La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Sono Viva

Sono Viva

(Sono viva)

Film del: 2010     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 87 minuti   Uscito al cinema il: 28/05/2010   



Trama:

Rocco trova un lavoro un po' particolare, ma remunerato bene: fare il guardiano del cadavere di Silvia. IL problema è che sul decesso ci sono storie sempre diverse.



Vota il film!

Voto medio: 4,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Sono Viva

Ci sono opere prime che sembrano fatte da registi con decenni di carriera sulle spalle e opere prime che sembrano quanto di più acerbo ci possa essere. E' ovvio che l'approccio più normale è proprio il secondo perché è più naturale non avere, all'inizio, una cifra stilistica troppo forte e unica. Non si può dire che Dino e Filippo Gentili siano proprio all'inizio nel mondo del Cinema (entrambi navigati sceneggiatori) eppure, questo primo film direttamente dietro la macchina da presa, fa proprio parte del gruppo degli “acerbi”. D'altra parte una cosa è fare solo lo sceneggiatore una cosa è fare anche il regista.

Tenendo conto che l'idea di base (un personaggio che deve sorvegliare una morta non sapendone il motivo) è molto buona e tenendo conto del fatto che gli attori sono tutti molto efficaci nel rendere un certo senso di mistero che sicuramente fa parte del genere, sembra comunque che manchi qualcosa. Come in una partita a carte, quando uno dei giocatori si incarta e non riesce più a chiudere, qui i due sembrano inseguire varie strade che non sembrano portare da nessuna parte.

Cioè: il film non è brutto, ma c'è la sensazione che sia tutto un po' sfilacciato. A partire dai personaggi che non sono perfettamente caratterizzati (eccetto il protagonista, gli altri vanno e vengono senza che noi si possa dargli, perlomeno, una collocazione), fino ad arrivare a quella tensione che sembra debba esserci ma non c'è mai, tutto sembra camminare in equilibrio su un filo con la sensazione forte che prima o poi si cada. E tutto questo “sentire” non è sicuramente voluto come forse il genere richiederebbe.
Il punto è che questo senso di sballottamento deriva dal fatto che le entrate e le uscite di scena, in questa sorta di psicodramma (perché è più questo che un thriller), sono dettate da regole a noi sconosciute. Sappiamo che c'è un padre, un fratello, un amico, una barista, una voce al telefono e tant'altro ma non sappiamo che vogliono, perché appaiono, perché se ne vanno e perché riappaiono. Ci sarebbe da chiedersi: che vogliono? Forse però sono solo simboli, come in tanto teatro contemporaneo. E se così fosse sarebbe il caso di reinterpretare questo Fuori Orario minore, da un punto di vista un po' più alto di quello riduttivo del Cinema di genere. Se così fosse perché, altrimenti, ci saremmo incartati anche noi e chi può saperlo?

(Renato Massaccesi)



Cast

    Guido Caprino

... Adriano Resti

Giorgio Colangeli   Giorgio Colangeli

... Marco Resti

    Massimo De Santis

... Rocco

    Emanuela Galliussi

... Mariam

Marcello Mazzarella   Marcello Mazzarella

... Gianni

Giovanna Mezzogiorno   Giovanna Mezzogiorno
(36 anni circa in questo film)

... Stefania

    Vlad Alexandru Toma

... Vlad

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Dino Gentili / Filippo Gentili

Sceneggiatura

 

Dino Gentili / Filippo Gentili

Fotografia:

 

Vittorio Omodei Zorini

Colonna Sonora

 

Giovanni Venosta

Produzione:

 

Metafilm

Distribuzione:

 

Iris Film

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................