La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Animal Kingdom

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




29/10/2010
Animal Kingdom il nuovo Scorsese?

..............................

Animal Kingdom

(Animal Kingdom)

Film del: 2010     Genere: Drammatico / Noir
Durata: 113 minuti   Uscito al cinema il: 30/10/2010   



Trama:

Josh Young è seduto sul divano accanto a sua madre, a guardare la televisione. Crediamo che la madre stia dormendo ma scopriamo che in realtà la donna è morta di overdose. Qualche istante dopo, irrompe in casa il personale paramedico, a portar via la madre. Rimasto solo, il figlio è costretto a trasferirsi da sua nonna e dai suoi zii. E' il violento ingresso di Josh nella vita adulta, che per lui sarà la vita del clan familiare un clan di gangster pericolosi, i suoi zii, che rispettano solo la forza, come nel regno animale. Josh è ancora giovane e debole, e cerca di mantenersi ai margini. Ma quando la polizia, per vendetta, uccide il più vulnerabile dei sui zii, Josh si ritrova nel bel mezzo del conflitto, costretto a scegliere tra la propria famiglia e il rischio di doverla tradire, per fare la cosa giusta. Ben presto Josh si rende conto che l'unico modo per sopravvivere è quello di imparare a giocare secondo le stesse regole spietate del suo clan, mostrare a tutti gli altri chi è il più forte. Ma non ha fatto i conti con sua nonna, in apparenza protettiva, ma in realtà pericolosa come una leonessa ferita che vede il proprio branco indebolirsi ed è disposta a qualunque cosa pur di proteggere i suoi cuccioli…



Vota il film!

Voto medio: 6,60

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Animal Kingdom

Premiato al Sundance Film Festival, ora presentato al V° Festival del Cinema di Roma, Animal Kingdom, il noir del debuttante regista australiano David Michod, approda nelle sale nostrane. Il New York Times lo ha definito la “risposta australiana a Scorsese”, e a ragione.
Dei gangster movie del regista americano ha molto, a partire dall’idea innervante dell’opera che è quella di raccontare e rappresentare una storia criminale mettendone in risalto i suoi risvolti più intimi e che fa delle relazioni tra i personaggi, e delle loro caratteristiche più profonde, l’elemento qualificante a discapito dell’azione in senso stretto.

Quale miglior soggetto, dunque, quello elaborato dallo stesso Michod, che ci racconta di una famiglia di malavitosi (una madre-Janine Weaver, bravissima - quattro figli ed un nipote) i cui accadimenti criminosi travolgono fino ad annullarla. Una madre che si muove come una leonessa che protegge i propri piccoli (anche se questi sono rapinatori e spacciatori) e che i propri ragionamenti sono ispirati da un realismo spietato e senza appello. Bacia i propri figli sulle labbra e ne consola i dispiaceri come se avessero rubato loro la merenda invece che portato via un fratello. Questa madre padrona del destino dei figli di cui nascostamente muove le fila, così lontana invero dalle donne dei mafiosi di ben più vicina conoscenza, è la figura centrale dell’opera. E costituisce, con la sua morbosa rete di relazioni, l’elemento che reca al film quell’originalità che lo rende qualcosa di diverso dai film del citato Scorsese ma anche, ad esempio, di Tarantino dei cui dialoghi non può non sentirsi l’influenza.
Molto giocato sulla psicologia dei personaggi, stilisticamente il regista si affida a lente riprese dove, come detto, i dialoghi assumono un ruolo primario e il confronto tra di loro ben è rappresentato da una messinscena ben curata e da un commento musicale che contribuisce a colorare pesantemente un’atmosfera plumbea come la Melbourne che Michod ben conosce.

E se, l’Edipo mal celato affiora spesso tra quelle grigie stanze, c’è anche lo spazio su riflessioni circa “il posto giusto” dove stare (il confronto tra il ragazzo-James Frecheville - ed il detective interpretato da Guy Pierce) o su quando è il momento di cercarsi un’occupazione meno pericolosa e più “normale”. Ma il paradigma di questi film sembra essere sempre lo stesso: una redenzione è impossibile se non con il più estremo dei sacrifici. Una legge inesorabile, nel regno degli animali.

(Daniele Sesti)



Cast

Guy Pearce   Guy Pearce
(43 anni circa in questo film)

... Leckie

Ben Mendelsohn   Ben Mendelsohn
(41 anni circa in questo film)

... Andrew 'Pope' Cody

Joel Edgerton   Joel Edgerton
(36 anni circa in questo film)

... Barry Brown

    Luke Ford

... Darren Cody

Dati Tecnici

Nazione

 

Australia

Regia

 

David Michôd

Sceneggiatura

 

David Michôd

Produzione:

 

Porchlight Films / Screen Australia

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................