La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Venere Nera

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2010
Concorso

..............................



Venere Nera

(Venus noire)

Film del: 2010     Genere: Drammatico
Durata: 166 minuti   Uscito al cinema il: 17/06/2011   


Ma Kechiche, nonostante la durezza di alcune sequenze e l’implicito dolore di altre, non suscita la lacrima facile o lo strazio


Trama:

Parigi, 1817, Accademia reale di Medicina. “non ho mai visto testa umana più simile a quella delle scimmie”. Di fronte al calco del corpo di Saartjie Baartman, l’anatomista Georges Cuvier è categorico. Un parterre di distinti colleghi applaude la dimostrazione. Sette anni prima, Saartjie lasciava l’africa del sud con il suo padrone, Caezar, per andare ad offrire il suo corpo in pasto al pubblico londinese delle fiere e degli zoo umani. Donna libera e schiava al tempo stesso, la “venere Ottentotta” era l’icona dei bassifondi, promessa al miraggio di un’ascesa dorata.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Venere Nera

Tre anni dopo il grande successo di Cous Cous, Kechiche torna al cinema con un’epopea drammatica e commovente. Il regista tunisino, trapiantato in Francia, affronta una storia forse poco conosciuta ma degna di essere raccontata e resa sul grande schermo con grande maestria e delicatezza. La macchina da presa indugia senza malizia sul corpo della giovane donna africana, studiata ed esaminata senza pietà, esibita come un fenomeno da baraccone, umiliata e insultata a più riprese. Dagli spettacoli per il pubblico dei bassifondi londinesi, a quelli per i salotti bene – e non – di Parigi, fino alla triste conclusione in un bordello, la vita di Saartje è scandita dalle sue esibizioni e dal suo dolore, dalla sua solitudine e dalla sua innocenza. La scelta di un’attrice non professionista si è rivelata vincente, perché il personaggio di Saartjie ci viene restituito con grande naturalezza. Nessun volto noto da giudicare ma solo una donna che ha reso omaggio, con immensa bravura, ad una sua simile che ha sostenuto un vuoto incommensurabile. La regia di Kechiche è composta e coinvolgente al tempo stesso: il montaggio è più fluido durante le pause narrative e si fa nervoso quando la storia raggiunge picchi drammatici.

La perfetta ricostruzione degli ambienti di inizi ‘800 è visibile nell’aula di medicina, negli abiti stile impero delle donne, nell’arredamento, sia rustico che sontuoso.
“Aprire le gambe per dei signori così illustri è un onore” le dice il domatore Réaux: ma Saartjie non vuole spogliarsi del tutto e alla sua morte, gli scienziati fanno scempio di lei e della sua intimità, tagliando letteralmente quei genitali che tanta curiosità suscitavano nei medici di allora.
Alla violenza fisica, si aggiunge la ben più brutale violenza morale. Ma Kechiche, nonostante la durezza di alcune sequenze e l’implicito dolore di altre, non suscita la lacrima facile o lo strazio.
Si crea empatia con il personaggio, si prova compassione per quella donna che, a detta dello stesso regista, racchiude in sé tutti i motivi di oppressione verso un essere umano di sesso femminile.
Ma la forza di Saartje è trascinante e smorza il pietismo che le sue vicissitudini potrebbero sollevare. La lunghezza di Venere Nera, circa due ore e mezza, potrebbe scoraggiare ma attenzione: nell’epopea della venere ottentotta non vi è mai un momento di stasi o di noia. E’ un film da non perdere, una storia da conoscere.

(Daria Castelfranchi)



Cast

    Yahima Torres

... Saartjie 'Sarah' Baartman

Olivier Gourmet   Olivier Gourmet
(47 anni circa in questo film)

... R?aux

    André Jacobs

... Hendrick Caezar

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Abdellatif Kechiche

Sceneggiatura

 

Abdellatif Kechiche / Ghalia Lacroix

Fotografia:

 

Lubomir Bakchev

Produzione:

 

Canal+ / MK2 Productions / France 2 Cinemà / CNC / CinéCinéma

Distribuzione:

 

Lucky Red

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................