La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Potiche - La Bella Statuina

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2010
Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI


21/10/2010
Quella bella statuina di una Deneuve

..............................

Potiche - La Bella Statuina

(Potiche)

Film del: 2010     Genere: Commedia
Durata: 103 minuti   Uscito al cinema il: 05/11/2010   


La commedia pro femminista di Ozon è vecchia e obsoleta e risente per la prima parte dell'origine teatrale.


Trama:

1977, Sainte-Gudule, Francia del Nord. Suzanne è una moglie tutta casa e famiglia sottomessa al ricco industriale Robert Pujol. A seguito di uno sciopero Suzanne si trova a dirigere l'azienda...



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Potiche - La Bella Statuina

In francese “Potiche” è un soprammobile inutile e di poco prezzo e anche un modo per definire in modo dispregiativo una donna senz'arte né parte che vive all'ombra del marito. All'inizio del film Suzanne è una “Potiche” nel senso più puro: si dedica alla poesia naturalistica, fa qualche lavoretto domestico a tempo perso ma in generale fa davvero molto poco all'interno della famiglia. Suo marito Robert ha in gestione l'industria di ombrelli del padre di Suzanne. Un industria in forte declino e caratterizzata da una forte conflittualità tra direzione e sindacati. Finché, per una di quelle svolte incredibili che accadono solo nella finzione, Suzanne assume la direzione dell'azienda.

“Potiche” (in italiano Quel genio di mia moglie) è tratto dall'omonima opera teatrale di Barillet e Grédy ambientata negli anni '70. Quest'epoca è stata mantenuta per scelta di Ozon perché paradossalmente poteva risultare ancora più attuale, pur riportando un tipo di conflittualità “di classe” che oggi non esiste più, o che comunque esiste in termini molto diversi. Due terzi del film risentono pesantemente dell'origine teatrale e il testo originale è peraltro piuttosto convenzionale e farcito di gergo e slogan fortemente ideologici. La natura implicitamente grottesca di molte situazioni peraltro non rende questo linguaggio meno desueto o irritante. Fin dall'inizio c'è poco mordente, scarso umorismo e una ricerca di comicità del tutto intellettuale che non raggiunge il proprio obiettivo e non convince.

Il cast è quello delle grandi occasioni: Catherine Denevue, Gerard Depardieu e il bravo Fabrice Luchini, qui leggermente sotto tono. Peccato che la Denevue ormai abbia così tanto botulino che farle emergere sul viso un espressione coerente sia facile quanto far passare una palla da tennis attraverso un muro di mattoni: non c'è storia.

Il film di Ozon comincia a funzionare nel momento in cui si discosta dalla stesura teatrale di partenza ed esce dagli ambienti chiusi in cui si svolge la piece. Scelta felice, che rappresenta la fuga dalla gabbia di Suzanne, ma che arriva in maniera tardiva e insufficiente a risollevare le sorti dell'intero film. Unico momento davvero memorabile è la “poesia della segretaria”, piena di una dolente e innegabile verità.

(Mauro Corso)



Cast

Karin Viard   Karin Viard
(44 anni circa in questo film)

Catherine Deneuve   Catherine Deneuve
(67 anni circa in questo film)

... Suzanne Pujol

Gérard Depardieu   Gérard Depardieu
(62 anni circa in questo film)

... Maurice Babin

Fabrice Luchini   Fabrice Luchini
(59 anni circa in questo film)

... Robert Pujol

    Judith Godrèche
(38 anni circa in questo film)

... Nad?ge

Sergi López   Sergi López
(45 anni circa in questo film)

... lo spagnolo

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

François Ozon

Sceneggiatura

 

François Ozon / Jean-Pierre Grédy / Pierre Barillet

Produzione:

 

Mandarin Cinéma / Scope Pictures

Distribuzione:

 

Bim

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................