La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

The Social Network

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2010
Fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/10/2010
Il film su Facebook conquista l'America


22/11/2010
Una spirale mozzafiato dietro la nascita di Facebook

..............................

The Social Network

(The Social Network)

Film del: 2010     Genere: Biografico / Drammatico
Durata: 121 minuti   Uscito al cinema il: 12/11/2010   


“Anche in Bosnia hanno Facebook, anche se non hanno ancora le strade.”


Trama:

In una sera d’autunno del 2003, lo studente di Harvard Mark Zuckerberg, un genio dell’informatica, siede al suo computer e inizia con passione a lavorare ad una nuova idea. Passando con furore tra blog e linguaggi di programmazione, quello che prende vita nella sua stanza diventerà ben presto una rete sociale globale che rivoluzionerà la comunicazione. In soli sei anni e con 500 milioni di amici, Mark Zuckerberg è il più giovane miliardario della storia ... ma per lui il successo porterà anche complicazioni sia personali, sia legali.



Vota il film!

Voto medio: 5,71

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: The Social Network

Se la ruota è stata inventata per favorire i trasporti di cose uomini e animali, il Social Network per eccellenza, e cioè Facebook (e non The Facebook) è stato ideato dal suo realizzatore (Mark Zuckerberg, oggi il più giovane miliardario della Terra) per rivalersi nei confronti di coloro che da sempre lo avevano tenuto lontano dai club esclusivi delle università americane, dai circoli che contano, dalle lobbies privilegiate dove si decidono i destini della nazione e del mondo. Sembra proprio essere questa la molla che spinge il giovane Zuckerberg a sviluppare, modificandola sostanzialmente, l'idea di un social network esclusivo e dedicato soltanto agli appartenenti degli eletti di Harward nel più grande spazio di incontro che esista sul web, Facebook per l'appunto. La storia che David Fincher ci racconta, è essenzialmente quella di un ragazzo ambizioso di arrivare là dove si conta, là dove generazioni e generazioni precedenti di Zuckerberg non sono mai arrivati, causa una società classista ed sostanzialmente chiusa pur nella loro illuminata apparenza. E paradigmatamente lo fa inventando il più popolare ed egualitario dei sistemi, con l'idea di Facebook. Sul Social Network siamo tutti uguali, per entrarci basta un'e-mail e una password di fantasia, non è necessario un pedigree di giudici ed avvocati che costellino la nostra sala degli avi.

Il regista di Zodiac si affida alla solidissima sceneggiatura di Aaron Sorkin per spiegare la genesi del fenomeno di dimensioni mondiali che sembra non soffrire una battuta d'arresto. Un lavoro di scrittura che ha come prologo una lunga scena iniziale nella quale con campi e controcampi quasi ossessivi, conosciamo il giovane Mark, personaggio il cui arco di sviluppo trova la sua compiutezza nella battuta finale che gli rivolge il suo avvocato: “Non sei stronzo, vuoi fare lo stronzo”. In mezzo, la storia delle due cause affrontate e brillantemente vinte considerando le “briciole” delle quali gli avversari si sono dovuti accontentare, sciorinate con il ritmo di un thriller e disegnate con la pignoleria di un cesellatore medievale. Minuzie seminate qua e là, una battuta di spirito per evidenziare l'algida nobiltà di una classe “non abituata a perdere”, una risposta acida per rimarcare la spietatezza di chi ha voglia di arrivare ad ogni costo. Sullo sfondo l'eterna lotta tra le classi in movimento, maree contrastanti, ora pronte a confondersi per un comune interesse, ora pronte a combattersi con generali in cravatta e tailleur, i propri avvocati. Una guerra senza vincitori né vinti, anzi, con un unico assoluto trionfatore, il web. Questa ragnatela alla quale ci affidiamo e ci aggrappiamo per intessere rapporti, per informarci ed informare, per conoscere ma anche per spiare con compulsività da voyeur, per mostrarci e mostrare, evidentemente un bisogno dell'uomo da sempre, dal tam tam fino ai giorni nostri. Il tutto con pochi spiccioli; in fondo “anche in Bosnia hanno Facebook, anche se non hanno ancora le strade.”

(Daniele Sesti)



Cast

Jesse Eisenberg   Jesse Eisenberg
(27 anni circa in questo film)

... Mark Zuckerberg

Andrew Garfield   Andrew Garfield
(27 anni circa in questo film)

... Eduardo Saverin

Rooney Mara   Rooney Mara
(25 anni circa in questo film)

... Erica

Justin Timberlake   Justin Timberlake
(29 anni circa in questo film)

... Sean Parker

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

David Fincher

Sceneggiatura

 

Aaron Sorkin

Fotografia:

 

Jeff Cronenweth

Colonna Sonora

 

Trent Reznor / Atticus Ross

Produzione:

 

Columbia Pictures / Relativity Media / Michael De Luca Productions

Distribuzione:

 

Sony Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................