La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Bright Star

Bright Star

(Bright Star)

Film del: 2010     Genere: Biografico
Durata: 119 minuti   Uscito al cinema il: 11/06/2010   


Quello che colpisce della vita di Keats è l’assoluta identificazione nei personaggi e nelle tematiche della sua poetica


Trama:

Biografia degli ultimi anni di vita del poeta John Keats.



Vota il film!

Voto medio: 5,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Bright Star

La regista neozelandese Jane Campion torna ai film in costume per mettere in scena la storia d’amore tra il poeta John Keats e Fanny Brawne, sua vicina di casa.
La liaison tra Keats, universalmente conosciuto come uno dei maggiori poeti romantici inglesi e non solo, e la giovane Fanny si snoda tra gli angusti limiti dell’epoca (siamo agli inizi dell’ottocento) che non permetteva ad un giovane senza rendita e senza lavoro (il poeta, per l’appunto) neanche di pensare di poter sposare una benestante. Fanny, per certi versi antesignana di una emancipazione femminile che inizierà un secolo più tardi, grazie anche ad una famiglia tollerante, riuscirà comunque a coronare, anche se per poco, la sua aspirazione di diventare la fidanzata del poeta.

Quello che colpisce della vita di Keats è l’assoluta identificazione nei personaggi e nelle tematiche della sua poetica. Come immagineremmo un poeta romantico dell’ottocento? Squattrinato, vestito con una giacca lisa, dal fisico esile e la salute cagionevole. Il personaggio, interpretato da Ben Winshaw, disegnato dalla Campion, ricalca perfettamente questo stereotipo, così come la storia d’amore altro non poteva essere che tormentata e disseminata di ostacoli. Se quindi la vicenda amorosa è di quelle da catalogare tra le storie “impossibili” meno prevedibili e scontate sono le riflessioni su vita e poesia, l’impegno artistico e la leggerezza del civettare, disseminate tra un dialogo e l’altro, tra uno sguardo appassionato ed una occhiata furtiva. Così come fortemente espressivo è sembrato il taglio del rapporto tra il poeta ed il suo amico e collega Brown (adombrata una certa omosessualità latente) ed il suo epilogo squallido ed inglorioso.

La Campion, maestra nella rappresentazione dei sentimenti e nel racconto delle relazioni, qui si fa sfuggire di mano la materia prima del suo cinema, probabilmente accecata dalla personalità artistica del suo personaggio protagonista il quale, come detto, non riesce a rappresentare scevro da alcuni luoghi comuni. La sua cifra stilistica è però ancora integra e fertile. Ne sono testimonianza le bellissime inquadrature della natura, come già accaduto in precedenza emblematica di situazioni psicologiche fino a diventare quasi una parte del copione (vedasi per tutte le sequenze delle farfalle o quei soffi di vento improvvisi che gonfiano bianche tende) e quelle riprese attraverso un vetro spesso dal quale intravediamo visi intuendo passioni e disperazioni.

(Daniele Sesti)



Cast

Ben Whishaw   Ben Whishaw
(30 anni circa in questo film)

... John Keats

    Kerry Fox
(44 anni circa in questo film)

... Isabella Brawne

Abbie Cornish   Abbie Cornish
(28 anni circa in questo film)

... Fanny Brawne

    Paul Schneider

... Mr. Brown

    Edie Martin

... Margaret Brawne

    Antonia Campbell-Hughes

... Abigail 'Abby' O'Donaghue Brown

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / Australia / Francia

Regia

 

Jane Campion

Sceneggiatura

 

Jane Campion / Andrew Motion

Fotografia:

 

Greig Fraser

Colonna Sonora

 

Mark Bradshaw

Produzione:

 

Pathé / Screen Australia / BBC Films

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................