La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Agora

..............................
ARTICOLI CORRELATI




20/04/2010
Il peplum di Amenabar

..............................

Agora

(Agora)

Film del: 2009     Genere: Peplum
Durata: 127 minuti   Uscito al cinema il: 23/04/2010   



Trama:

La storia e la morte per mano dei cristiani della matematica, filosofa e astronoma Ipazia vissuta tra il 370 e il 415 d.C. nella fiorente città di Alessandria d’Egitto.



Vota il film!

Voto medio: 5,60

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Agora

“Il pensiero ha le ali, nessuno può arrestarne il volo” pronunciava il filosofo del XII secolo d.C. Ibn Rushd (noto come Averroè) nel film Il destino del regista egiziano Youssef Chanine. Per un’opera che finisce con uno spiraglio di speranza, ve n’è un’altra che prende in prestito queste stesse parole per una riflessione accorata sul peggiore dei mondi possibili.

La città di Alessandria d’Egitto di circa 1700 anni fa ci appare insieme crogiolo d’idee forti e di prassi libera, un luogo dove una donna - ben lungi dal partecipare a uno stato di sottomissione - è parte attiva della comunità e per questo motivo viene tenuta nella giusta considerazione dagli uomini. Così l’autorità in questione della matematica Ipazia e di come la rivelazione possa essere interpretata solo attraverso lo studio è assolutamente fuori discussione. Ma, la vita sulla terra esibisce con una certa disinvoltura la resa dell’immobilismo storico allo sviluppo di una società nuova e ingiusta. I cristiani iniziano a parlare lo stesso linguaggio dell’intolleranza dei pagani, mentre tutt’attorno l’impero romano sprofonda nel medioevo dell’anima. Eventi storici e problemi contemporanei si riflettono senza soluzione di continuità.

Agora è un kolossal spettacolare da 50 milioni di euro di budget, una super produzione all’insegna dell’illuminismo razionale contro i dogmatismi mistici irraggiungibili dalla ragione. Dal momento che la pellicola abbraccia simili impulsi filosofici, Alejandro Amenábar non stenta a considerarlo uno dei suoi film più morali.
Ne è segno il modo in cui l’autore spagnolo enfatizza la cecità dei costumi religiosi, bloccando la questione in una prospettiva integralista e manichea.

“L’ora di religione laica” del premio Oscar Amenábar è pertanto un’educazione poco aperta nel suo essere estremamente faziosa. Aspettiamo di vedere come la chiesa cattolica si pronuncerà in merito. Un’osservazione è comunque il caso di farla: con le proprie sonore sentenze e il peso delle noiose lezioni di astronomia impartite, l’opera non contribuisce ad affascinare il pubblico a un punto tale da creare un meccanismo di totale identificazione.

Il peplum post-litteram di Amenábar potrebbe, però, imporsi all’attenzione dello spettatore facendo leva sul fatto di volersi ispirare a eventi reali mai portati prima d’ora sullo schermo, circostanze del passato poco documentate per le quali il filmaker ha richiesto l’aiuto e i servizi di diversi consulenti esterni. Dopotutto, la raffinatissima attrice Rachel Weisz possiede la dose giusta di bellezza, intelligenza e forza per riabilitare dall’oblio la figura proto-femminista di Ipazia.

Questo tipo di genere cinematografico abbandonato con l’avvento del sonoro e poi ritornato in auge negli anni ’50 grazie a film come Ben Hur e Gli ultimi giorni di Pompei potrebbe così rinascere tramite un’eroina femminile, esattamente com’era venuto alla luce nel lontano 1914 per mezzo della Cabiria di Giovanni Pastrone.

(Maria Cristina Caponi)



Cast

Rachel Weisz   Rachel Weisz
(38 anni circa in questo film)

... Ipazia

Max Minghella   Max Minghella

... Davus

Oscar Isaac   Oscar Isaac
(29 anni circa in questo film)

... Oreste

    Ashraf Barhom

... Ammonius

Michael Lonsdale   Michael Lonsdale
(78 anni circa in questo film)

... Theon

    Richard Durden

... Olympius

Dati Tecnici

Nazione

 

Spagna

Regia

 

Alejandro Amenábar

Sceneggiatura

 

Alejandro Amenábar / Mateo Gil

Fotografia:

 

Xavi Gimenez

Colonna Sonora

 

Dario Marianelli

Produzione:

 

Mod Producciones / Telecinco Cinema / Himenóptero / Canal+ España

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................