La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Piccole Bugie Tra Amici

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI


06/04/2012
Piccole Bugie tra Amici

..............................

Piccole Bugie Tra Amici

(Les Petits Mouchoirs)

Film del: 2010     Genere: Drammatico
Durata: 154 minuti   Uscito al cinema il: 06/04/2012   


L'ambientazione è perfetta, non pretenziosa ne assurda, e l'escamotage della vacanza assolutamente calzante


Trama:

La consueta estate a Cap Ferret, nella grande casa sul mare, per un gruppo di amici parigini, ciascuno con il proprio stress, ciascuno con le proprie piccole bugie. E per tutti il dolore di una mancanza, l'amico rimasto solo a Parigi in ospedale dopo un gravissimo incidente.



Vota il film!

Voto medio: 6,60

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Piccole Bugie Tra Amici

La sveglia, vestirsi di fretta ed andare a lavoro. Il traffico, il capo, i colleghi. Gli amici, l'aperitivo, le chiacchere. L'ora di cena, la spesa, cucinare per la famiglia. E poi di nuovo: la sveglia, il traffico... Giorno dopo giorno, la frenesia di una routine che ci priva di tante cose, sopratutto di noi stessi.
Siamo cosi abituati a vivere mettendocela tutta per tenere il passo con un ritmo ferrato, dettato da necessità sociali che spesso sfuggono alla nostra comprensione, che difficilmente troviamo qualche minuto da dedicare a noi. Abbiamo proprio dimenticato come si faccia. Quando è stata l'ultima volta che vi siete fermati a riflettere su voi stessi?
Canet, va a toccare proprio questo tasto. Per due ore il cuore rallenta, l'anima prende fiato e le emozioni hanno la meglio. Il suo è un film vero, in cui è impossibile non riconoscersi.
Ogni personaggio infatti calca una particolare inclinazione del carattere umano, dal più sensibile al più strafottente, dal maniaco del controllo a colui che osserva; per poi arrivare a sciogliere gli scudi di cera, che ogni amico ha creato intorno a se. Possiamo non essere d'accordo con particolari modalità adottate da questo o quel personaggio nell'arco nella vicenda, ma è il privilegio dello spettatore, nella vita reale non funziona così, e dobbiamo riconoscere che per quanto in parti diverse, possediamo tutti ognuna delle sfumature rappresentate. In questo cocktail di umanità tutto ci arriva in maniera diretta e credibile, perfino i personaggi di passaggio entrano a far parte di noi.

Se il punto di partenza è un terribile incidente capitato ad uno di loro, prima delle vacanze, la chiave di svolta arriverà solo quando l'orrore e lo spavento si trasformeranno irrimediabilmente in tragedia.
L'impotenza nei confronti degli eventi non basta, l'intero gruppo di amici si nasconde dietro la scusa della logicità e della praticità, decidendo di partire come da programma, come se nulla fosse accaduto, come se, facendo finta di niente tutto possa sistemarsi. Dovranno superare il punto limite della loro forza caratteriale per iniziare a guardarsi dentro. E' così che funziona la vita, prima o poi, quale che sia la misura, deve succedere.

L'ambientazione è perfetta, non pretenziosa ne assurda, e l'escamotage della vacanza assolutamente calzante. Come prevede la routine, infatti, le nostre menti staccano, scappano dalla città, solo in quelle due settimane di ferie dal lavoro. La vacanza è l'unico periodo dell'anno avente il potenziale necessario per aprire spazi, piccoli archi di tempo, da dedicarci. Per poi scoprire che non bastano.
E allora rieccoci immersi nel solito via-vai. Come mostra il film; torniamo a mentire a noi stessi, agli altri – amici o familiari che siano – ricominciamo a mentire alla vita, ad evitare emozioni. Ma non puoi credere veramente di poterla prendere in giro; lei lo sa, e se anche in questo momento non lo dimostra, sappi che sta solo aspettando l'occasione giusta per fartelo capire.

(Alessia Sabattini)



Cast

Marion Cotillard   Marion Cotillard
(35 anni circa in questo film)

... Marie

François Cluzet   François Cluzet
(55 anni circa in questo film)

... Max Cantara

Benoît Magimel   Benoît Magimel
(36 anni circa in questo film)

... Vincent Ribaud

    Valérie Bonneton

... V?ronique Cantara

Jean Dujardin   Jean Dujardin
(38 anni circa in questo film)

... Ludo

Pascale Arbillot   Pascale Arbillot

... Isabelle Ribaud

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Guillaume Canet

Sceneggiatura

 

Guillaume Canet

Fotografia:

 

Christophe Offenstein

Produzione:

 

Les Productions du Trésor / Europa Corp / Canal+ / M6 / W9 / CCE / CinéCinéma / Caneo Films

Distribuzione:

 

Lucky Red

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................