crescere della morbosa fascinazione per la guerra nella mente di Alex, e nella sua stanza con un repentino cambio di arredamento sostenuto da suo padre ma disapprovato dalla madre, l’immaginario stesso del film evolve e il candido astronauta, indossata una divisa militare con un tappeto di medaglie al merito e fumando sigari a tutto spiano, strepita a pochi centimetri dal suo orecchio elogiando impietosità, vendetta, disobbedienza, e sventolando vittorioso un piccolo fazzoletto rosso. Signore, si Signore.
Alex si rade i capelli e parla dell’odore di Napalm al mattino. Fergus Riordan ci regala una performance adulta, e non sono da meno gli altri interpreti.

Il lavoro di martellamento psicologico è chirurgico e indolore, così a un tratto mi trovo a provare antipatia per questo bambino che tenta persino di affogare quel fratello minore che gli ha tolto l’attenzione di mamma e papà; e disprezzo per questi ultimi, che nonostante i ripetuti appelli dello psicologo che segue Alex non riescono a vedere oltre le loro dispute matrimoniali. Non so se il regista volesse questo da me.
Ciò che ho sentito negli 88 minuti in cui la pellicola ha camminato mi ha portato però a riflettere su cosa voglia dire mettere al mondo un’anima ai tempi d’oggi. Questo sono sicura invece che lo volesse.

(Cristina Fanti)



Cast

    Robert Englund
(62 anni circa in questo film)

Danny Glover   Danny Glover
(65 anni circa in questo film)

    Jo Kelly

Valeria Marini   Valeria Marini
(44 anni circa in questo film)

    Fergus Riordan

Cassandra Gava   Cassandra Gava
(52 anni circa in questo film)

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Spagna

Regia

 

Christian Molina

Sceneggiatura

 

Christian Molina / Cuca Canals

Fotografia:

 

Juan Carlos Lausin

Colonna Sonora

 

Federico Jusid

Produzione:

 

Canonigo Films / Trees Pictures / Stars Pictures / Black Flag Cinema

Distribuzione:

 

Iris Film

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................