La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Mammuth

Mammuth

(Mammuth)

Film del: 2010     Genere: Commedia
Durata: 89 minuti   Uscito al cinema il: 29/10/2010   



Trama:

Un operaio compie 60 anni e decide di andare in pensione. Scrupoloso lavoratore dall’età di 16 anni, non ha mai fatto un giorno d’assenza, mai un giorno di malattia. Ma appena prova a ritirare la meritatissima pensione, si imbatte nel muro implacabile della burocrazia...



Vota il film!

Voto medio: 6,67

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Mammuth

Dopo il successo di Louise-Michel i francesi Benoit Delepine e Gustave Kervern tornano a raccontarci una storia di emarginazione e isolamento condendola con gli ingredienti del surreale e del grottesco. Lo fanno con Mammuth dove un Gerard Depardieu, sempre più grasso e sempre più pietosamente normalizzato, interpreta un novello pensionato alla ricerca dei documenti necessari che una spietata burocrazia gli richiede per avere l’agognata pensione. A cavallo della sua Mammuth, una mitica moto degli anni ’70, di cui poi scopriremo il valore simbolico che riveste all’interno della storia, gira una Francia di provincia e periferia dove prevalgono l’indifferenza e l’insensibilità.

Il duo di registi d’oltralpe fotografano il loro film sgranando spesso le immagini fino a ridurle quasi ad una poltiglia di tremolanti puntini. Il loro cinema, fatto soprattutto di personaggi singolari quando non grotteschi o addirittura irreali, colpisce ancora una volta nel segno riuscendo a proporre un ventaglio di situazioni che vanno dalla amara comicità, al gusto per la creazione di situazioni surreali, fino al sottinteso intento di denuncia sociale (il mondo del lavoro, è sullo sfondo della vicenda che si racconta). Lo fanno, dunque, come detto, con uno stile personalissimo e con la capacità di disegnare maschere la cui forza e particolarità finiscono per prescindere dalla storia che si racconta, assumendo una propria autonomia ed indipendenza che ne giustificano l’esistenza e ne qualificano le peculiarità. Un cinema dove i dettagli degli oggetti, o un totale su una stanza da pranzo, sostituiscono quelle poche battute che costellano il film, spesso pronunciate senza particolari enfasi dagli attori, e accompagnate da una vacua fissità nello sguardo.

Nel raccontare la storia di Mammuth, dunque, che emblematicamente si muove “come un mammuth in un mondo di volpi” (esilarante il dialogo al citofono dove l’interlocutrice di Mammuth gli dice di andare sul “sito” per qualsiasi lamentela e lui urla “ma io sono sul sito!”), gli autori si concedono anche un elemento di sovrannaturale, con il personaggio interpretato da isabelle Adjani che chiude il cerchio della devozione del nostro eroe con le altre due figure femminili che costellano la sua esistenza (la moglie e la nipote) e che, in un finale onirico, apre la porta ad una parvenza di elemento consolatorio, se lo si vuol trovare...

(Daniele Sesti)



Cast

Gérard Depardieu   Gérard Depardieu
(62 anni circa in questo film)

... Serge 'Mammuth' Pilardosse

    Yolande Moreau
(57 anni circa in questo film)

... Catherine Pilardosse

Isabelle Adjani   Isabelle Adjani
(55 anni circa in questo film)

... vecchia fiamma di Serge

Anna Mouglalis   Anna Mouglalis

... l'handicappata

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Gustave de Kervern / Benoît Délepine

Sceneggiatura

 

Gustave de Kervern / Benoît Délepine

Fotografia:

 

Hugues Poulain

Colonna Sonora

 

Gaëtan Roussel

Produzione:

 

GMT Productions / No Money Productions / Canal+ / Monkey Pack Films / CinéCinéma

Distribuzione:

 

Fandango

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................