La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Gangor

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Selezione Ufficiale

..............................



Gangor

(Gangor)

Film del: 2009     Genere: Drammatico
Durata: 91 minuti   Uscito al cinema il: 11/03/2011   


La telecamera di Italo Spinelli immortala il cuore pulsante dell’India invisibile.


Trama:

Gangor è una donna indiana che si lascia fotografare da un reporter mentre sta allattando il suo bambino. Le conseguenze del suo gesto saranno per lei tremende ed inaspettate.



Vota il film!

Voto medio: 6,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Gangor

Quando Gangor, una bellissima donna indiana, allattando il suo bambino mostra il seno all’obiettivo del reporter Upin, non ha la minima idea di quello a cui sta andando incontro.

La collaborazione italo-indiana dà vita ad un progetto che sotto le spoglie di una pellicola a tratti quasi travolgente, cela la denuncia della condizione della donna tribale, e dell’imperizia dell’uomo di fronte alle barbarie e alle nefandezze che avvengono sotto i propri occhi socchiusi.
Nel tessuto della società si nasconde una sorta di pericoloso vaso di pandora, che al contrario del noto mito greco aumenta l’intensità dannosa se viene tenuto chiuso nella cassaforte della paura. Se invece, in barba a remore e timori, ci si addentra nel nucleo del problema, ecco che si viene a contatto con una serie incalcolabile di filamenti i quali si estendono a macchia, dalla base fino ai gradini più alti del sistema.

Al cospetto di questi crudeli meccanismi Gangor è sola, respinta e maltrattata da quella stessa gente che qualche centinaio di anni fa inventò il Kamasutra, ed ora si tinge d’ipocrisia, mostrandosi sconvolta di fronte ad una donna che mostra ingenuamente il proprio seno. La solitudine della donna indiana è equivalente a quella del reporter, che combatte per restituire la dignità ad una porzione di mondo dove lo stupro e lo sfruttamento femminile sono cavalli di battaglia che nonostante i suoi sforzi fa fatica a tenere per le briglie.

Ma questa pellicola ha ancora qualcos’altro da offrire. La telecamera di Italo Spinelli immortala il cuore pulsante dell’India invisibile, quella che non finisce sui quotidiani, e che al di là delle riflessioni ed i giudizi sul sociale è uno spettacolo per gli occhi di chi si lascia facilmente ammaliare da quei luoghi abbandonati dallo sviluppo tecnologico, ma che preservano pertanto il loro fascino primitivo, senza trucchi né inganni.
Tra un perfetto incastro e un finale vigoroso, a Gangor manca solo una sottile patina emozionale, che spesso un’indicata colonna sonora ed una pulita scorrevolezza riescono a garantire, risultando espedienti in grado di oliare i difficili meccanismi di un film.

(Tiziano Costantini)



Cast

    Priyanka Bose

... Gangor

    Samrat Chakrabarti

... Ujan

    Adil Hussain

... Upin

    Tillotama Shome

... Medha

Dati Tecnici

Nazione

 

India / Italia

Regia

 

Italo Spinelli

Sceneggiatura

 

Italo Spinelli / Mahasweta Devi

Fotografia:

 

Marco Onorato

Colonna Sonora

 

Iqbal Darbar

Produzione:

 

Bibi Film / Isaria Productions / Nirvana Motion Pictures / RAI Cinema

Distribuzione:

 

Istituto Luce

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................