La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Kill Me Please

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Selezione Ufficiale

..............................



Kill Me Please

(Kill Me Please)

Film del: 2010     Genere: Commedia / Drammatico / Noir
Durata: 96 minuti   Uscito al cinema il: 14/01/2011   


Un giorno il suicidio sarà un diritto sancito dalla Costituzione


Trama:

Nella clinica del Dr. Kruger si ricoverano pazienti per richiedere il suicidio assistito. La morte indolore è l’ultimo desiderio per molte persone che hanno perso la voglia di vivere ma quando un incendio distrugge la cucina e la dispensa e gli abitanti della campagna circostante attaccano i ricoverati, la lotta per la sopravvivenza prevale su tutto.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Kill Me Please

Un’opera originale, surreale, dotata di un piacevolissimo humour nero, ricca di personaggi coloriti e forte di una sceneggiatura intrigante e assolutamente ben congegnata.

I protagonisti del film belga si ricoverano nella clinica del Dr. Kruger per sottoporsi a suicidio assistito. Il tema è scottante e molto attuale ma è trattato con dissacrante ironia. C’è la soprano che ha perso la sua voce di un tempo e non ha più motivo di vivere, c’è il figlio cui è stata negata l’eredità, stanco dopo infinite battaglie legali, c’è il marito che si è giocato la moglie a una partita di poker e c’è la giovane malata da anni che vuole porre fine alle sue sofferenze. Tutti hanno un motivo, più o meno valido, più o meno assurdo, per chiedere di morire.

La clinica, immersa in un bosco ricoperto di neve, ricorda molto l’Overlook Hotel di Shining mentre i dialoghi, spesso surreali, rimandano al Teatro dell’Assurdo di Beckett.
La fotografia cattura intrecci di alberi spogli come Caspar Friedrich nei suoi dipinti romantici mentre l’uso del bianco e nero acuisce l’aura da film horror che permea l’intera vicenda.
Un film interessante, singolare, grottesco, sicuramente macabro e sinistro.
Bravissimi tutti gli interpreti che hanno dato vita a personaggi variopinti ed eterogenei, tutti molto ben caratterizzati ed approfonditi. Il dottor Kruger, sinistra e inquietante figura, ricorda da vicino il Mr. Grady di Shining, il film che, principalmente per l’ambientazione e l’angoscia di certe sequenze, ricorda più da vicino Kill me please.
Uno dei pazienti afferma ad un certo punto: “un giorno il suicidio sarà un diritto sancito dalla Costituzione”. C’è da dire che, se è vero che il veleno che beve uno di loro, lo uccide in soli tre minuti, senza che abbia la benché minima reazione, non è poi tanto male come soluzione a dispetto delle sofferenze inflitte da certe malattie.
Tifiamo dunque per la black comedy di Olias Barco che ha tutte le carte in regola per vincere il Festival di quest’anno.

(Daria Castelfranchi)



Cast

Aurélien Recoing   Aurélien Recoing
(52 anni circa in questo film)

... Dr. Krueger

Benoît Poelvoorde   Benoît Poelvoorde
(46 anni circa in questo film)

... M. Demanet

Saul Rubinek   Saul Rubinek
(62 anni circa in questo film)

... M. Breiman

    Virgile Bramly

... Virgile

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Belgio

Regia

 

Olias Barco

Sceneggiatura

 

Olias Barco / Virgile Bramly / Stéphane Malandrin / Virgile Bramly / Stéphane Malandrin

Fotografia:

 

Frédéric Noirhomme

Produzione:

 

Les Armateurs / OXB Productions / Parti Production

Distribuzione:

 

Archibald

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................